SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Ristorante Le Mirage - Specialità di pesce - Senigallia

L’artista senigalliese Massimo Nesti dona una tela ad Arquata

Il quadro “Devozione” alla chiesa di Borgo

1.043 Letture
commenti
massimo-nesti (foto www.picenooggi.it)

L’artista senigalliese Massimo Nesti dona una tela ad Arquata. Il quadro, dal titolo “Devozione”, è stato posto all’interno della chiesa di Borgo. Il bel gesto di solidarietà tientra nell’inizitaiva “La storia di Sasha, un quadro per Arquata”, uno dei numerosi progetti di solidarietà che la popolazione di Arquata del Tronto ha ricevuto da gruppi di cittadini o associazioni.

L’artista ha raccontato sulle pagine di Piceno Oggi alcune coniderazioni dopo la consegna della sua opera, con la quale sia i promotori del progetto che lo stesso Nesti hanno testimoniato la loro vicinanza al popolo arquatano: “Il progetto nasce da un’idea dello scrittore Vittorio Graziosi, il quale porta in palcoscenico “La Storia di Sasha” scritto nel 2008 all’interno del libro “Sangue di Rosa Scarlatta”. Il testo ripercorre le vicende degli ultimi struggenti giorni di vita di un giovane ventenne ucraino malato di leucemia. L’intero ricavato di “La Storia di Sasha” è stato devoluto in beneficenza a sostegno del reparto oncologico pediatrico dell’ospedale di Kiev, un gesto che è valso al suo autore il prestigioso riconoscimento di “Cavaliere della Pace” assegnato al centro internazionale per pace fra i popoli di Assisi. Riadattando questa storia per il teatro è così nato un reading con voce recitante dell’attore Antonio Lucarini, musica del maestro Giovanni Brecciaroli, direttore del Coro di Santa Lucia di Jesi e pittura del maestro Massimo Nesti, direttore e resposabile della Scuola d’Arte NV.art a Senigallia. Quindi il progetto ha riunito quattro artisti che, raccogliendo l’eredità culturale e umana di “Sangue di Rosa Scarlatta” la quale ha permesso di raccogliere risorse per opere di beneficenza, hanno avuto modo di portare a termine una nobile iniziativa, donando l’opera chiamata “Devozione” eseguita dal vivo durante tutti gli spettacoli nelle città italiane. Il nostro comune intento era unire le rispettive abilità creative e artistiche, per compiere un gesto di beneficenza verso il paese di Arquata del Tronto e i suoi abitanti“.

Foto  www.picenooggi.it

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura