SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Vigor-Trodica - 06.10.2013

Da Senigallia alla Finlandia, il lungo viaggio del fighter Alessandro Ramazzotti

Il talento della Thai Boxe ad Helsinki per combattere: sarà l'unico marchigiano - INTERVISTA

2.875 Letture
commenti
Ramazzotti in azione

Dopo il rinvio (con nuova data e luogo dell’incontro ancora da fissare) del match per il titolo intercontinentale (vacante) della categoria Wako Pro K1 Rules, contro il croato Denjalic – inizialmente previsto per il 14 aprile 2013 – il giovane fighter senigalliese Alessandro Ramazzotti non si perde d’animo.

Anzi, è pronto per una nuova sfida.


Da venerdì 4 a domenica 6 ottobre Ramazzotti sarà infatti l’unico marchigiano, ed uno dei tre italiani, a combattere in un prestigioso evento previsto in Finlandia, nella capitale Helsinki, dove si confronterà con Pok Jaaskelainen, atleta di livello internazionale della Thai Boxe più dura, quella che prevede pugni, calci e gomitate.

Un’occasione maturata in extremis (solo lunedì 30 settembre) e per la quale non mi sono dunque preparato, ma ho grande entusiasmo, non ho mai combattuto così lontano – spiega – Jaaskelainen è un fighter quotato e un talento emergente, e l’evento è di rilevanza internazionale. Perciò, sono più che mai felice di esserci. Combatterò sabato 5 ottobre, di sera, mentre venerdì 4 avrò le operazioni di peso che non mi preoccupano. Il limite in questa categoria è di 67 kg, io sono attualmente a 64“.

Quella di Helsinki sarà più che altro un’opportunità per farsi conoscere ancor di più pure all’estero e per prepararsi al meglio in vista degli incontri della sua categoria (K1): “a novembre sarò di nuovo fuori dall’Italia, per combattere in Francia nella mia K1 in un evento importante anche se senza titolo in palio – evidenzia il senigalliese, che continua ad allenarsi a Rimini col tecnico Fabio Corelli, raggiunto ogni sera dopo il lavoro in una carrozzeriama recentemente ho già disputato un match contro Enrico Sprisico (K1, – 65 kg) in Sardegna“.

Un combattimento vinto in maniera convincente, che ha portato il record personale di Ramazzotti a 17 successi su 27 incontri da professionista, con 6 sconfitte e 4 pareggi (“che con giudici più equi sarebbero state vittorie“, tiene a precisare il fighter).

Per quanto riguarda l’incontro per il titolo intercontinentale – continua Ramazzotti – sinceramente non ho fretta. Nel frattempo faccio esperienza e mi alleno, più che altro sarei entusiasta di affrontare Denjalic più vicino a casa, per avere il sostegno di qualche amico e tifoso“.

Una vicinanza che sicuramente non gli mancherà però il 14 dicembre, quando sarà al prestigioso “King of the Ring” di Rimini, dove è già stato in passato.

Ad Helsinki invece, avrà al fianco solo il suo tecnico Corelli, ma di certo da Senigallia non saranno in pochi a tifare per un atleta che negli ultimi anni ha compiuto passi da gigante, alternando lavoro e allenamento, spinto soprattutto dalla passione e dal desiderio di conquistare quella corona che – afferma senza presunzione ma con fiducia – “prima o poi sarà mia“.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno