SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Country house Beatrice - Ristorante, braceria - Senigallia

Senigallia Bene Comune: mozione in Consiglio per una Senigallia “Smart City”

Quattro proposte dal consigliere Sartini per "creare occupazione, risparmiare energia e salvaguadare l'ambiente"

1.912 Letture
commenti
Giorgio Sartini ed Egidio Cardinale

Il consigliere di Senigallia Bene Comune, Giorgio Sartini, presenterà, nel prossimo Consiglio Comunale, una mozione contenente alcune proposte per lo “sviluppo della città nella direzione delle Smart Cities”.


“Progetti – spiega Sartini – gratuiti o dai costi minimi per l’amministrazione, in quanto finanziabili dalla Comunità europea, e che potranno avere importanti ricadute positive sia a livello occupazionale, sia per la salvaguardia nell’ambiente: dunque, proposte che porterebbero benessere a tutti i cittadini, rendendo Senigallia un modello da imitare”.

Nello specifico, la lista civica tramite il suo rappresentante, darà mandato al Sindaco ed alla Giunta ad impegnarsi nell’approfondimento, ed eventualmente nell’adozione, delle seguenti proposte:

1)l’utilizzo in via sperimentale di cemento superassorbente, in grado di assorbire molta più acqua dei normali asfalti drenanti. “L’azienda che lo ha prodotto, ha necessità di realizzare progetti pilota e la nostra città potrebbe proporsi come partner per la sperimentazione, grazie alla quale si riuscirebbe ad aggiustare il manto stradale con costi minimi”, sottolinea l’ingegnere Egidio Cardinale, che ha curato l’intero progetto Smart Cities di Senigallia Bene Comune.

2)l’utilizzo, sempre in via sperimentale e attraverso partnership con le aziende produttrici e finanziamenti europei, di una nuova tecnologia di strada fotovoltaica (già presentata al Salone mondiale dell’Efficienza di Parigi), “che permetterebbe un grande risparmio energetico, attraverso l’utilizzo di tecniche avanzate e attualmente in frase preindustriale”, evidenzia ancora Cardinale.

3)incentivare l’installazione di microeoliche nelle case, “una forma di tecnologia più efficiente e meno costosa del già valido sistema fotovoltaico, attualmente più diffuso”.

4)contattare aziende di respiro internazionale come Tesla Motors, o altre, per far sì che Senigallia divenga sede di una stazione di rifornimento per auto elettriche: “con tale azione instaureremmo una partnership di grande prestigio internazionale, ponendoci inoltre all’avanguardia visto che in Italia sono poche, al momento, le stazioni di tal tipo. Siamo disposti a discutere delle proposte in Consiglio e a vagliarne altre, sempre nella direzione della Smart City”, concludono Sartini e Cardinale.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura