SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Vostra figlia è trattenuta dai Carabinieri, servono soldi”: la truffa va a segno

Coppia di anziani raggirata a Senigallia da un falso avvocato e un complice che si è finto carabiniere

3.165 Letture
commenti
Mini Grand Prix - Le Coco Beach - Parco giochi, american bar, paninoteca, cocktails - Senigallia
La caserma dei Carabinieri di Senigallia in via Marchetti

Ancora una truffa andata a segno a Senigallia con la scusa del falso incidente. Un malvivente, fintosi avvocato, ha riferito a una coppia di anziani di un episodio in cui la loro figlia era stata fermata dai Carabinieri e trattenuta in caserma: solo il pagamento di una cauzione poteva far rilasciare la figlia dallo stato di fermo per una mancata assicurazione all’auto.

I due anziani – lui 84enne, lei 77enne – sono caduti nel raggiro e hanno consegnato 150 euro in contanti e ben 4mila euro in gioielli a un complice del truffatore, presentatosi come un carabiniere in borghese. Solo in seguito si sono accorti dell’inganno e hanno denunciato l’episodio ai Carabinieri (quelli veri) della stazione di via Marchetti, a Senigallia.

Nonostante i vari incontri volti proprio ad informare la cittadinanza, o i vari articoli sui quotidiani, ancora una volta ha funzionato il trucco del finto avvocato e del finto carabiniere. A tal proposito è proprio il Capitano della compagnia di Senigallia, Cleto Bucci, a far presente che i Carabinieri, così come in genere tutte le forze dell’ordine, non si recano mai a casa dei cittadini per chiedere dei soldi, tantomeno gioielli. “Chi lo fa, sottolinea, è un falso carabiniere e va immediatamente segnalato“.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura