SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Ristorante Lo-Lì - Senigallia - Giro primi a volontà, all you can eat a prezzo fisso

Caso Bertolini, “le ipotesi accusatorie sono semplici asserzioni ancora da dimostrare”

Contro-replica dei legali di Alessandro Predieri dopo la lettera di sua moglie e l'intervento dell'avvocato della famiglia Bertolini

6.735 Letture
commenti
Jessica Bertolini e gli avvocati su Rai 3 a "Chi l'ha visto?"

Noi sottoscritti avvocati, in nome e per conto del nostro Assistito, Alessandro Predieri, relativamente a quanto recentemente apparso, per opera della difesa della famiglia Bertolini, sui siti internet www.viveresenigallia.it e www.senigallianotizie.it, siamo ad esporre quanto segue.

Evitando – com’è nostra abitudine – sterili polemiche su questioni che nulla c’entrano col processo penale notoriamente in corso (come il convegno tenutosi presso l’Università di Perugia, in relazione al quale questi difensori non hanno mai espresso – né intendono esprimere – alcuna osservazione di sorta), ciò che, per altro verso, più ci preme rimarcare è che consideriamo inaccettabile leggere esternazioni – ancora più gravi perché espresse contestualmente alla formale citazione del principio di innocenza presunta dell’imputato – come quella secondo cui “…la pubblica accusa, sulla base di solidi elementi di prova (che, in dibattimento, sono già stati in parte confermati) ha mosso precisi e puntuali contestazioni all’imputato…”.
Invero, a parte il fatto che non si comprende quali sarebbero questi presunti elementi – definiti – di prova che avrebbero trovato conferma, ciò che più va enfatizzato è che il processo penale a carico del nostro Assistito – a quanto pare non è mai abbastanza ripeterlo – si trova ancora alle battute iniziali, sicché risulta a dir poco prematuro, suggestivo e fuori luogo azzardare asserite conferme, ancorché parziali, ad ipotesi accusatorie che, invece, risultano ancora tutte da dimostrare nella loro interezza; specie considerando che, ad oggi, non è stata sentita alcuna delle numerose testimonianze ammesse in favore dell’imputato, tra le quali, tra l’altro, quella della prima strenua sostenitrice dell’innocenza del Predieri: sua moglie, Jessica Bertolini (non si capisce, per di più, come possa parlarsi di solidi elementi di prova della pubblica accusa, in parte – si sosterrebbe – confermati in dibattimento, atteso che la prova, nel processo, nasce e si forma, ma non si conferma, poiché prima del dibattimento, salvo eccezioni che qui non ricorrono, non esiste prova).
Evidentemente è ancora il caso di ribadire che le ipotesi accusatorie condensate nel capo di imputazione – enfaticamente descritto come “drammatico”, probabilmente perché, parafrasando Émile de Girardin, l’esagerazione, in realtà, tradisce la debolezza degli argomenti scrivibili – altro non sono che semplici asserzioni ancora tutte da dimostrare, dato che la prova dei fatti – come noto tra gli operatori del diritto – può dirsi raggiunta unicamente alla fine del processo e, in particolare, solo all’esito della contrapposizione dialettica tra gli elementi a carico e quelli a discolpa dell’imputato.

Ciò posto, noi difensori, infine, per espressa volontà del nostro Assistito, rappresentiamo, nuovamente, la di lui volontà di voler perseguire risolutamente e senza remora alcuna, qualunque persona che, violando la legge, si sia resa o dovesse rendersi responsabile della divulgazione di fatti diffamatori, non corrispondenti al vero o calunniosi. Così come già avvenuto nei confronti del fratello della moglie del Predieri, il quale, per aver reso contro quest’ultimo dichiarazioni (televisive) ritenute contumeliose dalla magistratura, è stato raggiunto da un decreto penale di condanna (anche se non irrevocabile, perché opposto), per il reato di diffamazione aggravata e continuata, recentemente emesso dal Giudice per le Indagini preliminari presso il Tribunale di Pesaro.
Tanto dovevamo a tutela dei diritti e degli interessi del nostro Assistito.

Rimini, lì 07.12.2016

Avv. Massimiliano Cornacchia
Avv. Gilberto Gianni

Allegati

Aggiornamento rispetto al contenuto: con sentenza della Corte di Assise di Ancona del giorno 20/12/2018, il sig. Alessandro Predieri è stato assolto o comunque prosciolto da ogni accusa, eccezion fatta per un capo di imputazione relativo alla violenza sessuale, per il quale è stato condannato con medesima sentenza ad anni 8 e mesi 6 e ad il risarcimento in favore della parte civile costituita. La difesa dell’imputato, respingendo ogni accusa, ha impugnato la sentenza.

Per saperne di più sul caso Bertolini

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno