SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

FdI/Alleanza Nazionale Senigallia: “Referendum, voto No perché…”

Il coordinatore locale Marcello Liverani elenca la lunga serie di motivi per il voto contrario alla riforma della Costituzione

1.121 Letture
commenti
Baby & Kid outlet - Promozione novembre 2016 - Abbigliamento bambini Senigallia (AN)
Referendum: voto No

Voi Cittadini, popolo Italiano, permettereste ad un ladro di modificare la legge per il reato di furto? Sicuramente no! Allora perché dovremmo accettare che a modificare la Costituzione sia chi è colpevole di non rispettarla? Denis Verdini, Senatore, neo padre costituente assieme a Renzi, Boschi e Napolitano, a processo per: “bancarotta fraudolenta – bancarotta preferenziale – truffa aggravata allo Stato – corruzione – finanziamento illecito, oltre ad altre indagini aperte”. La sua storia è più penale che costituzionale.


Voto NO perché nel 1946 a scrivere la Costituzione furono persone del calibro di Pietro Calamandrei, Benedetto Croce, Alcide De Gasperi, mentre oggi ci hanno messo le mani una maggioranza di parlamentari coinvolti in inchieste giudiziarie: condannati o indagati o coinvolti in  reati come “associazione a delinquere”“corruzione” – “frode” – “voto di scambio” – “bancarotta” – “concussione” – finanziamento illecito” – “abuso d’ufficio” – “peculato” e tanto altro ancora;

Voto NO perché non voglio che si stravolga la Costituzione;
Voto NO perché è una bugia che si riducono i costi;
Voto NO perché NON E’ VERO che verrà abolito il CNEL, verrà riformato, come ha ben spiegato il Presedente dell’Ente, Delio Napoleone;
Voto NO perché il diritto di parola delle minoranze parlamentari va sempre difeso;
Voto NO perché va difesa la partecipazione democratica dei cittadini, cosa che viene stravolta con l’innalzamento delle firme da raccogliere per i Referendum (da 500mila a 800mila) e triplicate (da 50mila a 150mila) quelle per la presentazione di una Legge di iniziativa Popolare;
Voto NO perché non è vero che si elimina il Bicameralismo Paritario;
Voto NO perché non è vero che si elimina il Senato;
Voto NO perché sia alla Camera che al Senato ci andranno persone non elette dal popolo, ma nominate dai partiti;
Voto NO perché ai Consiglieri Regionali e ai Sindaci che saranno nominati Senatori dai partiti verrà data l’Immunità Parlamentare;
Voto NO perché per la prima volta arriva nella Costituzione l’Unione Europea, questa entità sovrannaturale dove tutti noi dobbiamo ubbidire senza che gli Italiani possano esprimersi tramite Referendum;
Voto NO perché l’art 70, che era scritto da 9 parole ed era comprensibilissimo, ora è scritto da 449 parole e oltre a non riuscire a venirne a capo, si capisce benissimo che l’iter delle leggi è stato letteralmente stravolto e complicato;
Voto NO perché non si può permettere che un partito governi a proprio piacimento;
Voto NO perché l’Italicum rende possibile a una minoranza di elettori di diventare magicamente una larga maggioranza;
Voto NO perché nella Riforma non è stato messo nessun vincolo di mandato, quindi ogni parlamentare potrà cambiare partito ogni volta che lo vorrà senza lasciare la “poltrona”;
Voto NO perché nella Riforma non è prevista l’elezione del Presidente della Repubblica da parte dei Cittadini;
Voto NO perché questa maggioranza, anche contro la volontà di tutto un Paese, potrà modificare anche i diritti fondamentali della prima parte della Costituzione se la Riforma dovesse passare;
Voto NO perché nelle Disposizioni Finali, all’art. 40, comma 5 (chiamato dagli stessi addetti “Comma Napolitano”), viene garantito a vita e Costituzionalmente agli ex Presidenti della Repubblica un introito di 50.000 mila euro al mese compresi moltissimi benefit vergognosi;
Voto NO perché la Riforma va ad aumentare la perdita della Sovranità Popolare;
Voto NO perché con la nuova Riforma si crea un accentramento di potere mai visto che mette in serio pericolo la democrazia del nostro Paese;
Voto NO perché si avranno gravi squilibri sulla composizione degli organi costituzionali e il rischio è che un solo partito politico possa decidere sia l’elezione del Consiglio Superiore della Magistratura, sia dei giudici della Corte Costituzionale, sia dello stesso Presidente della Repubblica;
Voto NO perché la Costituzione non può essere cambiata a piacimento di un governo e di un partito;
Voto NO perché la Riforma l’ha voluta un Presidente del Consiglio NON ELETTO dai Cittadini;
Voto NO perchè la Riforma l’ha scritta un Governo NON ELETTO dai Cittadini;
Voto NO perché la Riforma l’ha votata un Parlamento dichiarato ILLEGITTIMO dalla Corte Costituzionale.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura