SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Situazioni paradossali all’interno del cimitero delle Grazie”

Comitato Tombe Ipogee: "Tutte le bare accumulate nell'obitorio in modo indecente e anche privo della dovuta sicurezza sanitaria"

1.357 Letture
commenti
Senigallia Bene Comune - vota Sartini, Pizzi, Mazzaferri - Elezioni comunali Senigallia 2020
Camera mortuaria cimitero Le Grazie

Dopo aver letto di un senigalliese attualmente residente a Milano che in visita ai congiunti nel Cimitero del Grazie di Senigallia ha trovato un degrado e un caos fuori dall’ordinario ora andiamo ad analizzare il perchè ed aggiungere purtroppo altre tragiche situazioni.

Perché si è arrivati a questo punto?
L’amministrazione di Senigallia prima della fine dell’ultimo mandato, Aprile 2019, si è adoperata per approvare una ordinanza che penalizza 1.500 proprietari di tombe ipogee e che, per seppellire i loro cari, devono spendere di tasca propria o per sistemare il manufatto di proprietà o per acquistare un nuovo loculo comunale in vetro resina.

Non solo, essendo terminati quelli di Roncitelli, rimasti solo 2 a Senigallia ecco che, terminati questi ultimi due, un nostro cittadino non potrà più essere seppellito nella tomba ipogea di proprietà per l’ordinanza Comunale imposta ma sarà trasportato in un loculo comunale in vetro resina a Montignano del costo di 2.200 euro. Dicano i cittadini se in questa imposizione alberga il buon senso!

Ma, forse sopraffatti dal lavoro, i nostri ex-amministratori si sono dimenticati del decoro del nostro Cimitero: pieno di erbacce e con strade sconnesse.
Sarà un caso visto che la pulizia incide nella casse Comunali?

Inoltre ci chiediamo perchè altre “inumazioni fuori terra” dietro il convento delle Grazie se quelle all’ingresso del Cimitero sono attualmente ferme? E per fortuna diciamo visto l’impatto negativo che danno al visitatore, sembrano tombe in un campo di battaglia.

A fronte di questa incuria, sollecitato da numerosi cittadini che hanno segnalato questa gravissima negligenza, il Comitato Tombe Ipogee il 03 Luglio c.a. ha chiesto di visionare gli atti amministrativi di assegnazione della gara per la pulizia del verde cimiteriale, la cura delle erbacce e delle piante.

Dopo 60 e più giorni nonostante solleciti continui ancora il Comune non li ha inviati: che ci sia qualcosa che i cittadini non debbono conoscere?

Nel frattempo nel caos più assoluto si susseguono nell’obitorio cimiteriale scene tristi e incresciose.

Il fine settimana è un vero tormento per i cittadini che devono seppellire un proprio caro.
Al dolore e all’angoscia si aggiunge anche l’organizzazione cimiteriale paradossale imposta: le tumulazioni terminano il venerdì alle 11,30 per riprendere il Lunedì mattino e per tre giorni non si fanno più sepolture!

E nel frattempo le bare si accumulano e i familiari si indignano del trattamento loro riservato: tutte le bare sono accumulate entro l’obitorio in modo indecente e anche privo della dovuta sicurezza sanitaria, necessaria ancor più oggi in tempo di coronavirus.

Tutti sanno della situazione ma non vi sono iniziative in atto per superare queste criticità.

L’unica iniziativa è quella di chiamare i vigili municipali, che con tutta la professionalità, competenza e gentilezza di cui sono dotati tentano di calmare le situazioni più incresciose.

Ma ultimamente con l’accumularsi di più bare, alcune anche scoperte, i familiari hanno cominciato a protestare fragorosamente, alcune volte a piangere e, vinti dal dolore, a prendersela con chi era li vicino chiamato per sedare queste incresciosi situazioni: gli incolpevoli i vigili della Polizia municipale ai quali va tutta la nostra solidarietà.

Poi hanno comunque capito che la pattuglia municipale era li per fare solo il suo dovere e che relazionerà l’increscioso incidente a chi di dovere.

Naturalmente siamo molto vicini anche a quelle famiglie che subiscono questa (dis)organizzazione in un momento per loro di indicibile sofferenza e di disperazione.
Siamo invece molto meno vicino a chi ha l’onere di sanare queste situazioni deplorevoli e da terzo mondo e non lo fa.

Totò diceva “A morte è ‘na livella”… Cari amministratori la morte appiattisce ogni differenza sociale e la dignità è dovuta a tutti, a prescindere dal ceto.

 da Comitato Cittadino Tombe Ipogee Senigallia

Commenti
Ci sono 3 commenti
mimmo990
mimmo990 2020-09-07 21:49:50
Se volete denunciare chiamate i carabinieri, o la polizia. Lasciate perdere la polizia municipale.
favi umberto 2020-09-08 08:20:39
Forse occorre ifare l'appalto per il servizio scrivendo un capitolato preciso e cacciale la ditta attuale ma per questo ci vuole una dirigenza capace non quella che c'è
fra77 2020-09-08 10:25:55
Capisco,ma non approvo,che bisogna dare sempre colpa all'ultimo anello della catena,ovvero sindaco ed amministrazione comunale. Sulle tombe ipogee l'ordinanza fatta dal comune,probabilmente,è stata scritta dietro sollecito della ditta a non avere tali lavori se non con requisiti di sicurezza.
Riguardo agli appalti non penso che bisogna dare colpa all'amministrazione. Per non fare danno erariale,qualsiasi amministrazione deve scegliere la ditta più conveniente,e spesso ci si ritrova con ribasso oltre il 40% e quindi per forza bisogna scegliere quell'appalto.
Semmai bisogna cambiare il codice degli appalti ma serve una normativa nazionale.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!