SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Notte della Rotonda 2013 a Senigallia: tanta gente nonostante il tempo incerto

Meno folla in strada (e meno caos rispetto al 2012) tra spettacoli, fuochi d'artificio e feste in spiaggia - FOTO

7.526 Letture
29 commenti
Fuochi d'artificio per la Notte della Rotonda 2013 a Senigallia

Tanta gente in strada in occasione della Notte della Rotonda, ovvero il simbolico compleanno della riapertura della celebre rotonda di Senigallia che dal 2006 viene celebrato a metà luglio. Tanta ma non come negli anni passati quando si parlava di “fiumi in piena”: una folla di persone che ha invaso tutto il lungomare di Senigallia, dal Marconi al D.Alighieri, e che, nel bene o nel male, ha animato Senigallia.

E per la notte bianca la spiaggia di velluto non s’è fatta mancare di nulla: dal concerto in piazza ai fuochi d’artificio, dalle feste sulla battigia agli spettacoli in centro storico, dall’ebbrezza alcolica a piccoli episodi che hanno rovinato la festa fino al parcheggio “selvaggio” in ogni marciapiede che poteva “ospitare” per qualche ora un veicolo. GUARDA LA GALLERY DI FOTO

La folla di persone per la Notte della Rotonda 2013 a SenigalliaFin dalle prime ore della serata di sabato 13 luglio erano tante – l’impressione è che il maltempo abbia comunque rovinato un po’ i piani – le persone che si affrettavano a raggiungere il luogo della cena o della festa, sia in spiaggia sia nel centro storico, mai così affollati come durante l’annuale notte bianca (mentre il corso II Giugno pieno di persone, il Foro Annonario si presentava invece deserto). Persone che si sono poi riversate verso il piazzale della libertà, davanti alla celebre rotonda sul mare, per assistere al concerto di JJ Vianello e della sua band, poi ai fuochi d’artificio.
Musica per un target principalmente adulto, anche se non sono mancati i gruppetti di giovani che ballavano sulle note dello swing, del blues e del rock italiano, grazie alla carica di JJ Vianello e della formazione di sei elementi. Musica a metà strada tra un Mario Biondi e un Micheal Bublè, tra tecnica musicale e verve sul palco, ma soprattutto uno spettacolo che sembra aver accontentato le numerose persone che hanno applaudito la band fino a poco prima dell’una, quando è partita la seconda parte della notte bianca 2013.

Prima però, lo spettacolo pirotecnico dal tetto della Rotonda a Mare: uno scenario suggestivo, anche se non nuovo per i senigalliesi residenti. Veloce e non certo noioso, ha tenuto per una quarto d’ora circa i nasi all’insù tra botti, fischioni, girandole e colori. Lo spettacolo dei fuochi d’artificio era compreso in un pacchetto “annuale” che contiene anche quelli di metà agosto, dato che l’Amministrazione comunale è andata – visti i tempi duri – un po’ sul risparmio.

Corso II Giugno pieno per la Notte della Rotonda 2013 a SenigalliaIl concerto di JJ Vianello a Senigallia per la Notte della Rotonda 2013La folla di persone per la Notte della Rotonda 2013 a Senigallia

Poi le feste in spiaggia. Erano molti i giovani che hanno preso d’assalto gli stabilimenti dove si tenevano feste, con musica sparata ad alto volume e luci come in discoteca, fino alle 4 del mattino. Ma qui, oltre al divertimento, bisognerebbe parlare anche dell’abuso di alcol, spesso due temi molto legati.
Diversi gli episodi spiacevoli e i comportamenti molesti che hanno da un lato infastidito, dall’altro preoccupato chi voleva godersi in pieno la festa. Certo è che alle forze dell’ordine non sono state segnalate risse, anche se di giovani in pessime condizioni ve n’erano parecchi. Una decina circa in questo senso, gli interventi del 118 per prestare soccorso a chi è andato oltre la semplice bevuta in compagnia.

Ai carabinieri è arrivata la denuncia di un trentenne di Corinaldo residente ad Ostra Vetere che ha raccontato di essere stato rapinato, mentre si trovava in spiaggia, da due uomini di probabili origini nordafricane. L’uomo ha dichiarato di non ricordare quasi nulla, essendo ubriaco al momento del fatto, pertanto non era in grado di fornire alcuna descrizione dei rapinatori. I due malviventi, secondo il racconto, lo avrebbero minacciato con un coltello e poi, dopo averlo bloccato, gli avrebbero sottratto soldi ed un cellulare. Scarni gli elementi forniti per risalire all’identità degli autori, ma sono comunque in corso le indagini dei Carabinieri.

Giovani e alcol per le strade di SenigalliaIl traffico a Senigallia sulla Statale 16 Adriatica La movida senigalliese durante la Notte della Rotonda 2013

Discorso a parte merita la viabilità. Senigallia ha fondamentalmente retto il gran traffico, anche se ciò lo si deve un po’ (forse) anche al tempo incerto che ha limitato gli accessi in città. Intasata la Statale, con macchine a passo d’uomo fino alle prime ore della notte, anche se è un fenomeno che si presenta pure nei normali weekend. Scarse le notizie di incidenti o problematiche legate alla guida sotto effetto di stupefacenti o alcol: nonostante i numerosi controlli da parte delle forze dell’ordine impegnate, sia in divisa che in borghese, non sono stati riscontrati volumi di merce illegale o alcol superiori alla normale vicissitudine del fine settimana a Senigallia. Di multe ne sono fioccate parecchie, a quanto riferiscono dalla Polizia senigalliese, ma – nonostante il buon senso – si trovavano macchine parcheggiate ovunque, anche in mezzo ad un incrocio di ben tre strade come piazza Toti.

Commenti
Ci sono 29 commenti
cicci 2013-07-14 21:19:47
j j Vianello,musica a metà strada tra Mario Biondi e un Micheal Bublè ah ah ah!!! Ma co dici!?
Un povero tra i poveri (di politica) 2013-07-14 22:26:25
"NON CONDIVIDO IL TESTO - TROPPO BUONO"
Troppo buono per raccontare quello che è successo sino alle ore 01,00 e dopo???? molti sono andati a letto frastornati dal rumore della musica (se così si può chiamare) e dai fumi dell'alcool in terra compreso quello che era stato mangiato prima ed il contenitore esterno (ragazzi e/o ragazze). In alcuni casi, nel camminare nelle traverse del lungomare, c'era d'aver paura. Cosa c'entra questo con la festa della Rotonda???
La notte bianca che festa è??? Chiamatela come volete, anche serata della sbornia, e ragazzi dei dintorni verranno a Senigallia per far vedere che la prende più grossa, rischiando il coma etilico, solo alcuni casi vengono segnalati al 118, molti vengono nascosti lasciando in terra "l'amico" che non è più in grado di ragionare e reggersi in piedi. Tanto è di questo che di tratta. Perchè fare queste feste e rischiare la vita di qualche ragazzino/a dai 13 anni in su. Lo so il "Dio" denaro. Ma il Sindaco perchè non abolisce queste manifestazioni di idiozzia??? Aspetta di avere un morto sulla coscienza??? ma non sarà mai colpa sua, il mondo è pieno di idioti e non è colpa sua se un idiota ogni tanto muore. Il morto sarà santificato sull'altare del "Dio" denaro. Questa non è la mia Senigallia, non la riconosco più, le coscienze di quelli che vendono alccol ai minorenni non fanno rumore??? Inutile lavarsela chiedendo l'intervento delle forze dell'ordine o progettando piani di controllo, eliminate il problema alla fonte niente più festa BIANCA - ROSA - NERA o dell'alcool.
pie 2013-07-14 23:53:49
Condivido! E'una festa di che??
laura 2013-07-15 00:13:22
condivido perfettamente con lei!
Betto Lelli 2013-07-15 01:51:49
Ho trovato il programma dell'edizione 2007: http://www.senigallianotizie.it/1184321097/poche-ore-e-inizia-la-grande-notte-bianca-della-rotonda-a-senigallia
Spicca l'impoverimento quantitativo e culturale: sei anni fa si parlava di "viaggio di assaggio attraverso la città e le iniziative che la terranno accesa" - la festa "da mezzanotte in poi si spanderà attraverso tutto lo spazio cittadino coinvolgendo piazze, vie, portici" - "oltre alla musica si incontreranno artisti di strada e spettacoli di ogni tipo". Il Foro Annonario nel 2007: "La struttura gonfiabile itinerante che ospita i progetti degli allievi del Centro Sperimentale di Design Poliarte di Ancona, è posizionata al Foro Annonario. Il magnifico Foro, di giorno piazza delle erbe e di notte cuore di intrattenimento per tutta l’estate, ospita anche altre iniziative. Nella Pescheria del Foro dalle 3 alle 4.30, la compagnia Teatri Solubili propone un “Notturno tra ritmi e parole...". Nel 2013, ci riferisce Carlo Leone "il Foro Annonario si presentava invece deserto".
Cosa è cambiato da allora: senz'altro la 'crisi' economica e conseguenti 'spending review'+'patto di stabilità' impongono 'tagli lineari' ecc. ecc. Poi si è imposta (ovunque, non solo a Senigallia) quella 'cosa' riassumibile con il termine 'movida' (che fino a pochi anni fa nei giornali/tg semplicemente non esisteva). Per rispondere a Un povero tra i poveri (intervento che condivido):"Ma il Sindaco perchè non abolisce queste manifestazioni di idiozia?" propongo un altro copia/incolla: http://www.bignotizie.it/news/rubriche/le-opinioni/15252-movida-un-mikto-negativo-e-un-modo-sbagliato-di-intendere-il-divertimento.html E' un breve articolo relativo alla movida a Civitavecchia, che trovo perfetto per la domanda sopra, a dimostrazione anche del fatto che questi 'problemi' non sono solo di Senigallia.
Michele 2013-07-15 08:29:42
Sono d'accordo e non si tratta solo di notti bianche, il consumo di alcolici tra i minori e' diffusissimo. Aspettiamo il secondo round con il summer jamboree.
Cornelio 2013-07-15 09:11:04
Pensare che i giovani minorenni consumano alcool a causa della notte bianca lo trovo ridicolo. Se nn era per la notte sarebbe stato un'altra notte (ai miei tempi era la notte a cavallo tra il 14 e 15 agosto). Insomma... una "scusa" per bere (chi vuole farlo) la trova sempre. Il problema è altrove.
Stefano. 2013-07-15 09:19:19
Analisi molto, ma molto ottimistica. Meno peggio dello scorso anno ma sempre una festa ops (io la chiamerei bolgia perché si tratta di bolgia vera e propria), che è servita per vendere alcolici da parte di supermercati e bar sopratutto supermercati con la compiacenza di qualche maggiorenne o svista da parte del personale (pertanto a me come la maggior parte dei Senigalliesi non ne trarrà vantaggio). Si parla di ragazzini che sono arrivati al coma etilico!!!! Ma credete veramente che questo tipo di bolgie serva a favorire il turismo? A cosa serve, a chi serve per quale motivo dobbiamo copiare quello che succede ad esempio a Ibiza & co. Ma veramente qualcuno ancora crede che il beneficio/danno ancora sia a favore dei benefici? Ma perché dobbiamo permettere di rovinare il cervello di questi ragazzi, alcuni che vomitavano in spiaggia, chi vomitava in acqua mentre facevano il bagno, una visione apocalittica da vero disgusto! Poi si vieta al cane di entrare in spiaggia! Fermiamo queste bolgie e dedicare i soldi a feste più consone alla città, le bolgie lasciamole ad altre città o paesi. Senza parlare del danno ambientale, io cittadino vengo preso per le orecchie se non ho differenziato bene, ma permettete a TUTTI i locali di gettare tutto nel grigio? (Non avevo con me macchina fotografica ma vi avrei fatto vedere cosa veniva fuori perché stracolmi dai bidoni del grigio). Ed io che faccio una fatica del diavolo per differenziare per ritrovarmi a malapena mezzo sacchetto alla settimana vedo questi che fanno come ca@@@ gli pare! No lo trovo giusto!! Il danno economico? Tutto il personale sanitario, di sicurezza, personale addetto alla pulizia delle strade e tanti altri pagati in straordinario, festivo e in alcuni casi notturno! Poi non lamentiamoci che chiudono i reparti, che i servizi di sicurezza hanno i veicoli vetusti. Per favore aboliamo le bolgie, Il mio compleanno e da mo che non lo festeggio pensa quando gliene frega alla rotonda!
Mario Rosso 2013-07-15 10:17:42
Comunque non si può dare sempre e solo la colpa al Comune, non mi venite a dire che non ti accorgi se tuo figlio ha fumato tutta la sera o torna ubriaco fradicio. Mi piacerebbe sapere quale provvedimento prende un genitore dopo che ha ritirato il figlio al pronto soccorso in coma etilico.
pie 2013-07-15 12:09:35
E' mi pareva strano che la colpa non e'dei genitori!!!
Tu che cosa faresti???
Torakiki 2013-07-15 12:26:46
Eccone una, ebbene si è una ragazza...
http://www.corriereadriatico.it/aprifoto.php?id=304098
Mario Rosso 2013-07-15 13:24:25
Due calci in culo come una, volta e ripagare i danni con lavori sociali. Guarda che facendo finta di niente fai solo un danno ai tuoi figli, pensi sia salutare un comportamento del genere? Pensi che un ragazzo o ragazza di 15-16 anni sia in grado di capire che ubriacarsi in quel modo o fumare avra' conseguenze sulla sua salute e sviluppo? Chi dovrebbe intervenire secondo te? La responsabilita' dei figli e dei genitori pie, che sia piu' o meno difficile.
Hook60 2013-07-15 13:54:49
Gent.le Pie, e' più serio responsabilizzare la famiglia che non dare la colpa alle istituzioni, chi scrive e' da tempo che si domanda e domanda che cosa abbia a che fare con la ns. Cultura una manifestazione come il Summer J. ma, siamo noi genitori il primo baluardo a difesa dei ns figli, se vediamo in giro fino a tardi gruppi di adolescenti sotto i 16 anni, la colpa e' del comune? Non scherziamo, chiedere all'amm.ne una scelta più idonea di manifestazioni e' un conto, dire che tali manifestazioni siano la causa del degrado giovanile significa essere veramente superficiali e sfuggire ai propri compiti di educatore, tali dovrebbero essere i genitori.
Hook60 2013-07-15 13:57:52
Concordo sig. Mario Rosso ma, molti genitori trovano non moderno occuparsi dell'educazione dei figli, loro sono amici dei propri figli. Non esiste noi siamo padri e madri gli amici sono altra cosa. Sono pronto alle critiche dei sociologi perbenisti.
Catlo 2013-07-15 14:44:06
Il commento di pie, mi fa rabbrividire.spiega perché ci sono certi balordi in giro.Genitore nn sei perché hai figli, bisogna educarli qst figli!!
roberto 2013-07-15 15:17:56
è inammissibile che un ente pubblico con i soldi dei cittadini permetta che si svolga una manifestazione che è l'inno all'alcool e dello sballo! mi vergogno di appartenere a questa società!
Un povero tra i poveri (di politica) 2013-07-15 15:21:40
PER MARIO ROSSO.
Non è da me aprire discussioni tra singoli, ma volevo farle presente che il codice civile, rapporti di famiglia, è cambiato da molti anni, ed i figli non si educa più con calci "nel culo", (è reato dare uno schiaffo ad un figlio) ma con il dialogo e spiegando le cose, quando i genitori sono presenti ed entrambi sotto lo stesso tetto (questo era vero una volta), oggi le cose sono profondamente cambiate. Difficilmente entrambi i genitori vivono sotto lo stesso tetto poi che entrambi seguano i figli nel loro sviluppo. Queste famiglie, per me normali, sono divenute anormalità. Una volta non c'erano tutte queste macchine, motorini e mezzi di trasporto per spostarsi liberamente, per i ragazzi, e seguire i propri figli per scoprire cosa combinavano in giro era più facile. Provi lei, oggi, a seguire un figlio e magari in una "manifestazione" del genere. Mi ripeto, meglio eliminare il problema alla fonte, ABOLIRE QUESTO TIPO DI MANIFESTAZIONI. I figli, assorbono tutto come delle spugne, vanno educati al bello ed al bene, se gli proponiamo il brutto avemo il brutto anche da loro. Insomma altro tipo di manifestazioni non queste. Le chiedo scusa sig. Mario Rosso, ma la mia non vuole essere una critica diretta a lei, forse un modo diverso di porre le cose. I figli non si possono tenere chiusi in casa, devono fare le loro esperienze, un genitore può solo spiegargli le cose, anche più volte, e sperare che capiscano quali esperienze fare e quali no.
alexia 2013-07-15 15:47:42
ma quale colpa del comune?! se un ragazzino di 13 anni entra in coma etilico è colpa del comune?! ma per favore. tanto anche se vietassero di vendere alcolici ai minorenni, questi ragazzini di 13 anni esaltati, un modo per bere lo troverebbero sempre e comunque. la colpa è solo dei genitori! non capisco perchè una festa come la notte bianca dovrebbe essere abolita per colpa di questi 4 disgraziati che a quell'età bevono e fumano come degli idioti. Cavoli loro, e soprattutto cavoli dei genitori. Imparassero a stare di più dietro ai figli!
Mario Rosso 2013-07-15 16:13:30
@Un povero tra i poveri (di politica) Massimo rispetto per la sua idea e per tutte le idee degli altri, ritengo comunque che i "nuovi metodi educativi" sia pessimi sotto tutti gli aspetti e alquanto inefficaci, il degrado che ne consegue è una prova lampante. Nuovo non significa migliore, se non funziona si può cambiare ancora o tornare indietro. Parlare con un ragazzino di 15 anni pensando che possa valutare certe cose lo vedo alquanto utopico.
Hook60 2013-07-15 16:46:02
Se dovessimo seguire il suo pensiero, povero tra poveri (di politica) dovremmo vietare le manifestazioni sportive, i concerti, le manifestazioni politiche e, a quel punto qualsiasi manifestazione pubblica. Bene! Lo stato, la collettività risulterebbe battuta da un minuscolo gruppo di stupidi. No mi spiace ma, il suo argomentare, e' illogico, allora per evitare di farsi rubare l'orologio basta non indossarlo e via fino al paradosso.
Il nucleo sul quale si basa la società e' la famiglia, riconosciuta o no, ma è la famiglia ed i genitori devono avere la capacità, il piacere e l'onere di educare i figli, e' vero adesso e' più difficile essere genitori ma il problema e' che molti di noi non hanno voglia di essere educatori, forse perché educare vuol dire offrire degli esempi positivi, credibili e, molti di noi non sono esempi stimolanti per i propri figli. Parlo da padre che si mette in discussione ogni momento con i miei limiti, le mie esperienze i miei errori ma non fuggo dalle responsabilità di padre. I genitori non possono evitare ai figli di sbagliare ma devono indicare una via ma, forse, mi ripeto molti di noi non hanno nulla da dare ai propri figli.
Allora non diamo la colpa alla società, alle istituzioni ma semplicemente prendiamo atto che i ns figli non hanno nei loro genitori una guida autorevole e credibile.
Vede gent.le commentatore, passi un po' di tempo ad esaminare gli adulti e poi rifletta sui giovani. Smettiamola di criticare sempre e superficialmente i ns ragazzi, sono i ns figli e vivono nella società che noi abbiamo contribuito a costruire.
Alessandro 2013-07-15 17:03:56
E basta con i soliti commenti perbenisti, come se per colpa di 50 ubriachi che non sanno gestire una sbronza bisognasse impedire una festa che fa divertire decine di migliaia di persone (e fa guadagnare molti altri tra proprietari di bar, locali, ristoranti, ecc..). Viva la notte bianca (magari con qualche iniziativa in più per un target di non adolescenti)e abbasso i perbenisti dietro la tastiera!
PS. Tra l'altro se ci fossero musica e feste in spiaggia un po più spesso non ci sarebbe tutta questa "ansia da prestazione" per la notte bianca, con le relative conseguenze..
PPS. I giovani si ubriacano perchè il comune organizza questo evento piuttosto che un altro? Ahahah, ma smettetela che non ci credete nemmeno voi!
Andrea 2013-07-15 17:45:04
@Un povero tra i poveri
Tutte scuse...io non lascierei mai mia figlia ridursi in certe condizioni.
A costo di fargli da guardia del corpo tutta la sera o seguirla da lontano o litigare con lei tutta la sera.
Ma è più semplice trovare una scusa giusto?
Un povero tra i poveri (di politica) 2013-07-15 22:09:11
:) "ECCO PERCHE' NON APRO MAI DIBATTITI DIRETTI CON ALTRI"
Alla fine dei dibattiti, ogni persona, risponde senza aver capito bene quello che uno ha scritto dall'inizio, ed il significato di tutto il contesto. Non ho mai detto tutte le manifestazioni, (anzi avevo specificaro) non erano poche decine di ragazzi ridotti in quel modo, (dove eravate?) ecc. ecc., comunque la libertà di una persona arriva sino al limite di dove inizia la libertà di un'altra persona. Le norme di legge bisogna conoscerle, e rispettarle come conoscere anche chi è titolare di certi doveri nei confronti della popolazione e della cittadinanza. Il "sindaco" quì centra eccome. Distinti saluti a tutti e in particolare a tutti quei papà, come me, che parlano, spiegano e discutono sempre con i propri figli cercando di mettere dei limiti o freni nel bisogno, ma mai usando le mani, non serve, peggiorate solo le cose.
pie 2013-07-16 01:43:22
Io ho 3 figli! 1 non ha nemmeno preso in considerazione la notte bianca, uno all'1 era gia a casa el'altro e'tornato un po piu tardi delle . Con questo non e' che voglio lavarmi le mani dalle mie responsabilita', assolutamente, voglio dire che forse se se ci fossero meno stimoli esterni sarebbe un po meno faticoso! Comunque nessuno di loro e'stato prelevato dal P. S.! Comunque ,cara Alexia, il tuo commento e' molto semplicistico. Hai figli? Xche'dici che la colpa e' solo dei genitori? Pensi che i genitori dicendo sempredi no ottenganoqualcosa!! Quando ci sono decine di famiglie che permettono ai loro figli di fare tutto!! Io non do la colpa al comune! Dico solo che se non ci fosse stata questa manifestaxione forse sarebbe stato piu'semplice!! Comunque chi rabbrividisce ai miei commenti non conosce la realta' di Senigallia e soprattutto dei giovanissimi!!
Catlo 2013-07-16 08:22:54
Sono fiero dei calci in culo che mio padre qnd era ora mi ha dato. Son serviti più qll che le parole. Mai stato ubriaco in mezzo alla strada come un BARBONE !!!
Cornelio 2013-07-16 10:36:40
Io vedo ragazzini sbronzi anche alle sagre di paese come: Mondolfo, VallonFest, Festa del Contadino, Morro d'Alba, Ostra Vetere, Ostra, Corinaldo, Arcevia, Piticchio ecc... ecc... ecc... Aboliamo tutto? O ci prendiamo la responsabilità dei nostri figli? O la scarichiamo sui diversi Comuni, sindaci, assessori ecc... ?
Sembra che lo scarica barile sia lo sport preferito dei perbenisti all'italiana.
pie 2013-07-16 12:35:04
Se tu la vuoi capire cosi' ok, mi sta bene,ma io non voglio scaricare la responsabilita' su nessuno. Solo vorrei che le istituzioni si preoccupassero un po di piu degli adolescenti!! E'un discorso molto complicato, lo so,ma la responsabilita' non e' solo delle famiglie, e'di tutti. Anche delle istituzioni!!
Michele 2013-07-16 14:20:50
Credo si capire il discorso di pie, chi dà da bere a minori che non possono acquistare alcolici? Siamo proprio sicuri che c'è sempre un maggiorenne che li aiuta, che prendono la bottiglia di nascosto? Non sono un santo è mi è capitato di bere un po' troppo qualche volta (certo mai a questi livelli), nonostante fossi minorenne, ne a me ne a tutto il resto del gruppo è mai stato negato un bicchiere di birra ne tantomeno di superalcolici nei bar. Tutti questi minori che fumano e bevono ma dove la prendono sta roba e soprattutto chi controlla? Quante multe sono state fatte per violazioni di questo tipo? Zero
Hook60 2013-07-17 09:33:04
Sig. Michele lei ha toccato uno dei problemi, noi siamo sempre presi dal criticare le istituzioni che, nella maggior parte delle volte individuamo nella figura apicale del politico ma, i vari dirigenti, comandanti dei vigili, responsabili di pattuglia e via dicendo, dove sono, chi meglio di loro conoscono il territorio e buona parte delle persone che frequentano i vari locali, queste persone hanno la responsabilità della mancata vigilanza ed, eventualmente delle omissioni, e da queste persone che dovremmo chiedere più professionalità, più resoconti, il comune in questo dovrebbe pubblicare i report delle attività della polizia municipale, farci capire che tipo di direttive vengono impartite, questi sono i compiti delle istituzioni ma, anche su questo siamo noi cittadini che dobbiamo pretendere che chi è preposto ad una funzione la svolga con efficienza ed efficacia.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura