SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Il Fondo rapina-stati: il pizzo pagato a Germania, Olanda, Finlandia e Austria

Oltre al danno la beffa: i soldi del meccanismo di stabilità non andranno ai paesi in difficoltà

1.964 Letture
commenti
Onoranze Funebri F.lli Costantini
Il blogger Claudio Messora in un video su Byoblu.com

La farsa dell’assurdo non si ferma e assume tratti ancora più ridicoli. Con l’approvazione del MES, il trattato che il Parlamento italiano ha deciso il 19 luglio, insieme al Fiscal Compact, ottenendo un’attenzione di sole cinque righe e mezza a pagina 7 del Corriere della Sera, abbiamo siglato un accordo molto discutibile, di cui ho già parlato ampiamente negli ultimi mesi, l’ultima volta ieri.

Il MES dovrebbe servire a salvare i paesi in difficoltà, ma oltre al danno di risultare in un nuovo, pesantissimo indebitamento, ora arriva anche la proverbiale beffa: i nostri soldi stanno di fatto arricchendo i ricchi, altro che tenere a galla i poveri.

Accade infatti che il MES richieda agli stati membri di versare un anticipo complessivo di 80 miliardi, che ognuno deve pagare secondo la propria quota parte. La nostra è del 17,9% e dunque l’anticipo richiesto, da saldare in cinque rate, è di 14,32 miliardi. Per la cronaca, con grande solerzia ne abbiamo già pagati 10. L’ho chiesto direttamente a Polillo, dunque direi che la fonte è più che attendibile.

Ma ora cosa succede? La Germania, la Finlandia e l’Olanda hanno comunicato che non considerano più percorribile l’accordo sul salvataggio da 100 miliardi delle banche spagnole, e questo causa una situazione di incertezza che congela ogni mossa del cosiddetto fondo salva-stati, che dunque deve parcheggiare i soldi in un qualche porto sicuro. E quali sono, questi porti sicuri? Sono i titoli di stato degli ultimi paesi in Europa a conservare ancora la tripla A nelle valutazioni delle agenzie di rating, naturalmente. E indovinate quali sono, dunque, questi paesi? Ma la Germania, la Finlandia e l’Olanda. Avevate forse qualche dubbio? Dunque abbiamo appena destinato 10 miliardi, che per ora non serviranno a niente (ma che a noi sarebbero serviti eccome), alle casse dai rendimenti talvolta persino negativi (vedasi Germania) proprio di quelli che non ci vogliono “salvare”. A tempo indeterminato. Tant’è vero che l’Austria, il quarto paese ad avere la tripla A, si è aggiunta in coda, pregustando una bella iniezione di liquidità.

Il fondo salva-stati, anziché “dare” i soldi agli stati in difficoltà, si trasforma così in un fondo che “prende” i soldi dagli stati in difficoltà, per darli a quelli che non ne hanno bisogno e che fanno pure i difficili.

Complimenti per il capolavoro della logica.
Tratto da Byoblu.com

Allegati

Il MES per tutti
Il VIDEO sul MES di Claudio Messora

Commenti
Ci sono 3 commenti
massimo 2012-09-30 09:43:56
Buongiorno a tutti quanti; come volevasi dimostrare anche in questo blog come in tutta Italia la gente è una massa di menefreghisti sperando sempre che non succeda a lui ma agli altri , a cosa mi riferisco alla lettura dell'articolo che forse una letta non farebbe male a nessuno forse aprirebbe le orecchie ed occhi a tutti con credete .
Come possiamo cambiare questo paese se si pensa solo al calcio e alla cazzate scusate il termine ma purtroppo questa è la realtà , siamo il paese che noi tutti quanti abbiamo generato con il nostro menefreghismo ed egoismo personale , prima io e la mia famiglia poi gli altri si arranceranno, questo è il motto di ogni italiano ed infatti ecco che siamo arrivati infondo al barile , e cosa credete che gli altri stati ci aiuteranno penso proprio di no , ascoltate bene cosa dice Claudio Messora .Siamo arrivati al capolinea , che fare forse toglierci dai piedi questi politici ! " pensano prima a se stessi autoproclamandosi come la soluzione , ma dove eravate fino adesso , ma quando pensate al bene del paese e non al vostro bene personale. Penso che sia ora di dare una svolta drastica a tutto questo schifo ,prima di tutto che tutti ma proprio tutti i cittadini scendano in campo per cambiare la situazione , vedi Spagna e presto saremo anche noi in quella situazione ma che vi credete che siamo fuori dalla crisi, ci siamo appena entrati e non siamo neanche al punto più brutto, non credete alla tv che raccontano solo balle, è arrivata l'ora di cambiare altrimenti ciao.
Mary C 2012-09-30 13:34:30
Concordo con te Massimo, purtroppo il popolo italico ha preso l'abitudine di pensare al proprio orticello come dici tu. Proprio in questi giorni la notizia delle rivolte in Spagna era contrapposta alle file nei negozi per l'I Phone 5 in Italia, e già questo dice tutto sul menefreghismo dilagante che c'è nel nostro Paese.
La nostra classe politica negli ultimi 20 anni ha pensato esclusivamente ai cavoli propri, il berlusconismo ha cambiato radicalmente la mentalità della maggior parte della gente, complice una sinistra e un'opposizione inesistente.Valori come la solidarietà, la voglia di informarsi, il rispetto delle regole sono stati soppiantati dall'opportunismo, dall'egoismo e dalla superficialità...
Forse quando saremo davvero alla fame e anche gli ultimi risparmi saranno finiti riapriremo gli occhi....ma ci credo poco.
gio 2012-09-30 20:33:53
è terrificante!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno

Annuncio immobiliare: cercasi appartamento in affitto a Senigallia