SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Asc Senigallia ospite ad Ancona per l’anniversario dell’Unità d’Italia

"Stato, cittadinanza, doveri" i tre temi di una relazione del Presidente Marco Severini

Bandiera italiana

Lo Stato, la cittadinanza, i doveri. Di tutto questo si è parlato, nel pomeriggio di giovedì 20 marzo ad Ancona, nella Sede della Prefettura dove si è svolta la “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’inno e della bandiera”.

La ricorrenza della nascita dello Stato italiano – avvenuta il 17 marzo 1861 a Torino con la designazione di Vittorio Emanuele II a primo re d’Italia – cadeva il lunedì precedente, ma per motivi organizzativi è stata celebrata qualche giorno dopo.

Si è rivelata una manifestazione partecipata, bella e tutt’altro che retorica, visto che è stata capace di coinvolgere numeroso pubblico tra autorità civili (tra cui l’asssesore regionale Paola Giorgi) e militari, cittadini, giornalisti, studiosi nonché diversi studenti del Liceo “Rinaldini” accompagnati dalla Dirigente Giulietta Breccia e dalla prof.ssa Patrizia Caporossi.

Intermezzati dai brani eseguiti al pianoforte dalla maestra Valeria Picardi, che ha suonato l’inno nazionale, l’inno di Garibaldi e musiche dal “Nabucco” verdiano, hanno preso la parola Alfonso Pironti, Prefetto di Ancona, e il professor Marco Severini, docente di Storia dell’Italia contemporanea presso l’Università di Macerata e presidente dell’Associazione di Storia Contemporanea.

Il Prefetto Pironti ha sottolineato i legami storici che legano la festa del 17 marzo, con cui prese avvio la storia dello Stato italiano, con quelle del 25 aprile e del 2 giugno, asse identitario della Repubblica italiana.

Il professor Severini ha sviluppato un articolato discorso che partendo dall’eredità del Risorgimento è giunto a tratteggiare i problemi del nostro tempo e si è soffermato sull’importanza dei doveri nel valore della cittadinanza: un’importanza di ascendenza tipicamente mazziniana, ma ancora profondamente attuale.

Al termine della manifestazione, il professor Severini è stato omaggiato con una riproduzione di nuno scorcio anconetano e la maestra Picardi con un mazzo floreale tricolore.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura