SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Per Dàm.c ‘n’arcòlta, a Senigallia una serata di poesia tra serio e faceto

60019.it pubblica la poesia dialettale inedita di Leonardo Barucca, "Staccia Minena"

Presentazione di Dam.c’ n’arcoltaI cani in sala ieri sera non erano i 4 del giovane e bravo gruppo musicale, bensì 9, se si considerano anche i cinque dicitori e poeti, che ci hanno regalato due ore di sano spettacolo. Ben s’intenda, 9 cani si, ma non in senso dispregiativo, perché tutti con tanto di "pedigree" che ne attesta le loro qualità.

Come giustamente sottolineato da Simone Tranquilli, in arte "Quilly", non si è ancora compreso bene se fosse la musica a fare da supporto alla poesia o viceversa.

I Quattro Cani suonano alla presentazione di Dam.c’ n’arcoltaFatto è che le sensazioni che lo spettacolo ha trasmesso, sono state quelle di un continuo passaggio tra la piacevolezza della musica, la riflessione che certe liriche hanno procurato, per passare poi a certe poesie che hanno suscitato invece l’ilarità con battute popolane, ma cariche di quelle verità giornaliere, che poi riportate in pubblico, ci fanno riconoscere e sorridere dei nostri stessi pregi e difetti.

Antonietta Calcina, Simome Tranquilli, Andrea Scaloni, Leonardo Barucca, i poeti e dicitori, a cui si è aggiunta la voce recitante di Anna Maria Bernardini che ha preso in prestito una poesia dell’indimenticabile Antonio De Curtis, in arte Totò, per declamare in napoletano " ’A Livella", ed a cui ha fatto poi seguire, nel suo originario dialetto, il romanesco, quasi a suggellare un gemellaggio con Senigallia, due sonetti di Trilussa. Belle le poesie, come altrettanto lo sono state tutte le interpretazioni.

Continua a leggere sul blog di Franco Giannini: Lo Spigolatore

di Franco Giannini

Grazie alla collaborazione dell’autore, Leonardo Barucca, 60019.it pubblica qui una poesia dialettale inedita, composta sull’onda dell’attualità: è infatti ispirata ai tragici fatti che continuano a colpire Senigallia e tutta l’Italia. Stiamo parlando delle morti sul lavoro, che il lavoro sia quello di far parte di una "missione di pace" in Afghanistan o quello di togliere lastre di eternit sopra un capannone industriale. Si intitola Staccia Minena.

Staccia minena  – di Leonardo Barucca

Staccia minena
co’ è ch’ farin’ da cena,
ch’ babbo è andat’ in guerra
e nun artorna più.
J han dett’ “Va malagiù,
va giù a purtà la pac’ ”
e in pac’ ade’ ce lu.
E tu nina d’ nonna
manch’ ‘l cunusc’rai
e nun c’ pudrai piagn’,
perché è fatiga a piagn’
sa na fotografia
e na m’daja e ‘n brett’.
Staccia minena
co’ è ch’ farin’ da cena,
farin’ i maccaron’
p’r babb’ e p’r nunon’,
p’r tutta la cumpagnia.
La cumpagnia s’è sciolta
squajata da l’ bomb’
e babb’t ‘n l’arporta
manch’ ‘l bambin’ Gesù.
Diceva: “ ‘l fo’ p’r lia,
p’r sta fiulina mia,
si parti  vuluntari’
t’aument’n’ ‘l salari’.
In fin ‘nn  è un m’stier?
Com’ fussi ‘n carp’ntier,
n’idraulich’, ‘n sartor’,
barbier’ o murador’.
E po’ miga vo’ in guerra,
no’ sem’ un corp’ d’ pac’.”
Ecca! Tu guarda invec’
ch’ fin hai fatt’ fiol mia,
quej li sta pac’ tua
nun l’hann’ vuluta cred’.
E sta fiulina bella
che rid’ sopra i ginocchi
da granda c’avrà i occhi
più bej d’ la cità,
e tu ‘n la pudrai ved.
Farin’ i maccaron’
p’r babb’ e p’r nunon’,
p’r tutta la cumpagnia.
Ma la nina…
butt’la via.

Staccia minena
co’ è ch’ farin’ da cena,
ch’ babbo è murador’
e nun artorna più.
J han dett’ “Va malasù,
e smonta ch’ l’ ternit’ ”
e lu è cascat’ giù,
punto. Nicò f’nit.
E tu ninin’ d’ nonna
manch’ ‘l cunusc’rai
e nun c’ pudrai piagn’,
perché è fatiga a piagn’
l’ cronich’ d’i giurnaj,
na canutiera stroppa,
e ‘n par d’ guanti giaj.
Staccia minena
co’ è ch’ farin’ da cena,
farin’ i maccaron’
p’r babb’ e p’r nunon’,
p’r tutta la cumpagnia.
I cumpagni hann luccat’,
chiamat’ ma l’ambulanza
pr’gat’, biastimat’,
ch’ sempr’ la sp’ranza
è l’ultima a murì.
Diceva: “ ‘l fo’ p’r lu,
p’r st’ fiulinn’ mia.
Vò in alt’ e staggh’ atenti,
ma ‘nn’è ch’ poss’ durmì.
Si ved’n’ ch’ sei svelt’
t’aument’n’ ‘l salari’:
i afari ènn sempr’ afari.
E po’ miga vo’ in guerra,
fò sol’ ‘l murador’.”
Eri un ragazz’ d’or’
ch’ fin hai fatt’ fiol mia.
Dulor’ sopra ‘l dulor’
sapè ch’ qualchidun’
dirà ch’ “si però
capac’ ch’era drugat’,
capac’ ch’aveva but’ ”
che insomma è colpa tua.
E st’ fiulin’ machì
che m’ rid’ ‘n‘tra i bracci
da grand’ sarà ‘l purtier’
d’la sguadra d’ la cità,
ma tu nun ‘l vedrai.
Farin’ i maccaron’
p’r babb’ e p’r nunon’,
p’r tutta la cumpagnia.
Ma ninin…
butt’l’ via.

Redazione Senigallia Notizie
Pubblicato Sabato 16 ottobre, 2010 
alle ore 16:47
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Solo un commento
Maurizio Tonini Bossi 2010-10-16 21:58:28
m' vien da piagn'
Al'iniz' ho ris' ma dop' ?! è robba ch' m' mett' a piagn'... io, c'ho vcissut' al Port' e c' c'ho 3 fioi che, no pr me, vurria campà 200 anni .-
Grazie Roberto
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura