SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, al circolo Arci Gratis Club "Uniti contro la crisi"

Lo spettacolo in programma il 2 dicembre presenterà alla città il progetto "Precari united"

"Uniti contro la crisi"Venerdì 2 dicembre, presso il circolo Arci Gratis Club di Senigallia, si terrà lo spettacolo di frammenti teatrali e musicali promosso da ’Uniti contro la Crisi’ "Non lavorare stanca". Lo spettacolo, di e con Tiziana Scrocca e Roberto Mazzoli, avrà inizio alle ore 21:30.

"Tre donne, tre paesi, tre storie diverse, ma un filo rosso che cuce la narrazione: il mondo del lavoro raccontato secondo prospettive diverse, talvolta in chiave tragicomica, talvolta in chiave drammatica. Due personaggi inventati e presi a prestito dalla quotidianità, ci raccontano la loro storia di precarietà, di sopravivenza, di perdita non solo di dignità, ma anche di senso e identità e accanto a loro, la storia vera di Kostantina Kuneva ,sindacalista che nel 2009 ad Atene, è stata vittima di violenza per il suo impegno politico. Dopo le narrazioni, si farà un piccolo viaggio nella musica brasiliana, alla ricerca di quelle canzoni che hanno espresso la resistenza, la lotta e l’impegno sociale dei suoi autori".

Lo spettacoloserve a presentare formalmente alla cittadinanza il progetto "precari united" nato dentro il collettivo di Uniti Contro la Crisi Senigallia: Una tra le tante storie che parlano di disoccupazione e precariato ci ha dato lo spunto e lo stimolo per dare inizio al progetto "PRECARI UNITED".

Una storia che, come tante, dietro le cifre nasconde lacrime e sangue, sudore, dignità calpestata ma mai perduta, e lotta! In un momento in cui si sta assistendo alla progressiva perdita di quei diritti acquisiti grazie al ciclo di lotte sociali degli anni ’60 e ’70, in cui con l’introduzione delle recenti norme, contenute all’interno della manovra finanziaria, sarà sempre più facile trasferire, delocalizzare e licenziare, sentiamo l’esigenza di creare una forma di tutela autonoma e dal basso a partire da quelle realtà del mondo del lavoro dove le tutele sindacali sono più deboli. Il mondo del lavoro sta cambiando troppo velocemente ed i mezzi utilizzati fino ad ora cominciano ad essere inefficaci.

Riteniamo che sia necessario fronteggiare l’attuale contesto sociale, fondato sull’individualismo, attraverso la condivisione di energie e saperi, attraverso il racconto di esperienze, attraverso lotte comuni. Da almeno dieci anni in Italia ed in Europa si sperimentano forme autonome di lotta sui posti di lavoro, di tutela dei precari e forme di appropriazione di reddito, diretto e indiretto (trasporti, casa, servizi).

Nella nostra regione e nello specifico tessuto produttivo delle Marche sembrava che la precarietà non fosse possibile, oggi è esplosa l’emergenza e sta a noi costruire una risposta. Di qui l’idea di creare una inchiesta sotto forma di una mappatura in cui siano evidenziate le differenti esperienze, dietro ognuna delle quali ci sia una persona o un gruppo di persone, che possano interagire e confrontarsi per intraprendere un cammino comune.

Come prima cosa abbiamo bisogno di storie da raccontare, di capire i contesti in cui si sono realizzate e di dati da confrontare. Rompere l’isolamento e l’impotenza, riprendere l’iniziativa a difesa del lavoro e dei diritti e contro ogni tipo di sfruttamento. A tal fine abbiamo creato un blog in cui chiunque (nell’anonimato, se lo ritiene) potrà inserire la propria esperienza. Mettiamo a disposizione una mail e un numero di telefono.

Per contattarci, incontrarci, conoscerci, discutere, organizzarci; difendere i nostri diritti e conquistarne altri. Al termine ti tale lavoro di ricerca e di analisi abbiamo intenzione di realizzare un database, a partire dalla provincia di Ancona ed una mappa ad esso associata, con lo scopo di dare visibilità a tutte quelle singole esperienze che altrimenti rimarrebbero sommerse.

Lo scopo non è quello di fare una ricerca di analisi statistica, sterile e fine a se stessa, che avrebbe altrimenti come unico risultato quello di unire una lista di "sfighe" bensì quello di creare una rete di esperienze dietro le quali ci sono le storie di uomini e donne ed il loro desiderio di giustizia ed uguaglianza. Il nostri diritti, il nostro lavoro, la nostra dignità non li difenderà nessuno se non lo facciamo noi. E’ arrivato il momento di uscire dall’isolamento, connetterci e lottare. LA PRECARIETÀ DIVIDE, LA LOTTA UNISCE!

Blog: //precariunited.blogspot.com/

da Uniti Contro la Crisi – Senigallia

Pubblicato Giovedì 1 dicembre, 2011 
alle ore 22:43
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura