Logo farmacieFarmacie di turno


Pasquini Dr.ssa Claudia
SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Riciclo, certificazioni, marchi di qualità, bufale e burocrazia. Prima Parte

Tutte cose serie, che se analizzate però una ad una, eufemisticamente parlando, fanno ridere!

Optovolante - Ottica a Senigallia
Carta da riciclare, riciclaggio rifiuti

Leggevo giorni fa, che sono stati ritirati dal mercato alcuni lotti di sale, perchè contaminati da un’eccessiva percentuale di piombo contenuto nel materiale usato per la fabbricazione della scatola del suo imballo confezionato, come oramai avviene nella maggior parte degli imballi di questa tipologia, con materiali riciclati.

E da questa notizia sono partito per risalire ad altri casi similari dove le imputate erano, per l’identico motivo, le cellulose riciclate nella confezione di contenitori della pizza da asporto.

Ora non voglio assolutamente calarmi nel ruolo del giornalista d’assalto e da inchiesta. Per primo, perchè già altri lo hanno fatto, secondo perchè non nè ho la competenza, la capacità e le possibilità e terzo, ancor più importante, perchè fare nomi e citare marche di prestigio si corre sempre il rischio di essere citati in giudizi di carattere legale, già persi, anche prima di cominciare. Quindi il giocare a fare agli eroi lo lascio ad altri con le spalle più larghe.

La mia è solo una modestissima ricerca per soddisfare i miei dubbi, legata ad una post-riflessione fatta ad “alta voce” su quelle che sono state le mie impressioni che ho provato via via nel corso del mio “navigare”.

Premetto che non si tratta di certo di una lettura indicata per coloro che non hanno tempo da perdere. Per costoro la lettura potrebbe cessare già fin da qui. Parlare infatti di simili argomentazioni, di questi problemi, porta via del tempo sia a chi ricercare, sia a chi scrive, come del resto a chi legge e magari stimolato a sua volta a documentarsi.

Ed è a queste poche persone che ho pensato immaginando che a livello di documentazione avrei potuto aiutarli a soddisfare le loro curiosità con alcuni link, che a mio parere li ho ritenuti interessanti.

Penso comunque, che in questi casi, quanto si viene a scoprire sia solo un po’ come quelle famose punte degli iceberg. Seppur lo penso e lo scrivo, affermo che preferirei sbagliarmi, ma ritengo che più andremo avanti nel tempo e più ci troveremo con situazioni similari sempre più di sovente.

Infatti quando si cominciò a parlare e discutere sulla bontà in senso lato del sistema Riciclo, sull’educazione al Riciclo, al risparmio che il Riciclo avrebbe portato, al rispetto nei confronti dell’Ambiente che questo Riciclo avrebbe portato, non si è tenuto conto, o si sono sottovalutate le problematiche che questi avrebbero comportato.

Vediamo allora i problemi nello specifico caso della Carta Riciclata?

Va detto che questo materiale riciclato avrebbe dovuto avere un periodo di vita, a livello di riciclo, non superiore alle tre volte. Poi con il trascorrere del tempo (come avvenuto per le percentuali nocive di arsenico nell’acqua) si è preferito alzare il numero di riciclaggio a 4/5 ricicli, poi a 5/6 ed oggi in qualche sito internet (ma si dice che questi siti non fanno testo, o lo fanno solo quando fa comodo!) si può leggere anche 8 ricicli. Basta vedere nei link riportati a fondo articolo!!

La normativa italiana, fissa per la percentuale di piombo nella cellulosa, un limite di 3 microgrammi per decimetro quadrato, del tutto compatibile con l’uso di cellulosa vergine, anzi c’è da dire che in questa sua verginità non raggiunge mai questo valore. Quando però il cartone è ottenuto da cellulosa riciclata il limite può essere superato anche di 4-5 volte, arrivando a 10 o 15 microgrammi per decimetro quadrato.

E chi e come si controlla il numero di riciclaggi ?? Bella domanda che credo possa essere solo fornita da questa spiegazione.

Più si ricicla e più le fibre della carta perdono di resistenza, si spezzano divenendo sempre più corte perdendo elasticità. Ed ecco che allora il suo utilizzo viene impiegato (o dovrebbe!), all’inizio per la confezione di cartoni da imballo che assicurano una giusta resistenza, una robustezza allo strappo e via via aumentando il numero dei ricicli, si finisce con il riciclaggio della carta igienica (e qui si esaurisce) per la sua tipologia d’uso e quello della carta velina.

Ed in mezzo ci sono gli imballi intermedi che fin che durano, non dovendo assicurare grandi resistenze, con qualche riciclo in più, fanno il business di chi ha le mani in pasta… nella cellulosa.

Andando a sfrucugliare nelle pagine di internet si può arrivare ad immaginare (a pensar male si farà pure peccato…) che sia più conveniente, forse, esportare questa cellulosa riciclata in paesi orbi da comportamenti ecologici con leggi fai da te, che fanno il lavoro sporco per chi invece sta a cuore la salvaguardia dell’ambiente e che ci ritornano gli imballi belli e stampati a “poche lile”, direbbero loro, salvaguardando a costo zero anche le coscienze (sempre che ne abbiano una magari riciclata!).

Intanto chi volete che faccia i controlli richiesti dalle nostre leggi, in questi paesi dimenticati da Dio, dove la regola principale è solo una : lavorare 26 ore al giorno e tutto il resto è solo “optional”. A parte che già i controlli, anche a casa nostra se ne fanno tanti pochi e quei pochi che vengono fatti, almeno si dice, sempre su preavviso telefonico qualche giorno prima, seppur, come dice il buon Crozza: “Io non ci credo!!”

Però mi permetto di mettere un link pregando di soffermare l’attenzione del lettore su quanto predica la pubblicità in fatto di controlli, che se sono fatti ad egual misura della perfezione di come sono fatte le traduzioni, c’è da stare veramente tranquilli. E si guardi che la merce è pure sottoposta a varie certificazioni.

Ma il problema riciclo, non riguarda solo la carta. Altro osservato speciale è la plastica. Basterebbe solo possedere un elettrodomestico “bianco” ed osservare come le parti bianche in plastica, con il trascorrere del tempo mutano la loro colorazione da una tonalità bianca identica per ogni componente a gialliccia in toni diversi. Immaginate il perchè. E si pensi che per avere una qualità migliore paghiamo anche un costo maggiore, derivato anche dalle certificazioni, che oggi hanno tutte le produzioni.

Ma sulle certificazioni, ne parliamo la volta successiva.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!