SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

L’On. Lodolini: “Orgoglioso di aver votato Napolitano Presidente, bene l’incarico a Letta”

"Affrontiamo l'emergenza e le riforme Istituzionali. Nel mentre rifondiamo il PD"

1.264 Letture
commenti
Enrico Letta

Orgoglioso di aver votato Giorgio Napolitano Presidente della Repubblica rivolgo ora all’On. Enrico Letta , eletto nelle Marche, i migliori auguri di buon lavoro per l’incarico ricevuto, accettato con riserva. Gli auguro di portare a termine il tentativo di formare un Governo di Servizio per il bene del Paese“. E’ questo il commento dell’On. Emanuele Lodolini.

L’auspicio è che a sostenere il Governo sia una maggioranza ampia, un governo sostenuto da tutte le forze che sono in Parlamento, con dentro personalità innovative che parlino alle attese dei cittadini e siano rappresentative di tutte le aree politiche, affinchè nessuno possa sottrarsi alla responsabilità verso il Paese invocata dal Presidente Napolitano

Del resto, a mio avviso – continua Lodolini – quello tracciato da un lato da Napolitano nel suo intervento ai Grandi elettori – prosegue Lodolini – e dall’altro dalla Commissione dei “Saggi” è un percorso di CAMBIAMENTO, per traghettare il Paese verso la Terza Repubblica, attraverso una fase costituente di cui il Pd dovrà essere protagonista. Da questo punto di vista l’incarico ricevuto da Enrico Letta, uno di noi, ci aiuta“.

Uso il termine PROGRAMMA DI CAMBIAMENTO, non a caso,  – prosegue il Deputato – ma perché davanti a noi ora quelle riforme istituzionali urgenti e le soluzioni dei problemi economici e sociali. Penso alle riforme economiche, interventi contro la povertà, riforma elettorale e convenzione per le riforme istituzionali. È su questi temi concreti che si deve colmare la distanza tra cittadini e politica“.

Urgentemente occorre risolvere alcune emergenze: il pagamento dei debiti della PA e l’allentamento del Patto di Stabilità, le risorse per la Cassa integrazione in deroga, il finanziamento del Fondo per la salvaguardia dei lavoratori c.d. esodati, la cancellazione dell’aumento dell’Iva, la proroga dei contratti a termine in scadenza nelle pubbliche amministrazioni, la revisione dell’Imu e un piano straordinario per l’occupazione giovanile“.

Per quanto riguarda il Pd invece. Dopo tanti giorni amari in cui abbiamo commesso errori, su cui dovremo tornare a riflettere, dobbiamo ripartire. No alle scissioni nel Pd. L’unica scissione da fare è quella con i vizi della vecchia politica e le furbizie del momento di chi cavalcando le preoccupazioni e le insoddisfazioni del momento cerca di trarne qualche giovamento in logica congressuale imminente. Quanto accaduto nel Pd dimostra, ancora una volta, che occorre rifondare velocemente il Pd, ritrovare un nuovo senso comune di appartenenza e militanza, con protagonista una nuova generazione di dirigenti e di amministratori locali che stanno gestendo in prima persona la crisi.

Commenti
Ci sono 6 commenti
gio 2013-04-26 13:41:17
Bene ha votato napolitano
Prima aveva votato Prodi?
Prima aveva votato Marini?

Vorrei sappere!
Franco Giannini
Franco Giannini 2013-04-26 18:02:22
Con la penuria che c'è di questi tempi, meglio riservarselo (l'orgoglio) per qualche cosa di ben più importante... e ce ne sono tante prima di una scelta, a comando, di un semplice nome. Quando imparerete ad usare ognuno il vostro cervello, sarà sempre troppo tardi, principalmente, purtroppo, per noi.
mariangela 2013-04-26 19:33:29
" un governo di cambiamento...personalità politiche... scissione dai vizi della vecchia vecchia politica"
Ma onorevole Lodolini lo sa che andrà a votare la fiducia ad un governissimo con Amato Vietti Berlusconi Gelmini Brunetta probabilmente ministri? Di che cosa dovrebbe andare orgoglioso? Io piuttosto mi vergognerei di aver affossato Rodotà e Prodi.
Che qualcuno vi illumini! ma lo credo difficile
Mariangela
Paul Manoni 2013-04-26 22:10:35
@Franco, "usare il proprio cervello"?...Vuoi scherzare spero?! Nel PD chi usa il proprio cervello, lo sbattono fuori come sta accadendo con l'unico neoeletto coerente con la volonta dei propri elettori, che gli sia rimasto. Giuseppe Civati detto "Pippo", che non vuole votare la fiducia al governo "inciucio" PD+PDL. Non era Mussolini che diceva:"Con noi, o contro di noi"???...Ecco, appunto. Quando si dice, "Il fascismo degli antifascisti". Manco nel PCUS epuravano in questo modo...! On. Lodolini la COERENZA paga, e spero che gli elettori del PD marchigiani, si ricordino di te e di questo tuo voto di fiducia al governo con Alfano, Gasparri, la Santanché, Brunetta e compagnia bella.
mariangela 2013-04-26 23:58:25
mi permetto di copiare e incollare l'intervista di Civati estratta da una trasmissione radiofonica e pubblicata sul Fattoquotidiano.it. Mi sembra una sintesi ottima sul PD attuale "“Mi fanno ridere quelli che nel Pd la settimana scorsa dicevano ‘mai al governissimo’ e ora lo votano. Questo è nello stesso tempo un governo Letta e un governo Berlusconi. Ma il principale azionista è il Cavaliere“. Sono le parole di Pippo Civati, deputato Pd, intervenuto telefonicamente a “Un giorno da pecora”, su Radio Due. “Si tratta più o meno di tutti i dirigenti del Pd” – continua il politico, che esprime la sua opinione sul toto-ministri – “Brunetta al Lavoro sarebbe traumatico, Violante alla giustizia è scivoloso. Loro, D’Alema, Gelmini e Alfano sono la logica conseguenza della scelta di questo governo”.
MISTER X 2013-04-27 17:42:45
A me fate ridere tutti voi ! ! Pare che siete scesi da Marte questa mattina ! ! L'esito delle elezioni lo avete saputo ? ? Se qualcuno parla di cervello si rivolga al popolo italiano che al momento di votare si è rivolto a Grillo e a quello che questo burattino sta facendo ! ! Altro che PD e soimili
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno