SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Calcio Uisp: Cicli Cingolani, le riconferme e la questione-attacco

Il team ricomincia dalla certezza di Andrea Morsucci in panchina

2.031 Letture
commenti
Andrea Morsucci

Sarà la stagione delle riconferme per il Cicli Cingolani, che cambia pochissimo a livello di organico e ricomincia dalla certezza di Andrea Morsucci in panchina, ma anche dall’unica, sanguinosa partenza di Matteo Rotatori, rientrato all’ovile a Borgo Molino, là dove era esploso due stagioni fa.

Un paio di volti nuovi, quelli del rientrante Demis Leoni (proveniente dal Roncitelli) e di Marco Raffaeli (un passato alle Casine), oltre alla disponibilità dall’inizio di uomini importanti come Andrea Spadoni ed Antonio Marabese che l’anno scorso erano arrivati soltanto a gennaio. Così mister Morsucci:

Complessivamente sono soddisfatto della rosa che ho a disposizione, certo quella di Rotatori è una perdita grave, davanti abbiamo qualche problema, è un po’ una coperta corta ma ci abitueremo. Per il momento non abbiamo ancora rimpiazzato Matteo, ci sono dei contatti aperti, abbiamo un paio di ragazzi in prova, ma ha senso prendere dei giocatori se sai che possono farti la differenza, altrimenti, se devi aggiungere uomini soltanto per rinfoltire numericamente un organico già completo, rischi di creare poi dei problemi di gestione dello spogliatoio. E questo non andrebbe bene.. Stiamo valutando anche per il portiere, pure in questo caso stiamo vagliando un paio di ragazzi in prova per vedere se fanno al caso nostro; se così non dovesse essere, ripiegheremmo comunque sull’esperienza di Giordano Neri, che ci ha fatto capire che vorrebbe lasciare spazio ai più giovani, ma che poi una mano si è sempre dimostrato pronto a darcela“.

L’allenatore del Pianello giudica il suo gruppo:

“Il nostro gruppo è estremamente compatto – prosegue – questa è sempre stata la nostra forza, nel corso degli anni. Sul piano squisitamente tecnico, abbiamo una difesa ed un centrocampo che complessivamente non invidio a nessuno, anzi giudico i due reparti i migliori dell’interno torneo. Il problema vero è là davanti, dove servirebbe per essere pienamente competitivi un potenziale molto più elevato, un uomo da 15 gol a stagione. Vedi, se avessi una sola delle quattro punte del Vallone (una a caso, potresti sceglierla tu…), un Renzi, un Moschini, ti dico senza dubbio che avrei tutte le possibilità per vincere il campionato o quantomeno per giocarmelo fino in fondo. Ma non ce li ho, ed allora non ha senso parlare di ambizioni di vittoria finale…”. Anche se lo scorso anno è arrivata la vittoria in Coppa Disciplina ed il quarto posto in campionato

“Sicuramente dei buoni risultati, considerando anche che in stagione abbiamo patito qualcosa come 12 infortuni che ci hanno decimati, che abbiamo perso il modo a dir poco rocambolesco (per non dir peggio) lo scontro diretto col Vallone che, in caso di vittoria, ci avrebbe proiettato a -2 dalla vetta. Ripetersi sarà difficile, noi proveremo a rendere la vita difficile a tutti ma per favore non parliamo di squadra per vincere, anche perchè poi a vincere, ad iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro sarà una sola, degli altri piazzamenti (per buoni che siano) nessuno si ricorderà…”

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura