SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Cucine di Borgo: a Senigallia l’edizione 2011 tra solidarietà e sostenibilità

Festival dei sapori dal 22 al 24 luglio al Foro Annonario con le associazioni del territorio

Presentazione di Cucine di BorgoAl via "Cucine di Borgo", la tradizionale rassegna dedicata ai sapori del territorio di Senigallia. Una manifestazione frutto della collaborazione tra Comune e tredici associazioni dell’hinterland senigalliese che si svolgerà presso il Foro Annonario: lì saranno presentati e valorizzati piatti tipici di ogni zona oltre che promosse iniziative di solidarietà e sostenibilità ambientale.

Nel suggestivo scenario del Foro Annonario dunque è prevista la tre giorni che guiderà cittadini e turisti alla scoperta dei profumi e tipicità del nostro territorio, nonché dei saperi, valori e significati delle tradizioni contadine e marinare che col tempo rischiano di andar perdute.
"Saranno giorni condotti con dedizione, passione, relazione e fine a sé stessa – dice il Sindaco Maurizio Mangialardi – senza alcun tornaconto, se non fatica dedicata agli altri. Si tratta, infatti, della festa cittadina più importante per chi si trova ad amministrare".

Dodici le frazioni coinvolte nell’iniziativa, corrispondenti a frazioni del territorio senigalliese: Filetto, Montignano, S. Silvestro, Vallone, Ciarnin, Cesano, Borgo Bicchia, Castellaro, Scapezzano, S. Angelo, Cesanella, Roncitelli. Ognuna di queste presenterà i piatti tipici che si possono solitamente ritrovare nella tradizionale sagra che promuove, che col passare del tempo hanno conosciuto un notevole successo.

Ma l’edizione 2011 va oltre la solita "sagra delle sagre" e si caratterizza per una riflessione su due temi di stretta attualità ed interesse: la sostenibilità e la solidarietà.
Grazie alla sinergia di importanti realtà – Consorzio Solidarietà, Bottega del Commercio Equo & Solidale di Senigallia e Cir 33, è stato approvato un progetto che prevede:
– l’utilizzo di prodotti biologici a km 0 per sostenere i produttori locali e il commercio equo-solidale (come il pane di Casabianca e il caffè del Commercio Equo & Solidale);
– l’utilizzo di piatti, stoviglie, posate, tovaglioli realizzati con materiali eco compatibili ricavati da sostanze di origine naturale, del tutto compostabili in humus fertile;
– l’uso di materiali per la comunicazione dell’evento in carta riciclata;
– l’usufrutto di acqua pubblica della sorgente di Gorgovivo alla spina (liscia e gasata) più buona e sostenibile dal punto di vista ambientale).
– l’acquisto di tutti i prodotti da cooperative no-profit.

Locandina di Cucine di Borgo 2011A collaborare nel corso delle serate saranno i giovani frequentanti le comunità "Abili Percorsi" e "Comunità L’Orizzonte" che serviranno ai tavoli nel corso della cena tipica.

Sostenibilità e solidarietà che – a detta di Lucio Cimarelli, Presidente del Consorzio Solidarietà – cercheranno di dare risposte concrete a problemi reali, senza leggi e proclami.

Conclude Paola Curzi, Assessore alle Attività Economiche: "Cucine di Borgo non si presenta come ’sagra delle sagre’ ma con un progetto più ampio che vuole essere propositivo come modello di consumo e stile di vita. Un elemento del passato di tradizione con i giovani delle comunità".

di Simone Paolasini

Simone Paolasini
Pubblicato Mercoledì 20 luglio, 2011 
alle ore 15:45
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Solo un commento
giorgino 2011-07-20 20:39:49
cucine di borgo
vuol dire semplicemente che gli abitanti del centro storico di senigallia non riescono ad organizzarsi per fare un po di festa tra di loro
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura