SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Il 23 maggio del 1992 la strage di Capaci – VIDEO

La mafia uccide il giudice Falcone. E 22 anni dopo parte un nuovo processo per chiarire i troppi lati oscuri

L\'Automobile - Concessionaria Nissan - Senigallia
Giovanni Falcone

Il 23 maggio 1992, in un tratto di autostrada nei pressi di Capaci (Palermo), la mafia uccide il magistrato Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta Vito Schifani, Antonio Montinaro e Rocco Dicillo.


Oltre 400 kg di tritolo posizionati sotto il manto stradale spezzano la vita dell’uomo che – assieme a Paolo Borsellino – più di tutti viene riconosciuto come simbolo di lotta alla criminalità mafiosa e per la legalità.

Falcone aveva 53 anni: meno di due mesi dopo, il 19 luglio 1992, anche Borsellino fu ucciso, stavolta a Palermo.

Per l’omicidio, la giustizia ha riconosciuto colpevoli oltre trenta persone, tra mandanti ed esecutori materiali, ma proprio nel giorno dell’anniversario, il 23 maggio 2014, 22 anni dopo, si apre a Caltanissetta un nuovo processo, che si spera possa chiarire i troppi punti ancora oscuri; tra gli imputati ci sono gli uomini del clan di Brancaccio guidato da Giuseppe Graviano, sospettati di essere gli esecutori materiali dell’attentato.

A questo link un toccante video, datato 1° giugno 1992, in cui Paolo Borsellino racconta il suo rapporto con Giovanni Falcone.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura