SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Stabilimenti balneari, “la politica prevalga sulla burocrazia”

"Si applichino i protocolli regionali e non il documento Inail"

1.526 Letture
commenti
Onoranze Funebri F.lli Costantini
Lavori in corso negli stabilimenti balneari di Senigallia

OASI non ci sta. Gli Operatori Associati Spiagge Italiane di Confartigianato di Ancona – Pesaro e Urbino ritengono che l’ultimo documento Inail contenente le proposte di linee guida Covid 19 per gli stabilimenti balneari, abbia mero valore consuntivo, e chiedono alle Regioni di farsi convalidare dal Governo i protocolli sanitari già discussi, condivisi e approvati.


L’unica via percorribile per aprire gli stabilimenti è che siano applicati i protocolli regionali concordati con le Associazioni dei Balneari.

Solo le regole approvate dal protocollo marchigiano permettono alle imprese balneari delle Marche di contenere in modo ragionevole le sicure perdite economiche, e di mantenere il più possibile i livelli occupazionali.

Di questo Oasi ringrazia, pubblicamente, il Presidente Luca Ceriscioli e l’Assessore Regionale al Turismo Moreno Pieroni.

Inaccettabili invece, sotto ogni punto di vista, le misure che l’Inail vorrebbe imporre alla politica e ai balneari italiani, e che rischierebbero, se fatte proprie dal Governo, di fermare l’intero sistema turistico balneare italiano, penalizzando, di riflesso, le imprese ricettive e tutte le attività dell’indotto.

Oasi Confartigianato chiede con forza che la politica e le istituzioni prevalgano su logiche burocratiche, per non penalizzare ulteriormente realtà economiche ed imprenditoriali come quelle del turismo, già duramente colpite dal Coronavirus.

Da

Confartigianato Ancona-Pesaro

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!