SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Optovolante - Ottica a Senigallia - Centro ottico e optometrico

Incontro di Liberi e Uguali a Senigallia: “non c’è nessuna emergenza immigrazione”

Presente anche la candidata alle politiche 2018 Beatrice Brignone - FOTO

2.617 Letture
commenti
Beatrice Brignone

Si è tenuto lunedì pomeriggio 19 febbraio al Caffè Zepplin in via Cavallotti, nel quadro  delle iniziative della campagna elettorale per le elezioni politiche del 4 marzo 2018 un incontro dal titolo “Migrazioni, diritti umani ed accoglienza” con la partecipazione di Beatrice Brignone, candidata per Liberi e Uguali nei collegi uninominale di Fano-Senigallia e plurinominale di Marche Nord, collegio, quest’ultimo che racchiude le province di Ancona e Pesaro-Urbino, Carlo Girolametti assessore al welfare del comune di Senigallia ed Elly Schlein parlamentare europea che da anni è impegnata sul tema delle migrazioni e dell’integrazione.


Dopo un saluto e un’introduzione di Carlo Girolametti c’è stato l’intervento molto apprezzato e applaudito di Elly Schlein che ha toccato vari punti riguardo a  questo argomento.

L’europarlamentare di Liberi e Uguali ha voluto per prima cosa sottolineare il fatto che la sua forza politica di appartenenza è l’unica che affronta questo tema  in maniera approfondita e non demagogica tentando di smascherare quelle presunte  verità che vorrebbero dipingere la situazione legata all’immigrazione e all’integrazione come una situazione emergenziale.

“In realtà” ha detto Schleinnon c’è nessuna emergenza e tantomeno c’è un invasione in corso, nè in Italia, nè in Europa dove a fronte di 500.000.000 di abitanti ci sono appena 1.300.000 di persone richiedenti la protezione internazionale che spetta a profughi e rifugiati, lo 0,25% dell’intera popolazione europea. Inoltre i cittadini stranieri  residenti in Italia ovvero coloro che sono regolarmente soggiornanti sono cinque milioni  di cui un milione e mezzo europei, gli extracomunitari sono quindi tre milioni e mezzo su  una popolazione di circa sessanta milioni di abitanti e quindi i cittadini extracomunitari  presenti in Italia e regolarmente residenti sono poco più del 5% del totale dell’intera popolazione italiana”.

Incontro Liberi e Uguali a SenigalliaAltri due dati molto importanti forniti da Schlein sono i dati economici riguardanti fisco e previdenza.
I residenti stranieri versano nelle casse dell’Inps quasi nove miliardi di euro ricevendo in pensione tre miliardi di euro con un saldo per così dire attivo per le casse dell’Istituto previdenziale di cinque miliardi di euro.

A livello fiscale invece la differenza tra quel che lo stato incassa dai residenti stranieri e quel che lo stato spende in politiche di accoglienza e integrazione è di oltre tre miliardi  di euro.

L’eurodeputata di Liberi e Uguali ha poi proseguito il suo intervento avanzando critiche sia sul trattato di Dublino, che sulla legge attualmente in vigore in Italia ovvero la legge  Bossi-Fini e il modello di accoglienza attuale, auspicando invece un modello diverso basato su un accoglienza diffusa (gli SPRAR) e su politiche lungimiranti dove umanità e rigore possano convivere.

E’ seguito poi un breve intervento di Beatrice Brignone che ha lasciato spazio al dibattito.

Staff Liberi e UgualiIn evidenza la testimonianza di due cittadini, Valbona Dabulla, arrivata da bambina in Italia con un barcone partito da Valona e diventata dopo molte battaglie cittadina italiana insieme alla sua famiglia e Ahmad Amer Dachan italiano di genitori Siriani, presidente di ONSUR, campagna mondiale a sostegno del popolo siriano.

Alla fine dell’incontro la candidata Beatrice Brignone ha salutato dichiarando: “Ci avevano detto di  non parlare di immigrazione in campagna elettorale, perché è un tema scomodo di cui la gente non vuole parlare, invece stasera questa stanza non è bastata a contenere tutta la gente accorsa a questo incontro e non abbiamo fatto altro che aggiungere sedie. A fronte ai messaggi di odio e di intolleranza che ogni giorno incalzano, continueremo su questa strada di umanità, con dati alla mano e buone politiche”.

Da

Liberi e Uguali

Commenti
Ci sono 2 commenti
mik76
mik76 2018-02-20 18:49:58
I numeri sui reati parlano da soli. Sul tototale delle «segnalazioni riferite a persone denunciate/arrestate» nel periodo 1° agosto 2016-31 luglio 2017 (dati del Viminale «non consolidati»), pari a 839.496, quelle che riguardano stranieri sono 241.723. La percentuale è del 28,8%. Poco differente dal 30% dei dodici mesi precedenti. Il punto decisivo non è tanto la comparazione nel tempo: c’è un calo generale dei reati e gli stranieri non fanno differenza. Sgombrata ogni tentazione politica strumentale, resta il peso specifico della criminalità straniera. (Fonte il sole24ore). Comunque concordo l’emergenza per l’Italia non è costituita dall’immigrazione, ma dagli amministratori (e aspiranti tali) completamente inetti ed incapaci.
ozymandias
ozymandias 2018-02-20 21:34:58
“non c’è nessuna emergenza immigrazione”:
....Ma dove vive questa persona?
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura