SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

A Senigallia un incontro per ricordare Vigor Bovolenta

La moglie del campione di pallavolo scomparso sul campo presenterà un libro sull'ex azzurro

2.774 Letture
Un commento
Comì di Cucina
Vigor Bovolenta

Mi chiamo Federica Lisi Bovolenta, ho trentasette anni e cinque figli. Sono la moglie di Vigor Bovolenta, il campione di volley che in molti ricorderete, scomparso in campo il 24 marzo 2012. Vigor Bovolenta. Bovo per gli amici e per me. Quindici anni insieme. Poi lui se n’è andato. Se n’è andato senza lasciarmi. E senza lasciarmi istruzioni. Se n’è andato restando dentro la mia vita. Restando la mia vita“.

Inizia così “Noi non ci lasceremo mai” il libro di Federica Lisi Bovolenta scritto insieme ad Anna Cherubini, sorella di Lorenzo Jovanotti, ed edito da Mondadori che verrà presentato sabato 5 aprile alle ore 17.00 alla Rotonda a Mare. Prima, Federica Lisi Bovolenta, sarà ospite dell’ITCG Corinaldesi di Senigallia, alle ore 11.00 per incontrare ragazze e ragazzi delle classi terze e quarte dell’Istituto, raccontare la sua storia e parlare di sport, di società, di vita, di speranza e per presentare il libro. A condurre l’incontro sarà Andrea Carloni, presidente dell’Unione Stampa Sportiva.

Un campione della pallavolo, Vigor Bovolenta, prematuramente scomparso in campo durante l’incontro Macerata-Forlì, cinque figli, una tragedia, una storia d’amore che ha commosso l’Italia raccontata da una donna coraggiosa.

Vigor Bovolenta ha vinto molto: medaglia d’argento alle Olimpiadi del ’96, World Cup, Europei, World League, quarto posto Olimpiadi Pechino 2008 e tanti altri titoli. Nato in provincia di Rovigo e cresciuto a Ravenna, è stato un grande campione della nazionale di Velasco, vestendo la maglia azzurra per 203 volte. 203 erano anche i centimetri di statura del ‘gigante del Polesine’.

Il 24 marzo del 2012 muore improvvisamente sul campo e a distanza di pochi giorni dal funerale, Federica, sua moglie, scopre di essere incinta e il 30 ottobre 2012 è nato Andrea, il loro quinto figlio.

Vorrei che da questo libro i miei figli comprendessero meglio chi era il loro papà, le cose che facevamo insieme, quelle in cui credevamo. Vorrei vederli, alla fine di questa storia, semplicemente sorridere“.

Commenti
Solo un commento
melgaco 2014-04-04 02:08:11
Peccato che questo evento si svolga in perfetta contemporanea con gli impegni di campionato delle squadre senigalliesi di pallavolo (sia la maschile che la femminile). Forse una più attenta programmazione e un coinvolgimento dell'Us Pallavolo Senigallia avrebbe garantito un maggior afflusso di pubblico
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura