SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Marinelli Sisto - Restauri, protezione e colore in edilizia

Il Comitato per la Difesa dell’Ospedale di Senigallia interviene sul tema delle liste d’attesa

"La classe politica oramai fa solo annunci e la salute si tutela solo con la libera professione, a pagamento per chi ce la fa"

Comitato Cittadino a difesa Ospedale di Senigallia

Abbiamo scritto tante volte delle liste d’attesa richiamando alle responsabilità i direttori di AV2, dell’ASUR e i responsabili regionali senza mai ottenere niente. Salvo titoli roboanti di interventi che avrebbero cambiato le cose.

L’ultimo titolone è stato “SPRINT NELLE LISTE D’ATTESA”. Era ora, se fosse vero !!

Si perché sulle liste d’attesa abbiamo consegnato ad Agosto 2021 nelle mani dell’Assessore Saltamartini un plico pieno zeppo di segnalazioni cittadine riportanti l’impossibilità di fare visite ed esami nel servizio sanitario nazionale, ma la celerità di farle in Libera Professione.

Vorremmo ancora una volta essere chiari: non dipende dai sanitari che sono preposti agli ambulatori, medici ed infermieri che bontà loro fanno quello che possono e quando non ne possono più se ne vanno in Ospedali pubblici o privati per loro più attrattivi, ma addirittura, udite udite, solleviamo dalle responsabilità anche i direttori sopra menzionati, mai successo fino ad ora !!.

Perché ora è chiaro anche a noi che da anni ci battiamo per la sanità pubblica.

Sopra di tutti c’è un unico capo, il più potente, il più importante, quello che non si vede ma che decide tutto: c’è l’ORGANIZZAZIONE BUROCRATICA. Non si sconfigge e si deve accettare.

Supponiamo che il Sig. Rossi, o Bianchi, o Verde etcccc. abbia una patologia conclamata che necessita di controlli sistematici e continui e vada al CUP a prenotare gli esami o una visita da portare al suo medico, ecco cosa succede. (naturalmente abbiamo la VERA segnalazione).

“Visita annuale di controllo. Mi prescrivono esami e cinque visite nei vari settori. Mi presento al CUP dell’ ospedale di Senigallia per le prenotazioni, mi viene risposto che nel 2022 non c’è posto e il 2023 non hanno l’ agenda, per le prenotazioni. Dopo varie insistenze sono riuscito a prenotare quattro visite a breve, diciamo nel giro di pochi mesi. La quinta non mi hanno prenotato perché secondo loro la dicitura è errata. Ritorno dal mio medico di base che mi prescrive una nuova impegnativa con la dicitura giusta. Torno di nuovo al CUP mi dicono che questa visita non è di loro competenza e la deve prenotare direttamente il medico del Reparto che l’ha prescritta. Ritorno in reparto riferendo quello che mi è stato detto al CUP. Il medico rimane stupito e dice che non può fare prenotazioni e mi rimanda all’ CUP con una nuova impegnativa scritta da lui. Il CUP non mi prenota perché dice che non può. L’addetto chiama il medico del Reparto. Risposta: bisogna che va dal medico di base. Riparto e torno dal medico di base. Anche lui stupito dice che non esiste, che non è stata mai fatta da lui una prenotazione e mi consiglia di andare al Poliambulatorio l’indomani, appena aprono. Alle ore otto mi presento al Poliambulatorio. La persona allo sportello non accetta l’impegnativa perché la scrittura è indecifrabile e mi dice che queste prenotazioni devo farle al CUP dell’ ospedale. Allora mi sono arrabbiato e dico che se non mi prenota vado a sporgere denuncia dai carabinieri. Mi risponde ” se non c’è posto cosa devo prenotare”. Conclusioni: dopo la bella lite il posto si è trovato a distanza di pochi giorni. Ora mi domando!!!!!! Colpa del CUP che non funziona!!!!! Dei dirigenti incompetenti!!!!!! O il menefreghismo dell’ Assessore Regionale alla Sanità”

NO caro paziente non è cosi.

Ci permettiamo di dirti che la difficoltà incontrata non è colpa dei lavoratori, dei medici, dei dirigenti o del CUP. Ti informiamo che la colpa è del capo supremo, dell’elevato (va di moda!!), dell’unico Zar che non sarà mai deposto, del dittatore unico, di sua maestà L’ORGANIZZAZIONE BUROCRATICA. Lei tutto può e tutto distrugge, tra cui il buon senso di coloro che ci si trovano invischiati obbligandoli a scontrarsi tra loro a causa di un disastro sanitario ormai non più risolvibile.

La classe politica oramai fa solo annunci e la salute si tutela solo con la libera professione, a pagamento per chi ce la fa.

 

da: Comitato Difesa Ospedale di Senigallia

Commenti
Solo un commento
favi umberto 2022-06-15 08:09:50
Troppo facile dare la responsabilità alla ORGANIZZAZIONE BUROCRATICA, Fate come qualche mese fa quando attaccavate le persone: se guardate bene c'è un responsabile preciso individuabile nei politici della Giunta Regionale, in quella comunale e nelle direzioni sanitarie delle aree vaste. Cominciate ad organizzare azioni di protesta serie, muovete la gente che non ne può più, altrimenti fate solo bla bla bla....
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura