SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Incontri, proiezioni e dibattiti a Senigallia su Siria e migranti

Presentato il calendario di iniziative dell'anno 2017 della Scuola di Pace "V.Buccelletti": prossimo appuntamento l'11 febbraio

Wispone - WiADSL RELAX - Connessione a internet ultra veloce e affidabile
La presentazione del programma "Sconfinati" della Scuola di Pace di Senigallia: da sinistra Simonetta Bucari e Marzia Bianchini

Nuovo anno sociale per la Scuola di Pace ‘Vincenzo Buccelletti’ di Senigallia. La realtà – nata nel 1984 dall’incontro tra gruppi pacifisti, associazioni di volontariato e amministrazione comunale – ha presentato il programma educativo del 2017, intitolato: “Sconfinati: Siria, donne, bambini, fronti e frontiere“.

Le attività hanno già avuto inizio a gennaio con la missione a Reyhanli (Turchia) per il progetto ‘Child Again‘, con il reading musicale ‘Vita Mia‘, liberamente ispirato dal libro ‘Lacrime di sale‘ di Pietro Bartolo e Lidia Tilotta, e con l’inaugurazione della mostra ‘Disegni dalla Frontiera‘ di Francesco Piobbichi.

La brochure di "Sconfinati" della Scuola di Pace di SenigalliaQuest’anno – spiega la co-presidente della scuola Marzia Bianchini – rivolgeremo uno sguardo speciale alla situazione dei migranti, con un focus particolare sulla Siria. Anche se a Senigallia non ospitiamo profughi siriani è un tema che ci tocca da vicino. Esamineremo le cause che alimentano i conflitti armati, a partire dalla proliferazione della produzione e del commercio degli armamenti. In tale ambito sosterremo la campagna “Un’altra difesa è possibile”, attraverso la quale vorremmo indicare al nostro Parlamento una via di difesa civile, non violenta e alternativa a quella armata“.
Oltre a incontri pubblici per tutta la cittadinanza – continua – vogliamo ottenere dei risultati concreti: ecco perché abbiamo fatto partire il crowdfunding (raccolta fondi) per il progetto ‘Casa Tayba‘, un orfanotrofio a Reyhanli sul confine turco-siriano dove vivono circa 50 bambini fuggiti dalla guerra“.

Al progetto Casa Tayba è quindi dedicato il prossimo appuntamento in programma, la cena di solidarietà di sabato 11 febbraio, alle ore 20:30 al centro civico Cesano. A tal proposito, chi vuole può sostenere il progetto versando il proprio contributo nel conto corrente messo a disposizione dal Comune di Senigallia (Iban IT38S0605521372000000017960 – causale: Orfani siriani – capitolo 260/1).

Il programma di "Sconfinati" della Scuola di Pace di SenigalliaTra gli appuntamenti dei prossimi mesi figurano poi l’incontro con il giornalista Fulvio Scaglione e la presidente di “Un Ponte per Bagdad” Martina Pignatti sul tema “Il patto con il diavolo, il medio-oriente brucia: perché?” (24 febbraio, auditorium San Rocco, ore 21); lo spettacolo teatrale “Cantieri Meticci” (5 marzo, centro civico Cesano, ore 17:30); la manifestazione “Donne Migranti” per la Giornata internazionale della Donna in collaborazione con gli assessorati comunali alle pari opportunità e alla cultura; lo spettacolo teatrale “Resistenza e Sogni” di Annet Hanneman (20 aprile, cinema teatro Gabbiano, ore 21). Seguiranno la proiezione del docu-film sulla Siria di Domenico Quirico “Ombre dal fondo“; la presentazione del volume “Dal libro dell’Esodo“; la festa della Pace, il 2 giugno, in concomitanza con la festa della Repubblica (parco della Pace); la partecipazione della festa dei Popoli promossa dalla diocesi di Senigallia e la rassegna cinematografia sulla Siria (settembre-ottobre).

Per l’anno 2016/17 il comune ha finanziato le attività della Scuola di Pace con un budget di 1500 euro. Per partecipare agli incontri è necessario iscriversi direttamente durante le serate pagando una quota comprensiva di tutti gli incontri variabile da 5 a 20 euro.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!