SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Fabbri Infissi - Blindate Dierre - Bonus fiscale per infissi, porte e cancelli

Senigallia, Rifondazione Comunista: “no” a Ceresoni in Altre Marche

L'assessore non riceve l'appoggio per le elezioni regionali: "è ciò che non vogliamo essere"

Simone Ceresoni

In questi giorni si aggira per Senigallia un nuovo Amleto, la testa ciondolante, il volto emaciato. L’ansia lo assale e il dubbio lo divora. Immaginiamo così il sempiterno assessore Ceresoni che non sa se mettere la sua ultradecennale esperienza di nuovo alla corte di Mangialardi o accettare la proposta (chi gliela abbia fatta non si sa) di candidarsi nelle liste di Altre Marche per le regionali.

Vorremmo aiutarlo a uscire da questa ambascia. Altre Marche nasce da un percorso partecipato e largo che ha visto convergere quello che c’è di mobilitazione civile e conflitto sociale nella nostra regione con le forze della sinistra: Rifondazione, Sel, PdCI.
A partire da una riflessione attenta dei fenomeni sociali di questa regione si propone alternativo al PD in tutte le sue forme concrete (fosse quella storicamente rappresentata da Spacca, che quella del sindaco delle Marche Ceriscioli) e propone un modello di pratica e di partecipazione politica che a Senigallia la coalizione Mangialardi non ha mai praticato.
Del resto è noto: il PD di Senigallia, e il sindaco in particolare, eternauti delle istituzioni passati dal plauso a Bersani alla genuflessione a Renzi, sono stati in prima linea nel sostenere Ceriscioli, cioè il programma più liberista in campo nelle primarie del Pd ritenuto più consono e simile alle pratiche amministrative senigalliesi.

Dove stia il dubbio dell’assessore Ceresoni quindi non riusciamo a comprenderlo. Lui è organico, lo ha testimoniato con la sua lunga fedeltà amministrativa, al PD, alle sue politiche, agli interessi che difende; quindi è esattamente “ciò che non siamo e ciò che non vogliamo“, noi che abbiamo un po’ contribuito alla nascita di “Altre Marche”.
La sua presenza nelle liste sarebbe la smentita pratica di un percorso e di un progetto. Ritrovi perciò Ceresoni la serenità e si metta a disposizione del sindaco al quale non crediamo faccia difetto la gratitudine.

Commenti
Solo un commento
Harrylacarogna
Harrylacarogna 2015-04-01 14:20:24
Ennesima scoperta dell'acqua calda:
Prima cattolico in quota "Casa della Gioventù",poi Verdi,infine approdato al pd ma in quota mista "la città futura"
Ma voi di Rifondazione avevate preso un "tavor" da 2,5???
Ma andè a letto, e trovate un po' di coerenza finalmente.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura