SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Al Teatro delle Muse di Ancona la Norma di Bellini

Nell'edizione originale per due soprani

1.413 Letture
commenti


clicca per ingrandireSecondo titolo della terza Stagione lirica del Teatro delle Muse di Ancona, Norma di Vincenzo Bellini (1, 4, 7 dicembre 2004, ore 20.30) si segnala per l’imponente produzione, acquistata al New National Theatre di Tokyo dalle Fondazioni Teatro delle Muse di Ancona e Arena di Verona.
Opera fondamentale del repertorio primottocentesco, Norma costituisce un banco di prova per le grandi voci e per qualsiasi teatro che abbia il coraggio di metterla in scena. L’edizione anconetana conta in questo senso varie frecce al suo arco: una protagonista di assoluta importanza, Fiorenza Cedolins, soprano di punta della nuova generazione, poco nota al nostro pubblico nel più temibile ruolo belcantistico; Carmela Remigio, altro soprano di primissimo livello, che affiancherà come Adalgisa la Norma della Cedolins recuperando l’edizione originale dell’opera, che vedeva per l’appunto l’abbinamento di due soprani e non quello, divenuto tradizionale, di soprano-mezzosoprano; Vincenzo La Scola, tenore di prima grandezza, già interprete di Pollione in teatro e in disco sotto la bacchetta di Riccardo Muti; Andrea Papi, un Oroveso di rilievo.
A capo dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana e del Coro Lirico Marchigiano “V.Bellini” (preparato da Carlo Morganti) sarà Fabrizio Maria Carminati, mentre lo spettacolo sarà firmato per regia, scene e costumi da uno dei più geniali protagonisti della scena lirica, Hugo De Ana, che in questa monumentale produzione collocherà l’opera belliniana in bilico tra la statuaria compostezza neoclassica di David e i frementi bagliori romantici di Delacroix.
Norma, “un magma romantico dentro un guscio classico”, secondo la definizione di Fiorenza Cedolins, che attribuisce al suo personaggio quattro drammatici aspetti: “Norma è sacerdotessa ma anche un po’ e maga, come Medea, è donna di potere, amante e madre”. Di fatto, la sacerdotessa è madre di due figli nati dalla segreta relazione con Pollione, il proconsole romano nelle Gallie che, dopo Norma, si innamora di Adalgisa, giovane novizia e fedele amica della sacerdotessa. Proprio a Norma, l’ignara Adalgisa confida il suo amore per Pollione. La catastrofe. Norma pensa dapprima di uccidere i due figli tenuti nascosti al padre Oroveso e al popolo, poi riversa la sua feroce ira su Adalgisa e infine denuncia al popolo la sua colpa e accetta, insieme a Pollione, l’estremo sacrifico sul rogo.
L’allestimento di Hugo De Ana trasporta Norma in epoca napoleonica, ambientandola in una imponente aula neoclassica, scena unica in cui scorrono e roteano marmoree colonne a definire gli ambienti di un’opera che vive tutta nell’interpretazione dei protagonisti e nell’ansia romantica espressi nei movimenti vorticosi delle masse. Le luci di Sergio Rossi, i movimenti coreografici di Leda Lojodice.
dall’Ufficio Stampa del Teatro delle Muse

Redazione Senigallia Notizie
Pubblicato Mercoledì 1 dicembre, 2004 
alle ore 10:38
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura