SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Laboratorio Naturale - Shop online: sapone naturale, bava lumaca bio, latte asina bio, aloe bio

Avulss, a Senigallia l’ultimo incontro sulla bioetica

Il 12 maggio interviene Giuseppe Anzani

Avulss, incontro pubblico

Sabato 12 maggio a S. Rocco alle 18 si conclude così il ciclo di conferenze sulla bio etica organizzate dal’Avulss di Senigallia e che hanno suscitato un grande interesse.


In merito alla conferenza del dott. Giuseppe Anzani, magistrato ed editorialista del quotidiano Avvenire:
L’impostazione di fondo, oltre l’analisi delle norme che verrà pur fatta con rigore scientifico, per il dott. Anzani è questa: non è un problema di “quanti di vita” aggiunti o perduti.
Morire “umanamente” esclude l’accanimento come pure l’abbandono. Morire “umanamente”, quando l’incontro è annunciato, è percorrere il varco che immette nell’Oltre, riconciliarsi con i limiti della propria esistenza terrena, accettare la dignità della propria finitudine, accogliere la morte come un grembo di un’alba diversa. La consapevolezza di questa verità è nella storia umana universale.
Fin dal remoto paleolitico e dalle sue tombe, c’è un consenso comune, in tema di vita e di morte, che oltrepassa le nostre clessidre.
La certezza che non esiste nessun uomo senza una domanda sull’Aldilà, senza una speranza, senza quel nucleo di domande esistenziali che ci affratellano tutti, senza sentire in cuore le questioni ultime la cui risposta abita nell’Oltre; senza quell’inconfondibile bisogno di infinito che segna la nostra umanità.

L’assenza di questo orizzonte antropologico toglierebbe alla morte il suo profilo meta-biologico, se i soggetti (le persone) cui le norme di legge offrono gli scivoli dell’exitus fossero intesi come “processi biologici” a termine. Il destino di “non essere più” è l’opposto della nascita all’Oltre.

“Ecco perché – ha affermato Papa Francesco – siamo chiamati a custodire gli anziani come un tesoro prezioso e con amore, anche se creano problemi economici e disagi, ecco perché ai malati, anche se nell’ultimo stadio, dobbiamo dare tutta l’assistenza possibile, ecco perché i nascituri vanno sempre accolti; ecco perché, in definitiva, la vita va sempre tutelata e amata dal concepimento al suo naturale tramonto”.

Avulss Senigallia
Pubblicato Venerdì 11 maggio, 2018 
alle ore 15:27
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno