SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, morosi per 60 euro: Multiservizi ordina il distacco dell’acqua

Pubblichiamo una lettera di denuncia: "50 casi al giorno per morosità a prescindere dagli importi dovuti"

4.899 Letture
12 commenti
Acqua pubblica

Scriviamo questa lettera per denunciare un fatto grave ed una situazione secondo noi ormai insostenibile. Martedì tre settembre verso le due del pomeriggio è arrivato a casa nostra, a Roncitelli di Senigallia un furgone dell’azienda Multiservizi guidato da un operaio che aveva l’ordine di staccare la nostra fornitura di acqua per una presunta morosità. Alla nostra richiesta di spiegazioni non ha saputo dirci nulla se non che aveva ricevuto quest’ordine e ci ha comunicato un numero di pratica chiedendo anche di poter leggere il contatore.

Indignati ci siamo rifiutati di far proseguire oltre il suo lavoro e ci siamo opposti fermamente a qualsiasi operazione di distacco. Abbiamo spiegato che, nella nostra casa, conviviamo in due famiglie con quattro bambini piccoli, che lavoriamo e siamo in grado di pagare le nostre bollette come facciamo regolarmente ma che, anche fossimo stati in debito di qualche decina di euro, non avremmo accettato di subire questo tipo di ritorsioni. Infatti consideriamo l’acqua un bene comune ed un diritto fondamentale a prescindere da ogni questione economica.

L’operaio ha dovuto prendere atto della nostra viva opposizione e si è ritirato, commentando che era stato mandato dalla sede di Ancona ad eseguire questo tipo di operazioni a Senigallia, una zona secondo l’azienda più tranquilla di quella del capoluogo.

Abbiamo poi chiamato il centralino della Multiservizi per chiedere conto di quello che era successo e ci è stato risposto freddamente che l’azienda esegue 50 distacchi al giorno per morosità a prescindere dagli importi dovuti. Nessun riguardo è stato dato al fatto che con noi vivono quattro bambini. Ci è stato anche detto che avremmo dovuto ricevere un avviso in raccomandata, che non ci è mai arrivata, e che il limite minimo di 50 litri al giorno sarebbe stato comunque fornito, particolare che invece l’operaio incaricato non ha minimamente menzionato.

Abbiamo scoperto che la nostra “grave” morosità ammonta a 60 euro di una bolletta di febbraio 2013, mentre abbiamo pagato regolarmente la bolletta di luglio 2013 di ben 100 euro. Fortunatamente saremo in grado di pagare quanto dovuto anche se siamo molto offesi da come siamo stati trattati. Ci chiediamo cosa stia succedendo invece a tutte le famiglie che in gravi difficoltà economiche non sono in grado di farlo e che per cifre anche più esigue si vedono aggredite dalla Multiservizi in un diritto fondamentale come quello all’acqua.

Pensiamo che la politica dei distacchi per morosità alle famiglie sia ingiusta ed inaccettabile e vada rifiutata con forza opponendosi anche attivamente alla pratica dei distacchi.

Il Comune di Senigallia, come tutti gli altri che partecipano all’amministrazione di Multiservizi dovrebbe prendere atto della difficile situazione sociale che stiamo vivendo. Invece di intervenire pagando le bollette in maniera discrezionale e spendendo migliaia di
euro pubblici dovrebbe imporre una moratoria sui distacchi per morosità, far approvare a Multiservizi un sistema di tariffe scaglionate per reddito e pretendere la completa ripubblicizzazione dell’acqua come stabilito chiaramente dall’esito del referendum popolare del giugno 2011.

Invitiamo tutte le famiglie in difficoltà con Multiservizi ad unire le proprie voci per cambiare questa ingiusta situazione. Per questo scopo ci siamo rivolti anche al Comitato per l’Acqua Pubblica di Senigallia per immaginare insieme delle azioni di protesta.
da
Laura Ginocchini
Vittorio Sergi
Diego Carletti
Emma Bignami

Commenti
Ci sono 12 commenti
manu 2013-09-06 13:16:08
salve,mi è successa la stessa cosa nell'estate del 2010.Mentre stavo uscendo con l' auto un operatore era davanti al mio contatore,io gli chiesi se stava prendendo il numero e lui disse di si,io me ne andai.Al ritorno l'amara sorpresa,alla mia telefonata mi dissero che eravamo morosi per una bolletta di conguaglio del2008 di circa 80 euro.midissero che avevo gia' ricevuto la raccomandata,mai vista,e probabilmente anche la famosa bolletta nn era mai arrivata,visto che noi le riceviamo quasi sempre gia' scadute da un anziano che haquesto incarico(???).Beffata dall'operatore,9 persone senz'acqua,di cui 2 minori,pagata la bolletta abbiamo aspettato mezza giornata,nn è arrivato nessuno,abbiamo preso la chiave a pappagallo e ci siamo riaperti l' acqua da soli.ke schifo!
Alessandro 2013-09-06 14:57:48
Mi spiace per l'operaio della multiservizi ma hanno ragione al 100% i signori utenti.
Giulio 2013-09-06 16:34:39
Anche io sento in giro tante storie di questo tipo. Bravi che vi siete ribellati e vi siete fatti sentire, se lo facessero tutti questa politica dei distacchi per morosità finirebbe subito. L'acqua è un bene comune e non è possibile che una azienda, oltretutto anche partecipata pubblica dai nostri comuni, si comporti in questo modo! Operai di Multiservizi, invece di andare in giro a fare questi lavori vergognosi lavorate per il bene di tutti e difendete la nostra acqua.
leo mancini 2013-09-06 18:56:44
basterebbe una telefonata da parte della società prima di procedere e comunque trovo assurdo e inaccettabile il distacco del servizo
Marco 2013-09-06 23:16:25
da noi esiste fare le cose di sottarfugio...la Multiservizzi deve mandare le bollette almeno 20 giorni prima che scade la bolletta. Non si devono meravigliare se gli utenti non pagano alla scadenza. Il distacco non deve avvenire prima della seconda bolletta consecutiva non pagata.
paolo 2013-09-06 23:49:42
Primo :a mio avviso lo sbaglio della Multiservizi, secondo l'articolo e quindi una sola campana, è quello di non aver inviato almeno una raccomandata di sollecito con tanto di date e minacce varie tra cui il distacco. Una Raccomandata costa molto meno di un tecnico che deve andare a fare i distacchi con tutto il tempo che immagino abbia dovuto perdere con l'utente.
Secondo, e qui mi sono arrabbiato molte volte con il Comitato, l'acqua, e questo deve essere chiaro, E' UN BENE COMUNE, LO E' SEMPRE STATO; tanto è vero che la puoi prendere dove vuoi. Se la vuoi dentro casa paghi il SERVIZIO nella sua totalità fino alla depurazione (e sembra che funzioni anche bene visto le bandiere blu ottenute). Una volta i miei genitori andavano al pozzo a prenderla. Se poi vogliamo discutere sul fatto che invece del distacco, per un certo periodo, si limiti il consumo a 50 litri giornalieri se ne può parlare ma non deve passare il messaggio che il SERVIZIO non debba essere pagato. Poi parlate di famiglie disagiate, ma dal 2010 che sto combattendo contro il sistema di raccolta capillare Porta a Porta su tutte le tipologie dei rifiuti con costi del SERVIZIO alle stelle proponendo alternative più vantaggiose ma leggermente più scomode per il cittadino; solo due lettori mi hanno dato ragione. Il sistema che ho da anni proposto farebbe risparmiare alle famiglie 3/4 della bolletta che state pagando.....fate due conti e vedrete che e ne esce per pagare l'acqua. Pertanto continuate a fare battaglie sbagliate perché si pretende la comodità e massimi servizi ma pagando poco......non è così che funziona. Pagare "profumatamente" l'immondizia SI e l'acqua potabile portata a casa NO ? Le famiglie disagiate lo sono anche per pagare la TARES...o sbaglio.
