SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Ruba due volte in chiese di Senigallia, ma ci sono le telecamere: denunciato

I Carabinieri rintracciano un trentaquattrenne di Catania residente in Emilia Romagna

2.616 Letture
commenti
Netservice - Editoria on-line
Furto in chiesa

Un catanese, di 34 anni, trapiantato in Emilia Romagna tra le province di Modena e Rimini, è stato denunciato dai Carabinieri di Senigallia per due furti aggravati.


I colpi sono stati messi a segno in Cattedrale e nella Chiesa della Maddalena, dove l’uomo aveva sottratto calici, pissidi e fregi decorativi, donati dai fedeli alle chiese nel corso degli anni, ma privi di valore storico-artistico.

I furti, denunciati con qualche giorno di ritardo, sono stati commessi il 26 aprile e il 1° maggio, rispettivamente nel Duomo di Senigallia e nella Chiesa della Maddalena.

Il modus operandi è stato sempre lo stesso: il 34enne entra in chiesa come un normale turista, si finge interessato a fotografare con il suo smartphone tele, stucchi e arredi sacri. Poi, appena rimane da solo, ne approfitta per rubare tutto quello che riesce a prendere. Vasi sacri e fregi decorativi sono gli oggetti preferiti.
Il 26 aprile, in Cattedrale ha tentato perfino di violare il tabernacolo.

Il catanese è comunque riuscito ad impossessarsi di un calice e di una pisside poggiati sulla mensola nei pressi dell’altare maggiore. Si è poi spostato in sagrestia e da un armadio ha prelevato un altro calice. Si tratta di vasi sacri in metallo stampato, bagnati in oro – ha precisato il parroco – donati da alcuni fedeli nel corso degli anni, ma privi di valore storico e artistico.

Il 1° maggio successivo, il catanese ha colpito nella Chiesa della Maddalena. Probabilmente ha agito con un complice che gli ha fatto da palo.

Dal terzo altare sulla destra, quello dedicato alla Madonna del Rosario di Pompei, il malvivente ha staccato alcuni fregi decorativi costituiti dalle stelline in cristallo che formavano le aureole della Madonna e di Gesù bambino, due corone piatte collocate sul capo della Madonna e di Gesù bambino, ed infine un cartiglio con la scritta “Ave” posizionato in basso. Le corone e il cartiglio erano in oro e furono donate a devozione da una donna di Senigallia nel 1956 a completamento dei lavori di restauro dell’altare.

Il 34enne non aveva fatto i conti però con la presenza delle sistema di videosorveglianza. Fondamentali ancora una volta per la risoluzione del caso sono state le immagini registrate dalle telecamere a circuito chiuso.
I fotogrammi sono stati inviati ai vari comandi dell’Arma su tutto il territorio nazionale. Un Appuntato in servizio alla Compagnia di Rimini lo ha riconosciuto in quanto lo aveva controllato qualche giorno prima.

Il catanese era stato scarcerato a gennaio (2018), dopo essere finito in carcere nel 2014 per una serie di furti ai danni di chiese della provincia di Modena.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura