SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Prostituzione a Senigallia, tra oscenità, perbenismo e criminalità

Proposta del consigliere leghista Zaffini: impossibile debellarla? Allora regolarizziamola

4.334 Letture
commenti
Una prostituta al lavoro

E’ possibile che alle 22,30 di un fine settimana una signorina sulla trafficatissima strada statale tra il Cesano e Senigallia sollevi tranquillamente la gonna e faccia vedere la propria “mercanzia” davanti e dietro? E’ quello che io e la mia famiglia abbiamo visto, stupefatti, con i nostri occhi.

A quell’ora di sabato sono tante le famiglie con bambini che percorrono la statale. Non sono forse atti osceni in luogo pubblico? E’ un insulto alla dignità umana: Senigallia non può presentarsi con questa mancanza di decoro all’inizio di una stagione turistica.

Decine e decine di lucciole quotidianamente percorrono le strade consapevoli di poterlo fare fin dal pomeriggio in orari in cui sono sotto gli occhi di tutti minori compresi, spesso in atteggiamenti che definire osceni è poco.
Il settore non conosce crisi ed è in continuo aumento e l’impegno delle forze dell’ordine spesso si scontra con una mancanza di strumenti e di normative. E’ ora che si affronti una strategia a livello nazionale in linea con quello che succede in altri paesi europei.

Non si possono lasciare sole le città ad affrontare il problema e non si possono lasciare sole le donne che vengono sfruttate.
E’ impossibile debellare il mestiere più antico del mondo, ma dietro la strada si nasconde un anello della criminalità organizzata che si arricchisce e che resta impunita su questo sporco traffico. Per questo le parole e i falsi perbenismi non portano a risultati, anzi, in questo caso andrebbe regolarizzata la posizione fiscale.
O si proibisce o si regolamenta così come in altri paesi con grande giovamento per le casse dello stato.

Per questo motivo fin dallo scorso anno ho presentato una mozione in consiglio regionale che impegna il Presidente della Regione Marche ad attivarsi ed intraprendere, in sinergia con altri Presidenti di regione, tutte le iniziative necessarie per modificare la normativa nazionale affinchè si prendano provvedimenti fiscali sull’esercizio della prostituzione, invitando il Ministro del Lavoro e il Ministro delle Finanze ad introdurre una regolamentazione dell’esercizio della prostituzione.

In attesa di questo è auspicabile che la città prenda una serie di provvedimenti così come già avvenuto in altre città come Rimini e Riccione, dove il controllo continuo del territorio da parte delle forze dell’ordine e ordinanze volte a contrastare il fenomeno sotto vari aspetti funzionano come buoni deterrenti.

da Roberto Zaffini
consigliere regionale

Commenti
Ci sono 9 commenti
O. Manni
Paul Manoni 2013-06-14 09:32:03
Probabilmente l'unico argomento sul quale posso dirmi d'accordo con la Lega Nord.
Francostars 2013-06-14 11:12:21
Che male fanno le prostitute maggiorenni e consenzienti ed i loro clienti sulle strade, se non compiono intralcio al traffico, sporcizia e/o atti osceni sotto la vista pubblica? Basta con questa assurda "Meretriciofobia".
In più, la prostituzione in Italia è già tassata. Difatti, cosa aspetta la Guardia di Finanza a far rispettare in maniera vasta e prorompente i dettami dell'articolo 36 comma 34bis della Legge 248/2006 a riguardo della prostituzione tassata, come indicato nella Sentenza della Cassazione n. 10578/2011. In effetti, grazie alla suddetta normativa, tutte le meretrici in Italia, dalla stradale alla escort, devono pagare le tasse con tanto di relativa partita IVA aperta. Questo sarebbe la salvezza delle casse erariali dello Stato.
Roberto 2013-06-14 12:02:51
ieri mia nonna era seduta tranquilla nei giardini delle Piramidi e le si è avvicinato un uomo e si è calato i pantaloni mostrando le "sue oscenità" e lei 90enne ha rischiato un infarto!!! ma se andate sul fiume Cesano, di questi periodi, è pieno di pericolosi maniaci sessuali oltre ai classici nudisti, guardoni e depravati che frequentano il posto...non solo prostitute la notte!! comunque la maggior parte dimorano, come fossero caserme a loro esclusiva, al Hotel (...omissis...) ed in quel hotel nella traversa di (...omissis...)!!
gio 2013-06-14 20:00:01
Comunque le lucciole fanno del bene a tante persone.
Solo che non lo si buole capire
E fa comodo non capirlo.
Se le donne fossero più semplici non ci sarebbero lucciole......
M.B. 2013-06-14 21:10:09
ahahaha qui qualcuno è andato (...omissis...)... e non dico in senso metaforico ...ahahah
gs 2013-06-15 00:31:15
SI E VENITE QUAGGIU' AL CIARNIN...... CE NE SONO PER TUTTI I GUSTI E LE ETA'... UNO SCHIFO!
O. Manni
Paul Manoni 2013-06-15 07:46:29
@gs, se la prostituzione venisse legalizzata e regolamentata, ti assicuro che la tua zona di residenza sarebbe sgombra dal fenomeno. Stessa cosa per altre zone, ovvio...Non è difficile da capire che se venissero imposte delle regole, ci sarebbe maggiore controllo del fenomeno da parte dello Stato. Controllo appunto...Non repressione. Controllo in materia fiscale, sanitaria, occupazionale. Il controllo del fenomeno, garantirebbe anche una maggiore legalità e sicurezza, visto che questo, passando nelle mani dello Stato, verrebbe meno da quello delle mani della criminalità organizzata, con tutto ciò che ne consegue a cominciare dallo "schiavismo" delle giovani donne a cui la prostituzione viene imposta, per passare alla violenza a cui sono soggette e concludere con i soldi sporchi che finiscono per alimentare altri mercati illeciti (droga, armi, ecc, ecc). La cosa PEGGIORE che si possa fare in questo caso, oltre a reprimere un fenomeno che non può ne essere represso, ne essere arginato, è restare con le mani in mano ed assistere passivi a ciò che accade da sempre relativamente al fenomeno della prostituzione. Le lamentele riguardo alle cosidette "oscenità" nei luoghi pubblici da parte delle prostitute, sono giuste e legittime, ci mancherebbe. Ma personalmente le ritengo l'argomentazione più debole per proporre una regolamentazione della prostituzione, proprio in virtu di le altre.
Ingrao
Adrian Mytay 2013-06-15 13:12:52
parli ma in consiglio comunale non ci sei mai..vergognati
gio 2013-06-15 22:11:07
La unica cosa che sono riusciti a fare è multare un povero 83 enne sorpreso in flagrante...
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno