SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Operatori balneari equiparati ai turistici, ma l’Iva è ancora al 21%

Borioni, Oasi Confartigianato: "Inaccettabile disparità di trattamento, si ripercuote sui turisti"

Pane Nostrum 2013
L'estate al mare di Senigallia, spiaggia di velluto

Nel corso del recente tavolo tecnico tenutosi con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, O.A.S.I. Confartigianato ha chiesto con forza la riduzione dell’IVA relativa alle tariffe balneari. La richiesta è motivata dal fatto che, in base alla legge-quadro sul turismo, gli operatori balneari sono diventati ad ogni effetto di legge operatori turistici.

Si chiede pertanto che le stesse agevolazioni oggi concesse in materia di IVA alle altre categorie del comparto turistico (alberghi, bar, campeggi, ristoranti godono tutti dell’IVA agevolata al 10%) siano accordate anche al settore degli operatori Balneari che invece hanno l’IVA al 21%.

Tutte le categorie turistiche – fa sapere Filippo Borioni, Presidente Regionale di O.A.S.I. – debbono essere equiparate e quindi avere l’IVA al 10%. Questo è un argomento fondamentale che stiamo portando avanti solo noi a causa delle tensioni interne degli altri sindacati (Sib e Fiba) e della incapacità a rappresentare grandi e piccoli, bar-ristoranti e stabilimenti balneari“.

Filippo Maria BorioniE’ indispensabile – rimarca Borioni – che venga sanata quanto prima l’attuale e inaccettabile disparità di trattamento a danno delle imprese del settore, generata dal mancato aggiornamento e coordinamento tra le varie disposizioni in materia fiscale e la legislazione che disciplina il turismo. Non è possibile che tutte le categorie del turismo quali alberghi, bar, campeggi e ristoranti godano dell’IVA agevolata al 10% mentre gli stabilimenti balneari siano gli unici costretti ad applicare l’IVA al 21%. Questa mancata agevolazione si ripercuote inevitabilmente sui turisti e su tutti coloro che usufruiscono dei servizi balneari e questo, in un periodo di crisi difficile come quello che stiamo vivendo non va bene“.

Commenti
Ci sono 2 commenti
IO 2013-09-18 15:29:06
prima di pretendere...fatela anche voi bagnini ogni tanto qualche ricevuta fiscale...
Michele 2013-09-18 20:04:11
@IO l'Iva in Italia la pagano solo i dipendenti, i pensionati e tutti quelli che non possono imboscarla. Aumentare l'Iva in un paese con un tasso di evasione mostruoso significa penalizzare le categorie che la devono subire e permettere di rubare ancora di più a chi lo sta già facendo.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura