SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Mamamia affollato dai fans in delirio per il live di Guè Pequeno a Senigallia

Il "Bravo Ragazzo" fa sgolare i tantissimi ammiratori che lo acclamano come un re - FOTO

Guè Pequeno sul palco del Mamamia di Senigallia

I fan di Guè Pequeno arrivati da tutta la provincia e oltre (era la prima data marchigiana) aspettavano l’inizio del concerto con trepidazione. Intorno alle 23 ecco spegnersi le luci, un boato accoglie il protagonista della serata che irrompe sul palco sulla base di Easy Boy, per poi virare su Uno come me e Giù il soffitto, tre hit potenti e graffianti, ottime per riscaldare ulteriormente l’ambiente già bollente.

Va subito sottolineato che non si è trattato di un live come tutti gli altri perché Guè Pequeno, il frontman del gruppo hip hop più famoso d’Italia: i Club Dogo, era accompagnato da elementi che hanno impreziosito la sua performance. In primis dj Jay-K, campione del mondo di scratch, poi Carmine B-Dog alla batteria che ha arricchito ogni brano accentuando i bassi e rifinendo il beat con cassa, piatti e rullante.

Guè Pequeno sul palco del Mamamia di SenigalliaGuè ha poi proseguito con Si sbocciaLa mia ragazza è gangstaG.U.E.Barbie vs Marley e R.E.B. In quel momento sembrava che il rapper volesse prendersi una pausa, ma ecco partire la base di Senicar (grande successo firmato con Marracash) dove Guè ha fatto vedere di che pasta è fatto. Chi conosce la sua strofa in questo pezzo, infatti, saprà che si tratta di trenta secondi di apnea, con rime incalzati e incastri metrici non facilmente riproducibili live. A chiudere la prima parte del concerto uno dei brani di maggior successo del suo ultimo album da solista Bravo Ragazzo:Business. Applausi a scena aperta.

Mentre Pequeno si riprendeva dagli 11 brani cantati senza mai riprendere fiato, dj Jay-K ha fatto qualcosa di incredibile. Sulla base di Voi non siete come noi dei Club Dogo si è lasciato andare in uno scratch show mai visto prima. Numeri di alta scuola, con il braccio fatto passare addirittura dietro il corpo e sotto le gambe. Fino all’apice in cui ha osato persino scratchare con il mento. Fan i delirio.

Il concerto è poi ripartito con Ultimi giorniSe tu fossi me (la prima strofa cantata a cappella assolutamente da brividi),Scappati di casaAll’ultimo respiroTornare indietro (altro bel momento con Guè Pequeno che ha fatto cantare tutta la prima strofa ai suoi fan) e Forza Campione.

Guè Pequeno live al Mamamia di SenigalliaSiparietto divertente quando Guè, alla fine di una canzone, se l’è presa con i sui fan (scherzando) perché cantavano a voce troppo alta tanto da rientrargli nella cassa spia, facendolo sussultare su una strofa. «Mi stavate facendo sbagliare» ha detto il rapper, andando poi a dare la mano a un suo fan in prima fila.

C’è stato poi spazio per un altro ospite, il rapper Vincenzo Da Via Anfossi che si è esibito con Guè nei pezziMurcielago e Puro Bogota (uno dei brani più storici dei Club Dogo), poi ancora Il drink e la jollaIl Ragazzo d’oro (il successo del precedente album omonimo di Guè Pequeno) e Brivido (una delle più belle canzoni del suo ultimo disco Bravo Ragazzo, firmata ancora una volta con Marracash).

Guè non poteva non salutare i suoi tantissimi fan chiudendo il live con Rose Nere, altra incredibile hit del suo ultimo album che ha raggiunto 2 milioni e mezzo di visualizzazioni su YouTube.

Insomma, un grande live e un grande Guè Pequeno, che ha dimostrato a tutti il perché, dopo tantissimi anni di successi coi Club Dogo e da solista, è ancora sulla cresta dell’onda e giudicato il re della scena italiana.

Guè Pequeno live al Mamamia di SenigalliaGuè Pequeno in concerto al Mamamia di SenigalliaGuè Pequeno in concerto al Mamamia di Senigallia

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura