SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Festa dell\'Olio Nuovo 2015 - Scapezzano di Senigallia

“Defenestrati dagli elettori, riesumati dal sindaco di Senigallia”

Paradisi punta il dito contro chi si propone per un'attività gratuita che domani, magari...

2.158 Letture
commenti
Simone Ceresoni ed Enrico Rimini

Ecco lo staff dei “bocciati” voluto dal sindaco. Defenestrati – a ben ragione – dagli elettori, Enrico Rimini (buono per ogni bandiera ed ogni stagione) e Simone Ceresoni (l’ambientalista che passerà alla storia per aver cementificato ogni angolo di città) sono stati riesumati dal sindaco Mangialardi.

A volte ritornano, anche se nessuno lo gradisce. A parte Maurizio, solito circondarsi di bandieruole politiche pronte a tradire il proprio passato e le proprie idee per un piccolo incarico (Maurizio Perini docet). Dicono: veniamo gratis. Gratis un corno! Intanto utilizzeranno le strutture pubbliche: uffici, personale, telefono … (tanto pagano i cittadini). Con quale diritto? Quello di essere stati bocciati dagli elettori?

Ma volendo tralasciare le competenze politiche (ma quali competenze sindaco?), resta un grave dubbio. Una volta inseriti nello staff del sindaco e quindi sottoposti al potere direttivo del primo cittadino, chi ci dice che questi soggetti, un domani, non possano rivendicare il diritto ad una retribuzione per l’attività svolta? Chi può escludere che un domani questi soggetti, forti di una nomina sindacale, non possano adire la magistratura del lavoro per vedersi riconosciute spettanze? Maurizio Mangialardi si fida di loro? Anche gli ambientalisti si fidavano di Ceresoni! E persino gli elettori del Popolo della Libertà (in particolar modo i berlusconiani più incalliti) si fidavano di Rimini. Sappiamo come è andata a finire.

Chi ha tradito, tradirà”, recita un antico adagio. E’ sicuro Mangialardi che la sua voglia di circondarsi di utili servitori politici (che hanno già tradito il proprio passato, le proprie idee e i propri elettori) non possa rivelarsi alla fine un boomerang per la sua stessa Amministrazione?
Ascolti un consiglio non richiesto per una volta in sindaco: lasci Rimini e Ceresoni all’anonimato politico ai quali sono stati giustamente condannati dagli elettori. Senigallia non ha bisogno del loro “contributo”. Hanno già dato fin troppo.

Commenti
Ci sono 2 commenti
giulio 2015-11-03 12:48:22
Questo del lavorare gratis non convince. O meglio, può convincere gli ingenui. Come si fa a credere ad una cosa del genere? Sì al lavoro gratis, ma solo se serve a fare esperienza. Non è il caso di questi due.
romolo
romolo 2015-11-03 17:08:11
Per una volta, una sola, sia ben chiaro sottoscrivo in pieno quello che dice il consigliere Paradisi. Tra i due , il più dannoso per la città è stato il.sig. Ceresoni.
Senza dubbio alcuno.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura