SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Annullare la delibera per le Terre della Marca Senone: lo Statuto è illegittimo”

Mozione di M5S, Senigallia Bene Comune e Lega Nord: "tanta fretta, nessuna trasparenza e zero informazione per i cittadini"

2.010 Letture
commenti
Palma, Martinangeli, Sartini, Da Ros

Movimento 5 Stelle, Senigallia Bene Comune e Lega Nord con una mozione nel prossimo Consiglio comunale chiederanno l’annullamento in autotutela della delibera dello scorso novembre che ha permesso la costituzione dell’unione dei Comuni ribattezzata “Terre della Marca Senone”.


Secondo i consiglieri Giorgio Sartini (SBC) e Davide Da Ros (Lega Nord) e le consigliere Stefania Martinangeli, Elisabetta Palma (M5S) lo Statuto della nuova unione sarebbe infatti illegittimo.

Spiega Martinangeli: “Come già avvenuto per l’unione dei Comuni del San Bartolo e Foglia, nel pesarese, qui si ha uno Statuto illegittimo. In quel caso furono esponenti del M5S locale a segnalare la cosa, con un ricorso al Consiglio di Stato, che lo ha ritenuto fondato. Situazione simile in questo caso: lo Statuto delle Terre della Marca Senone, negli articoli 7 e 8, non individua con chiarezza funzioni, servizi e risorse, limitandosi a indicazioni generali e rimandando ad atti successivi. Vi è però una discordanza con quanto stabilito all’articolo 32, comma 6, dal Testo Unico Enti Locali“.

“Ma è tutta l’operazione – rincara Martinangeli – ad essere caratterizzata da totale disinformazione e mancanza di trasparenza. Le Terre della Marca Senone porteranno dei costi e sono una scatola vuota al momento, ancora tutta da riempire”

“Un’unione che è stata imposta in tutta fretta – concorda Palma – e di cui gli stessi consiglieri sono stati informati all’ultimo momento, senza nemmeno la possibilità di presentare emendamenti”.

“Le Terre della Marca Senone nascono soltanto dalla volontà politica, anzi, partitica, di accentrare i servizi sociali e il Suap per controllare meglio il territoriopolemizza Sartini Diciamo sì a una unione dei Comuni, ma condivisa. Quella fatta in questo modo sembra tipica di un regime dittatoriale con uno Statuto da premio Nobel per l’idiozia. Inoltre, perché nessuno dice che alcuni Comuni virtuosi si vedranno aumentare la tassazione (uniformata)? E perché nessuno dice che unioni comunali di questo tipo dopo 10 anni o cessano o debbono trasformarsi in un unico Comune?”.

Per Da Ros, “le Terre della Marca Senone permetteranno a Senigallia di farla da padrone a livello locale sui Comuni più piccoli. Su argomenti come questi sarebbe stata gradita una convergenza di tutta l’opposizione, ma a Senigallia ciò non è successo”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura