SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Caffespresso - Macchina da caffè a capsule Rekico in offerta

Senigallia, sanità: si è dimesso Giovanni Consalvo, primario di Senologia

Il dirigente ha messo fine al rapporto con l'Ospedale dopo 38 anni di attività

5.001 Letture
Un commento
L'ospedale di Senigallia

Terremoto nella sanità senigalliese: si è dimesso il dottor Giovanni Consalvo, primario di Senologia e direttore della Diagnostica per Immagini dell’Ospedale. Il medico, punto di riferimento del nosocomio locale, ha presentato il 28 novembre le sue dimissioni, ponendo così fine al rapporto con l’Ospedale dopo 38 anni di attività.

Il Dott.Consalvo ha speso gran parte della sua carriera alla crescita dell’unita di radiologia ed ha portato la senologia dell’ospedale senigalliese ad essere un punto diGiovanni Consalvo eccellenza in tutta l’Area Vasta.

Commenti
Solo un commento
Franco Giannini
Franco Giannini 2018-12-01 16:00:27
Un doveroso, caloroso e sentito GRAZIE al Dr. Giovanni Consalvo a cui devo personalmente ancora l'esistenza su questa terra, di mia moglie.
Non di certo grazie a quell'Eccellenza vera e propria che abbiamo in quel di Senigallia che è il CORPO GUASTATORI che si è incuneato nei vari reparti del nostro Ospedale, una volta, SI, veramente perla di una Sanità che non c'è più.
Però bisogna essere onesti e dare atto a questi GUASTATORI che sono veramente bravi a danneggiare, supportati grazie anche alla (loro) politica di appartenenza ed alla qualità dei politicanti in essa operanti.
Ed ora siamo solo in attesa di leggere le baggianate giustificative, dei vari sottopanza politici e non - anche se credono di essere qualche cosa di più, altro non sono - che saranno pronti a raccontarci. Non di certo leggeremo mai un loro esame sul perché di questi abbandoni, di queste lamentele, di questi disservizi, perché essi si credono di possedere il dono dell'infallibilità, quando invece la loro unica arma è solo ed unicamente il possesso di un' anima indemoniata.
Sappiano costoro però, che i cittadini non sono più disposti a berle, salvo, ben s'intende coloro che ancora posseggono la tessera del "partito" (a quel che sembra oramai "partito" per chi sa dove) con la speranza di qualche beneficio o il proseguo del mantenimento di uno scranno. Ma la speranza che è l'ultima a morire, mi fa sognare che siano gli ultimi sberleffi di un Sansone che voglia morire con tutti i filistei, una specie di coro a quattro voci (e non di certo bianche) che se le cantano e se le suonano, prima che il Titanic affondi.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno