SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Baby & Kid outlet - Autunno Inverno 2016-17 - Abbigliamento bambini Senigallia (AN)

Liverani replica alla Dirigente Giommetti: “Le giustizie sommarie non ci piacciono”

I ragazzi della classe “incriminata” non erano controllati dall’insegnante mentre usavano le apparecchiature della scuola”?

Marcello Liverani

Ringraziamo la Dott.ssa Elena Giommetti, Dirigente scolastica dell’Istituto d’istruzione superiore B. Padovano, per averci risposto e per le sue delucidazioni sul fatto. Prendiamo atto di un regolamento interno, come tutte le scuole hanno, e condividiamo il principio “chi rompe paga”, ma questo deve però essere applicato al singolo, o ai singoli, autori del “misfatto”, non ad una intera classe solamente perché non si è in grado di trovare il “colpevole”. Le giustizie sommarie non ci piacciono e mai ci piaceranno.

Ci poniamo quindi delle domande molto semplici: “I ragazzi della classe “incriminata” non erano controllati dall’insegnante mentre usavano le apparecchiature della scuola”? . “Possibile che l’istituto, l’insegnante o chi per loro non sappia chi sia stato a “manomettere” i circuiti elettrici quando invece sia i ragazzi che i loro genitori sanno benissimo chi è stato”? “La scuola non è coperta dall’assicurazione in casi come questi”? “Perché andare a chiedere 10 o 11 euro alle famiglie che già ne hanno versate ben 100 di euro ad inizio anno con la solita scusa del contributo volontario, ma obbligatorio”?

Non riteniamo giusto l’interpretazione data alchi rompe paga” perché appunto la stessa Direttrice ci fa sapere che non sanno chi sia stato (molto strano visto che a noi lo hanno detto subito), e il non saperlo non è di certo una colpa da attribuire all’intera classe per chiedere a tutti di ripagare il danno. Da quello che sappiamo, a noi così è stato riferito, diverse famiglie non hanno per nulla “digerito” questo modus operandi e si sono rifiutate di versare la cifra chiesta; non possiamo che condividere la decisione di chi non verserà nulla perché per noi questo “principio” è completamente fuori luogo.

Appare veramente strano che la scuola “non sappia” mentre alunni e genitori sanno perfettamente. Ci domandiamo se lo stesso metro di giudizio sarebbe stato usato se fosse stato un altro alunno… chi vuol capire capisca.

Rimaniamo comunque convinti che a 15 anni queste sono cose che possono accadere e che sono messe in preventivo, il dolo quando c’è è su cose gravi e serie, atti di vandalismo puro, questo è un normalissimo episodio di un ragazzo che ha toccato quello che non avrebbe dovuto toccare, e lo ha fatto quasi sicuramente per curiosità e perché a quella età si tocca tutto, cosa sicuramente sbagliata, ma scagli la prima pietra chi è senza peccato.

da Marcello Liverani
Coordinatore Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale di Senigallia.

Commenti
Solo un commento
vecchio freak 2016-10-13 20:59:23
Ma perché anziché scrivere questi interventi pieni di allusioni (chi vuol capire capisca...se era un altro figlio) riportando pettegolezzi e dicerie di genitori arrabbiati (forse legittimamente) non va a scuola (tanto mi sembra che di tempo libero ne abbia tantissimo) e dice il nome del reprobo alla direttrice che così potrà sanzionare in maniera seria, dolorosa e ad imperitura memoria lo stolto che ha provocato cotanto danno alla schiera dei giovani innocenti balilla loro malgrado coinvolti???
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura