SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia: presentati i risultati del progetto Po.li.s

Aperto in Senegal uno sportello di assistenza rivolto alle donne

1.283 Letture
commenti
Partner del progetto Polis

Presentati, giovedì 7 marzo, alla Sala del Trono di Palazzo del Duca, i risultati del progetto di cooperazione Po.li.s, che – finanziato dalla Regione Marche – dal 2011 ha visto impegnati la Provincia di Ancona, i Comuni di Senigallia e Pikine Est (Senegal), le associazioni Jant Bi sempre di Pikine Est, “Avvocato di strada”, “Festa per la libertà dei popoli”, “Compagnia della Fenice”, “Diappo” e infine la Cipsi (Solidarietà e cooperazione) Roma.


Da novembre 2012 grazie a Po.li.s è aperto a Pikine Est uno sportello di servizi (Guichet) per le donne della città, volto a costruire condizioni più favorevoli in termini di pari opportunità, diritto e accesso al lavoro, integrazione.

I risultati dei primi mesi di attività dello sportello, parlano di circa 120 donne della città senegalese assistite in base alle necessità evidenziate nel corso dei colloqui conoscitivi con gli operatori.

Nella gran parte dei casi, sono state le problematiche socio-sanitarie ed essere segnalate, seguite da quelle relative al lavoro e alla situazione economica, mentre poche sono state le richieste riguardanti il tema dei diritti di genere.

Si tratta di un progetto cooperativo importante, volto a creare un nuovo tipo di approccio verso le donne, non soltanto nella città di Pikine Est, ma in tutto il Senegal“, spiega il presidente nazionale Cipsi Guido Barbera, mentre il sindaco Maurizio Mangialardi e il commissario straordinario della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande evidenziano l’importanza di queste iniziative per “tessere relazioni anche con l’Africa, in un frangente storico che ne necessita più che mai“.

Un lavoro lungo quello di Po.li.s, che ha visto la partecipazione di tanti assistenti sociali che sono entrati direttamente in contatto con un significativo numero di donne di Pikine Est (oltre 700 – molte delle quali provenienti dai quartieri più disagiati della città – pari a circa il 10% delle residenti), intervistandole al fine di capire i reali bisogni degli utenti potenziali dello sportello poi aperto.

Ad emergere, l’urgenza di investimenti nell’istruzione per favorire una crescita delle condizioni socio-economiche della popolazione femminile senegalese.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno