SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Michele da Ale

Corinaldo, l’opposizione interroga la maggioranza sul bilancio comunale

"Vigileremo se i soldi ci sono o se sarà previsto qualche taglio e aumento d'imposta"

2.225 Letture
commenti
I Consiglieri e la lista di Vivi Corinaldo

Il gruppo consiliare Vivi Corinaldo, dopo un’attenta analisi del bilancio comunale, chiarisce alcuni punti.

L’indebitamento pro capite indicato dall’Amministrazione all’ultimo consiglio comunale è in massima parte, volutamente improprio ,in quanto nelle cifre indicate sono incluse anche i mutui liquidati da altri Enti, come la società Multiservizi.

Il nostro, e ne siamo fieri, non è un indebitamento, bensì un investimento pro-capite a fronte di ricchezze di gran lunga maggiori e di servizi utili ad una comunità prosperosa come Corinaldo.

Ma veniamo ai fatti concreti e citiamo solo un esempio relativo all’ultima variazione di bilancio, nella quale il consiglio comunale prendeva atto di 119.000,00 euro in entrata di interessi relativi agli investimenti dei risparmi degli accantonamenti della discarica (di parte dei.

Ciò a significare che, se ci sono gli interessi in attivo e non pochi, significa anche che c’è un bel gruzzolo a monte da poter investire! E chi ha lasciato quel gruzzolo?

Altra cifra libera da impegni sono circa 350.000 euro dei proventi dalla convenzione con i cavatori che avremmo destinato alla realizzazione di strutture e servizi per il versante della valle del Cesano.

Il Comune ha finito i soldi“. Con questa affermazione dal tono alquanto banale, si tenta di giustificare le innumerevoli promesse elettorali non mantenute.

Il gruppo Vivi Corinaldo, invece, incalza l’attuale amministrazione sollecitandola a ricercare nuovi metodi di finanziamento per realizzare quanto promesso in campagna elettorale e previsto dal programma di governo (atti pressoché identici).

Riconosciamo alla compagine che amministra Corinaldo serietà ed esperienza, il Sindaco attuale è stato consigliere nei precedenti due mandati, il vicesindaco un illustre revisore contabile e l’assessore ai lavori pubblici è stato più volte consigliere comunale.

Come è possibile che dopo sei mesi nessun progetto o progettualità concreta è stata presentata al “Piano Città” predisposto dal governo centrale? Niente di niente.
Tutto ciò è inspiegabile ed incalzeremo Sindaco e Giunta affinché vengano date risposte a questa domanda.

La loro esperienza dovrebbe permettere di continuare l’opera di sana amministrazione ereditata e riconosciuta anche dal premio di 600.000,00 Euro che è stato assegnato alla città di Corinaldo in virtù della ineccepibilità delle gestioni precedenti, 600.000,00 Euro IMPIEGATI nell’ultimo consiglio di giovedì 15 novembre per chiudere alcuni mutui e quindi abbassare ulteriormente l’indebitamento pro capite e dell’intero ente.

Ad ogni modo, se è vero che la liquidità scarseggia, raccomanderemmo che i primi tagli siano riferiti alle indennità e non come è stato fatto fino ad ora dall’Amministrazione Principi, al personale a tempo determinato (il personale dell’ ufficio turistico IAT e i lavoratori socialmente utili), con immancabili ricadute negative sui servizi erogati pur di mantenere in vita quelli che, di questi tempi, non possiamo avvertire che come odiosi privilegi.

In effetti i tanti sventolati tagli alle indennità della giunta Principi, fin dal primo consiglio comunale,sono nella realtà, un adeguamento al rialzo di circa il 5%, rispetto alla precedente amministrazione, ovvero rispetto allo spettante questa giunta percepisce il 91,06%, contro l’86,22%della giunta uscente.

Ribadiamo che l’ amministrazione Scattolini ha avuto il merito di vedersi riconosciuto (con pochissimi altri comuni italiani), il premio di comune virtuoso per la gestione dei conti.

Anche grazie all’impegno a contrarre il mutuo di 3.500.000,00 Euro relativo all’ampliamento della discarica: una garanzia per un futuro libero dall’obbligo di dover pagare quei servizi che hanno portato Corinaldo a livelli di eccellenza – da tutti riconosciuti – in cui vengono erogati servizi di qualità a fronte di costi bassissimi.

Un mutuo che oggi è diventato di 4.200.000,00 euro, 700.000,00 euro in più, il 60% del costo totale dell’ampliamento della discarica (il restante 40% a carico del Comune di Castelleone) e non più il 50%. Scelta di questa amministrazione, ma noi ci chiediamo: quante cose si potevano fare in questi mesi per l’intera comunità con 700.000,00 euro? E allora perché tante risposte negative ai cittadini e alle associazioni?

In chiusura vorremmo chiarire la nostra posizione relativa a voci riguardanti la volontà di sobbarcarci l’onere per l’ammodernamento dell’impianto difettoso del Cir33, che starebbe per piovere sulla testa degli ignari corinaldesi.
Il nostro è un no netto: non possiamo pagare ancora una volta solo noi!.

Non è nostro costume interessarci delle cosiddette voci e vorremmo occuparci delle cose concrete ma, ahinoi, pare circolino più le prime che le seconde, alla faccia della tanto sbandierata partecipazione.

Evidenziamo anche il mancato incontro col Commissario straordinario sulla questione rifiuti (si parlava dell’impianto di compostaggio e quindi del nostro futuro!): il nostro Sindaco non ha partecipato per impellente necessità di un viaggio a Bruxelles con Giunta al seguito.

Tornando alle cose serie, per concludere, partiamo dalle parole dell’assessore al bilancio, giustamente riportate anche dalla stampa, che tranquillizzano tutti i corinaldesi sul fatto che non ci saranno aumenti d’imposte né lievitazione delle tasse.

Ora viene da chiedersi chi ha provveduto a far sì che un comune in bolletta riesca a non tagliare i servizi e a non aumentare le imposte?

Sindaco, delle due l’una: o i soldi ci sono o qualche taglio dovrà prevederlo, a meno di non aumentare le imposte.

Il tempo ci svelerà l’arcano, nel frattempo, vigileremo.

di Cesare Morganti, Laura Bucci,Daniele Aucone
Consiglieri di Vivi Corinaldo

Commenti
Ci sono 3 commenti
Marco 2012-11-18 13:36:36
Vigileremo? embè? è più che normale e obbligatorio da parte vostra! serviva scrivere questo comunicato per dire che vigilerete? bah
Marika 2012-11-19 10:45:51
E poi due domande:
1- La giunta principi prende 190 € in meno della giunta Scattolini (come da verbale nel primo Consiglio Comunale). E' inutile parlare di percentuali, questi amministratori costano di meno. Punto. (se si abbassa il tetto massimo è logico che si alza la percentuale)
2- Discarica. Ci si indebita per il 60% ma si hanno utili per il 60% e non per il 50%. Insomma più soldi per il Comune. Questo non lo avete detto.

Contare fino a dieci no? 1..2..3..4..5..
marco 2012-11-21 08:54:47
Bisogna che conti anche tu fino a dieci........1-non è vero che se diminuisce il tetto massimo la percentuale deve per forza aumentare.......la potevano lasciare sempre all'86%!!!!!!2- Se il comune può indebitarsi perl il 60% buon per loro......ma dopo non devono lamentarsi che non ci sono i soldi!!!!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno