SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Netservice - Web design, costruzione siti internet

A Senigallia arriva il parmigiano dall’Emilia Romagna colpita dal terremoto

Iniziativa benefica del collettivo Arvultùra: raccolte in pochi giorni adesioni per 30.000 euro. FOTO

4.100 Letture
commenti
Capannone industriale crollato dopo il terremoto in Emilia Romagna

La città di Senigallia si mobilita per aiutare le aziende emiliane colpite dal sisma del 20 e 29 maggio 2012. I ragazzi dello spazio autogestito Arvultùra, insieme composto dal collettivo studentesco e dagli attivisti del Mezza Canaja, hanno dato vita ad una raccolta di fondi a scopo benefico per acquistare Parmigiano Reggiano dai caseifici maggiormente danneggiati dal terremoto.
Numerosissime forme del noto formaggio, da sempre una eccellenza dal made in Italy, sono state recuperate e portate nelle Marche in tempo record, evitando un ulteriore spreco di risorse.

Guarda la GALLERIA FOTOGRAFICA

Questa iniziativa ha permesso un trasferimento di denaro in via diretta ha dichiarato la referente Arvultùra Marianna Lombardi – senza appoggiarsi a sistemi di donazioni complessi in cui spesso non si conosce dove vanno realmente a finire i soldi. Purtroppo, donazioni volontarie vengono sfruttate per scopi lucrosi, causando una notevole perdita di risorse.

Il nostro obiettivo è quello di sensibilizzare la cittàad un nuovo modo di acquistare, nella speranza di ripristinare un contatto diretto tra acquirente e produttore. Abbiamo visitato le realtà interessate, studiando il lungo percorso di lavorazione del formaggio nelle aziende danneggiate dal sisma. Gli emiliani stanno reagendo con grande dignità e solidarietà.”

L’iniziativa ha coinvolto due cooperative: il consorzio “Latteria sociale della Lora” di Campegine di Reggio ed il “Caseificio sociale Quattro Madonne” di Lesignana di Modena. Proprio quest’ultimo – che ha subito il crollo del tetto di uno dei capannoni in seguito alle prime scosse, e dove il rischio di perdere decine di forme è tutt’ora molto elevato – è stato oggetto del primo trasferimento di circa 770 chili di parmigiano. Nelle prossime settimane, vi sarà la seconda mandata, più consistente, con oltre 2.000 kg da distribuire a Senigallia.

La raccolta di fondi, durata 10 giorni, coinvolge circa 2000 famiglie per un totale di 3.000 kg totali e circa 30.000 euro, una cifra insperata sino a qualche settimana fa che permetterà, però, ai consorzi di dare il via alla lunga e difficile ripresa.

Tutta la città ha aderito con grande entusiasmo: famiglie, enti, aziende, ma anche dipendenti di Regione Marche e Comune di Senigallia.

Gli organizzatori stanno già lavorando per aprire nuovi contatti di collaborazione con altre aziende dell’Emilia, perciò non è escluso che la donazione possa ripetersi in tempi brevi.

Commenti
Ci sono 3 commenti
martin pescatore 2012-07-03 12:48:40
Complimenti Ragazzi, per questa volta TANTO DI CAPPELLO, Complimenti Veramente, ottima idea...
Galuco Galucoma 2012-07-03 14:25:23
Ho sempre criticato queste "associazioni" (Arvultùra e Mezza Canaja) ma devo ammettere che questa iniziativa mi è piaciuta molto pure a me!! COMPLIMENTI!!! questi sono i gesti che amerei vedere sempre da voi..legali, concretamente UTILI ed efficaci...BRAVI
PIM Baffo 2012-07-03 21:33:00
Bravi ragazzi, queste sono le attività che vi fanno onore e vi rendono credibili; evitate quelle prese di posizione del passato, spesso infelici, che troppo spesso vi hanno messo in contrasto non solo con la Legge ma anche in cattiva luce con la cittadinanza.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura