SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Caos nel lungomare di Senigallia, Cicconi Massi apprezza la risposta di Mangialardi

Il consigliere Pdl-Ppe propone il "metodo-Cervia" come spunto per un futuro intervento

2.532 Letture
commenti
Scorcelletti - Laboratorio Analisi
Lungomare Dante Alighieri

Ho apprezzato il tenore della risposta che il Sindaco mi ha indirizzato durante l’ultima seduta consiliare a seguito della mia interrogazione relativa alla situazione di caos che si verifica nelle zone dei lungomari dove insistono i pubblici esercizi maggiormente frequentati durante i fine settimana estivi. L’amministrazione ha adottato un’ordinanza al fine di evitare l’utilizzo di vetro per la somministrazione di alimenti e bevande da asporto nelle zone interessate dalla c.d. “movida” serale.

Ho inoltre potuto prendere atto dell’ordinanza volta ad intervenire in via sostitutiva, mediante personale e mezzi dell’ente, l’impresa addetta alla gestione della raccolta rifiuti, qualora permangano situazioni di disservizio.

Interventi necessari, ma oltre a tali provvedimenti, credo che sia quanto mai necessario, che l’amministrazione avvii nel più breve tempo possibile, un tavolo di confronto con gli operatori della zona, gestori di pubblici esercizi, operatori balneari, e albergatori, perché possa essere finalmente adottato un codice di autoregolamentazione, sottoscritto da tutte le parti, che garantisca regole chiare ed impegni precisi da parte di tutti coloro che con le proprie attività commerciali ed economiche, insistono sulla zona dei lungomari.

Regole da trasfondere poi in atti ufficiale dell’ente, in modo tale che l’amministrazione possa così verificare l’esatto rispetto delle stesse e sanzionare tutte le eventuali condotte in violazione.

Sono convinto che sia arrivato il momento della responsabilità, anche da parte delle attività commerciali, che oggi rappresentano un importante punto di riferimento del tessuto economico cittadino e che non debbono essere in alcun modo penalizzate.

E’ giusto e legittimo che quest’ultime possano esercitare liberamente la loro attività, attirando migliaia di avventori nelle serate dei fine settimana, d’altro canto credo sia altrettanto doveroso, che non si possano arrecare danni a cose, ledere diritti di terzi, nonché pregiudicare l’ordine e la pulizia dei beni pubblici, quali strade, marciapiedi ed arenile.

Per questo motivo credo che sia arrivato il momento di attribuire proprio a questi stessi imprenditori il dovere di adempiere agli obblighi di pulizia delle strade e delle aree circostanti ai rispettivi locali, nonché garantire l’ordine pubblico ed il rispetto delle regole di civile convivenza durante le ore notturne (vedi schiamazzi o bisogni fisiologici all’aperto).

In questo senso, ho sottoposto al primo cittadino un’ordinanza del Comune di Cervia, (che si allega) nella quale si regolamentano proprio questi aspetti e che credo possa essere un punto interessante da cui partire per regolamentare tali situazioni anche nel nostro comune.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura