SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
La Grotta di Sale - Centro medico di haloterapia

Un operatore balneare di Senigallia al vertice regionale di Oasi Confartigianato

Di origine fanese, Filippo Maria Borioni, 31 anni, è titolare dei Bagni 77

Filippo Maria Borioni

Filippo Maria Borioni, 31 anni, laureato in Marketing è il nuovo Presidente regionale di Oasi Confartigianato, il sindacato che difende e promuove la categoria degli operatori balneari.

Borioni succede a Gastone Sgueglia Della Marra, ha origini fanesi ed è attualmente titolare dello stabilimento “Bagni 77” a Senigallia. L’ingresso di Borioni alla guida regionale di Oasi avviene in un momento particolarmente acceso per la categoria, in lotta con l’Europa per dirimere la questione Bolkestein. “Oasi Confartigianato esiste per tutelare un segmento di imprenditorialità diffuso sul nostro territorio – dichiara Borioni –  e di evidente importanza strategica per l’assetto socio economico della Regione, che dal turismo balneare e dalla bellezza delle sue spiagge premiate da tante Bandiere Blu trae profitti e un considerevole flusso in incoming di visitatori.

Il comparto balneare marchigiano è costituito per la stragrande maggioranza da micro e piccole imprese a conduzione familiare. Esse sono proprietarie degli impianti, degli arredi, delle attrezzature da cui è costituito lo stabilimento balneare che gestiscono e, con la loro attività, hanno acquisito un “know how” di alta professionalità. Questo tipo di imprese possono esistere solo se hanno in concessione l’area su cui svolgono la loro attività, la cui perdita invece le costringerebbe a chiudere in modo definitivo, non potendo trasferire l’attività altrove. Per questo continuiamo a lottare contro la Bolkestein perché venga riconosciuto il diritto sacrosanto degli operatori balneari di poter continuare a lavorare sulla propria concessione.

Il primo obiettivo di Oasi è difatti evitare l’evidenza pubblica prevista dalla Direttiva, chiedendo soltanto in subordine una legge capace di blindare le attuali concessioni. Non amiamo la polemica fine a sé stessa – conclude Borioni – crediamo nel valore del dialogo e per questo continueremo a far sentire la nostra voce nelle aule opportune, esprimendo senza alcuna soggezione di sorta il nostro parere in merito alla evoluzione della vicenda Bolkestein.

da Confartigianato Marche

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura