SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Truffa dei sordomuti”, 2 giovani allontanati dal territorio di Senigallia

La Polizia individua due rumeni che chiedevano soldi per un'associazione inesistente

971 Letture
commenti
Caraffa Sport & Run - Sconti -30% su novità running e lifestyle - Marotta (PU)
Il parcheggio del centro commerciale Il Maestrale al Cesano di Senigallia
“Truffa dei sordomuti”, due rumeni individuati e allontanati per 3 anni dal territorio senigalliese.
 

Di seguito alle numerose segnalazioni pervenute al 113 del Commissariato da parte di cittadini e commercianti che segnalavano la presenza di due persone che, nei pressi del Maestrale al Cesano, mostrando alcuni documenti, chiedevano una donazione ad una fantomatica associazione di volontariato dedita ad attività di assistenza per giovani sordomuti, gli agenti della Squadra Volante del Commissariato di P.S. di Senigallia, si sono recati al luogo segnalato per effettuare le necessarie verifiche.
 
Qui, il personale di vigilanza raccontava ai poliziotti che due giovani, nel pomeriggio, in zona prossima all’ingresso, avvicinavano i clienti e, affermando di raccogliere delle donazioni per conto di una associazione di persone sordomute, chiedevano del denaro. 
 
Tali richieste però venivano effettuate in modo insistente, tanto che, alcuni clienti, impauriti, avevano effettivamente offerto del denaro.
 
Alla luce dei fatti narrati e delle testimonianze raccolte, gli agenti acquisivano le immagini del sistema di videosorveglianza e, nel ricostruire le condotte dei due,  riuscivano a risalire al veicolo con cui questi erano giunti presso il parcheggio e poi si erano dileguati in direzione Fano.
 
I due risultavano essere entrambi rumeni, P.C. e S.A.T., di anni 30 circa, da tempo presenti in Italia.
 
Le verifiche effettuate facevano emergere che gli stessi si erano resi responsabili di tale tipologia di reato, fingendo di raccogliere del denaro per finalità benefiche a favore di persone sordomute, in altre occasioni ed in diverse zone del territorio italiano, venendo per questo denunciati.
 
Accertata, dunque, la condotta dei due soggetti e tenuto conto anche della gravità del fatto, i poliziotti del Commissariato di P.S. di Senigallia procedevano l’allontanamento dal territorio del comune di Senigallia per 3 anni.
Commenti
Ci sono 2 commenti
conte1 2020-06-30 19:25:03
Invece di allontanare da Senigallia questi truffatori dovrebbero essere messi in carcere, li allontanano da una città e fanno la stessa cosa in un altra. Ci devono essere le penne più severe in Italia, chi sbaglia paga con il carcere punto, invece non è così purtroppo. Chiudono le carceri, anzi che li puniscono a sta gente. PENE PIÙ SEVERE.
Glauco G. 2020-07-01 10:36:00
Oramai credo che sono passati più di 20 anni da quando, queste truffe, hanno messo piede nel nostro territorio comunale..oramai se ne parla da 20 anni di questi che truffano in questo modo...credo..e ripeto credo..che queste truffe vivono solo con gente anziana e proprio qui che mi scatta uyna domanda...ma 20 anni fa..l'anziano di oggi (che inmedia aveva circa 60 anni) non è consapevole che sono solo truffe?? ormai non credo più che uno ci casca per ingenuità...se gli dai i soldi (quindi li butti via) a questo punto..sono fatti tuoi..per me li puoi gettare pure in un bidone i soldi...amen. ciò non toglie che vanno presi e puniti questi soggetti..ma non provo più tenerezza per chi ci casca.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!