Franco 2013-09-07 08:09:31
OK miglioriamo la comunicazione della Multiservizi...... però, visto che il bilancio dell'azienda alla fine deve pareggiare.... chi dovrebbe pagare i BUFFI????? I soliti scemi che già pagano regolarmente le bollette?????
Cristiano 2013-09-07 09:13:29
E pensare che il PD fu promotore del referendum sull'acqua E LO VINSE ! NON E' DEL PD MANGIALARDI ?
glauco galucoma 2013-09-07 09:48:53
Concordo con Paolo...se parliamo di modalità ...leggendo l'articolo e i vostri commenti ..non posso che accusare Multiservizi del modo in cui applica il distacco …veramente assurdo (nessun preavviso.. di nascosto ...ecc ecc.. la cosa è assurda anche solo perchè alcune volte basterebbe l'avviso e recupererebbe subito i soldi dovuti) altra cosa però è il non pagare il servizio e tutto quello che ruota dietro una azienda...se vuoi un servizio lo paghi ..se non lo vuoi non lo paghi!! La multiservizi ha dei dipendenti da pagare e una struttura da mandare avanti…e se tuti smettessimo di pagare addio sazienda (già in risi nera per una mala gestione.. ma questa è un’altra cosa) questo è il concetto principe del discorso.. non che l'acqua è un bene di tutti… mai la MULTISERVIZI vi ha detto di non comprare l’acqua al centro commerciale oppure di andare in una fonte e prendere taniche d’acqua ..oppure crearvi pozzi ..oppure prendere l’acqua dove meglio credete e volte (anche a titolo gratuito in caso di fonti pubbliche)…qui vi chiedono di pagare il servizio!! Trovo pure fastidioso mettere avanti i bambini per impietosire e così passare dal torto alla ragione…. È un atteggiamento che ha preso piede in Italia e quasi sempre si applica quando si è nel difetto (un esempio un po eccessivo ma che puo far capire è …l’ILVA di Taranto che mette avanti le famiglie in rovina in caso di perdita del posto di lavoro.. a discapito di tumori…bambini nati con difetti ..morte ecc ecc.. ma siccome in casa ci sono i bambini che soffriranno in caso di perdita di lavoro dei genitori. Allora invece di trovare soluzioni vere….. lasciamo tutto così )… questo mio pensiero però non svincola dal fatto che.. se una famiglia è in difficolta il comune e gli enti preposti si dovrebbero sempre attivare per aiutarli (non dico di pagare bollette ecce cc) ma di provare con i mezzi che si hanno oggi a non abbandonarli!!
cri 2013-09-07 15:04:32
Io avevo una morosità di 15 euro di mesi vecchi, ma ho sempre pagato anche gli ultimi mesi con importi molto superiori. Senza nessun avviso, ne lettera e ne telefonata hanno staccato tutto e io non ero in casa al mio ritorno mi sono trovato la sorpresa e ho anche un figlio in casa. la bolletta successiva mi e' arrivato 42 euro di morosità per distacco e riallaccio fornitura!
Daniele 2013-09-07 15:40:20
a mio avviso le bollette vanno pagate,se poi si dimostra che non ci sono i soldi per farlo e si diventa indigenti,per quello che riguarda l'acqua ,sicuramente deve essere continuata la regolare erogazione,nel caso sopra citato e purtroppo ce ne sono molti...bisognerebbe prendere provvedimenti seri e disciplinari a chi dà, questi ordini,ma non certamente condannare l'operaio che li esegue,che non può rifiutarsi.
pie 2013-09-07 22:21:00
L'operaio che distacca, senza dubbio , non centra nulla! Riceve degli ordini! E forse cerca di mantenere il proprio posto di lavoro! Chi x una volta non riesce a pagare la bollette, none'che diventa indigente, forse ha solo bisogno di tempo! Xche ' ci sono anche altre bollette da pagare, ci sono anche altre spese importanti, da affrontare!! La famiglia che ha più figli da cescere e che obbligatoriamente devono andare a scuola, fino a 16 anni, che deve fare?? Da delle priorità!! Allora x tagliare corto come si dice"il pesce puzza dalla testa"!! Chi vuol capire capisca!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura