SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Comune di Ostra Vetere

Ostra Vetere, vertiginoso aumento della TARSU

L'opposizione accusa: "L'Amministrazione continua a salassare i cittadini, scelte non ponderate"

2.001 Letture
commenti

logo Impegno e Trasparenza per Ostra VetereCon una recente Delibera (la n. 48 del 18/05/2011), il Sindaco e gli Assessori di Ostra Vetere, hanno deciso di praticare nuovi aumenti alla TARSU (la Tassa per lo smaltimento dei Rifiuti) per l’anno 2011. I nuovi aumenti della TARSU vanno da 27 % al 45%; quelli maggiori sono previsti per le abitazioni con nuclei famigliari da 2-3-4-5 persone. Ma anche per le attività produttive, artigianali, uffici, negozi, l’aumento, intorno al 27%, non è certamente cosa da poco in un periodo in cui la crisi, nonostante chi ci governa fatichi ad ammetterlo, mette tutte le attività a dura prova.

Parliamo di "nuovi" aumenti perché negli ultimi 5 anni la Tassa Rifiuti, nel nostro Comune, è paurosamente lievitata. I primi aumenti risalgono al 2006, anno in cui questa tassa ha subito aumenti che andavano dal 40% al 93% circa; nel 2010 ancora aumenti del 20% (tanto da risultare la più cara tra tutti i Comuni che fanno parte del consorzio del CIR33) e adesso, ancora aumenti dal 27% al 45%.

Per avere un’idea di quanto incida realmente questo provvedimento, si pensi che una civile abitazione categoria U.D.C. 3 di circa 100 metri quadri, che nel 2005 pagava circa 85 €, nel 2006 ha pagato circa 120 €, nel 2010 ha pagato circa 140 € e nel 2011 pagherà circa 200 euro. In 5 anni la tassa rifiuti è quasi triplicata!
E per le attività produttive, l’incidenza è stata addirittura maggiore. Gli Amministratori sono arrivati a sostenere, in passato, che i costi sono aumentati perché i cittadini facevano male la differenziata, poi per l’attivazione del servizio "porta a porta", ma altri Comuni che hanno avviato questo servizio non hanno avuto aumenti di tali proporzioni, anche perché, se il servizio è più costoso, d’altro canto, il recupero di rifiuti che possono venir riciclati, consente di contenere i costi generali.

La verità è un’altra: da diversi anni gli Amministratori continuano a caricare sulla TARSU, sotto la voce "altri costi", spese che non è corretto riversare sul conto dei cittadini, determinate con modalità, a sentire i contabili del Comune, a metà strada tra l’incredibile ed il ridicolo.

Per quanto ci riguarda, continueremo ad impegnarci allo stesso modo, sia per invitare i cittadini a praticare correttamente la raccolta differenziata, perché è una forma di rispetto dell’ambiente e di senso civico, che ad opporci alla decisione dell’Amministrazione di caricare su questa tassa costi derivanti da scelte non ponderate e non rispettose della cittadinanza e del territorio. Sembra proprio che i vari appelli, a tutti i livelli e da più fronti, sulla necessità di una riduzione delle imposte, ad Ostra Vetere non vengano recepiti. Come al solito: parole tante, ma di concreto niente.

da "Impegno e trasparenza per Ostra Vetere"

Impegno e Trasparenza per Ostra Vetere
Pubblicato Martedì 21 giugno, 2011 
alle ore 16:27
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura