SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Marinelli Sisto - Restauri, protezione e colore in edilizia

Senigallia, dipendente Asur timbrava il cartellino poi faceva il giardiniere in nero

Denunciato per truffa dalla Guardia di Finanza un 65enne

2.045 Letture
commenti
guardia di finanza, fiamme gialle, 117

Lavori di giardinaggio, in terreni di proprietà o presso terzi, utilizzando come ‘furgoncino’ per gli attrezzi l’auto di servizio, visite a conoscenti, spesa di alimentari o giri al mercato. Sono attività praticate nell’orario in cui avrebbe dovuto essere in servizio al lavoro, da un 65enne, dipendente pubblico, con mansioni esecutive presso una struttura della Azienda sanitaria unica regionale Asur di Senigallia.
Lo hanno scoperto i finanzieri della Tenenza di Senigallia con l’operazione “Prato Verde”, grazie a indagini, comprendenti sei mesi di pedinamenti, avviata dopo una segnalazione che riferiva di lavori ‘in nero’ eseguiti da un giardiniere. In sostanza, secondo l’accusa, l’uomo in molte occasioni, dopo aver timbrato il cartellino nella struttura sanitaria, usciva per recarsi in luoghi che non avevano nulla a che fare con le proprie mansioni.

Per controllare i movimenti del dinamico ‘furbetto del cartellino’, i finanzieri hanno dovuto utilizzare nelle attività di osservazione, controllo e pedinamento, bici, ciclomotori e auto, avvalendosi pure di tecnologie informatiche per tracciarne gli spostamenti. Dopo aver incrociato tutti i dati raccolti nel corso delle indagini, anche di natura tecnica, il 65enne è stato denunciato alla Procura di Ancona per il reato di truffa ai danni dello Stato, peculato e falsa attestazione di presenza in servizio

Commenti
Ci sono 3 commenti
Mario Rossi 2021-09-30 20:58:54
Di leggi sbagliate ce ne sono tante, ma quella sulla privacy è veramente uno scandalo !!!!
Io voglio sapere nome e cognome di questa brava persona !!!!!!!!!!!
rottura 2021-10-01 11:54:36
Va indicato Nome e Cognome per distinguerlo dai colleghi onesti.
conte1 2021-10-02 06:48:58
Di sapere come si chiama interessa ben poco,basta licenziarlo, io che lavoro nel privato l'avrebbero fatto,invece i dipendenti del pubblico o statali,come vogliamo chiamarli, sono tutelati e questo non va bene.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura