SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Cambia in extremis la formula della B, ma per la Pallacanestro Senigallia è una beffa

Trasferte lunghe e nessun derby, inizio del torneo rinviato al 29 novembre

484 Letture
commenti
Salumificio Angeloni - Salumi della tradizione marchigiana - Castelvecchio di Monte Porzio (PU)
Goldengas-Rimini
La Fip accoglie la proposta presentata nei giorni scorsi dalla LegaPallacanestro e dà il via libera al cambio di format del torneo di serie B 2020-21.
 

Non ci saranno più dunque 4 gironi da 16 squadre come nelle stagioni passate ma 8 gironi da 8: quello che fino a ieri era il girone C in base alla formulazione di agosto, ora viene diviso in due gruppi, ribattezzati C1 e C2 e formati come anticipato dal Carlino nei giorni scorsi.
 
Le marchigiane vengono cioè divise: la Goldengas Senigallia finisce nel C1, a nord con venete e friulane (Virtus Padova, Unione Padova, San Vendemiano, Vicenza, Mestre, Cividale del Friuli e Monfalcone); Ristopro Fabriano, The Supporter Jesi, Luciana Mosconi Ancona finiscono invece nel C2, con Civitanova, Sutor Montegranaro, Roseto degli Abruzzi, Giulianova e Teramo. 
 
Erano state le società, in gran numero tra le 64 iscritte, a chiedere alla Lega, organizzatrice del torneo, di intercedere presso la Fip (cui spetta l’ultima parola) per una formula più adeguata al momento attuale, col Coronavirus che, oltre a mietere vittime, continua a creare problemi al regolare svolgimento dei campionati.
 
Dunque la B non inizierà più domenica 22 novembre ma domenica 29 novembre (ancora a porte chiuse), articolandosi non più in 30 giornate di stagione regolare ma soltanto in 14, tra andata e ritorno.
 
Dopo l’ultima giornata (7 marzo 2021) ogni squadra dei gironi C1 e C2 giocherà poi altre 8 partite di sola andata (4 in casa ed altrettante fuori) con le altre 8 formazioni dell’altro gruppo non incontrate nella prima fase della nuova formula.
 
Qui dunque arriveranno i primi derby stagionali pure per la Goldengas, di certo non fortunata invece nel finire inizialmente, unica marchigiana, nel C1, senza derby e con tante lunghe trasferte.
 
La classifica finale, su cui basare la griglia di play-off e play-out, sarà calcolata sul risultato dunque di 22 partite e sarà unica per tutte e 16 le squadre dei sottogruppi C1 e C2.
 
Ai play-off andranno come sempre le prime 8 dei 4 grupponi da 16, da cui scenderanno direttamente soltanto le ultime classificate.
 
Play-out tra la 12ª e la 15ª di ogni girone, per un’altra retrocessione. 
 
Per le 64 partecipanti, ci saranno dunque alla fine complessivamente 4 posti per salire in A2 e 8 retrocessioni in C Gold, di cui 4 dirette ed altrettante ai play-out.
 
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura