SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Marinelli Sisto - Restauri, protezione e colore in edilizia

Altra festa al parco interrotta dalla Polizia a Senigallia, stavolta ai giardini Lorrach

Agenti chiamati ad intervenire, ma nessuna sanzione elevata

3.360 Letture
Un commento
Giardini Lorrach in via dei Gerani a Senigallia

Era il pomeriggio di giovedì 8 aprile, quando ai giardini Lorrach, in via dei Gerani, a Senigallia, è stata chiamata all’intervento una pattuglia della Polizia, perchè ci si stava approntando a festeggiare il compleanno di una bambina.

Allertati, a quanto si apprende, da un passante, gli agenti sono giunti sul posto ed hanno trovato genitori muniti di mascherina e distanziati, mentre i piccoli giocavano tra di loro. Ma i poliziotti hanno dovuto intimare di sparecchiare il buffet predisposto sui tavoli del parco: circostanza, quest’ultima, vietata dalle restrizioni anti Covid-19.

Nessuna sanzione elevata nei confronti delle persone presenti, ma festa di compleanno terminata seduta stante.

Il tutto mentre ancora divampano le polemiche sulla stampa e sui social, da parte di tanti cittadini e dell’opposizione consiliare ed extraconsiliare, per il ritrovo analogamente interrotto dai Carabinieri al parco della Pace, dove si stava per festeggiare il compleanno della figlia del vicesindaco.

Commenti
Solo un commento
Glauco G. 2021-04-11 14:18:49
Voi continuate a denunciare chi vuole vivere libero..intanto...tratto da La Repubblica...per colap del vostro isterismo da covid...Se pensiamo di cominciare a vedere la fine dell’incubo sanitario chiamato Covid, sarà bene sapere che il prezzo che abbiamo pagato e che continueremo a pagare in vite umane fino al giorno di una raggiunta immunità di gregge è un assaggio di quello che ci aspetta. Il giorno in cui ne saremo fuori, faremo i conti con la peggiore delle ondate. Quella che abbiamo colpevolmente rimosso. Quella che porta il nome e la sofferenza delle centinaia di migliaia di pazienti che hanno avuto in sorte di contrarre malattie gravi, potenzialmente letali e invalidanti come e più del Covid, alla vigilia o nel corso di questo anno e mezzo di pandemia. Malati che non hanno avuto più reparti ospedalieri in cui ricoverarsi o che hanno visto diradarsi, fino a scomparire, visite specialistiche ed esami che, per dire, avrebbero potuto diagnosticare tumori prima che la loro metastasi li rendesse non più aggredibili. O che avrebbero anche soltanto impedito che si cronicizzasse un male non ancora tale.

I nuovi dati di Agenas, l’Agenzia sanitaria nazionale delle Regioni, aiutano a comprendere di cosa stiamo parlando. Dello spessore dei danni collaterali della pandemia. Nei primi sei mesi del 2020, i ricoveri sono stati 3,1 milioni, contro i 4,3 dello stesso periodo dell’anno precedente. Il che significa che sono andati perduti 1 milione e duecentomila pazienti, il 28 per cento del totale. Per altro, se si considera che nella statistica sono compresi anche i malati Covid, è agevole concludere che l’attività di cura destinata agli “altri malati” si riduce ulteriormente. E ancora: in 9 mesi, vale a dire da gennaio a settembre 2020, si sono perse qualcosa come 52 milioni di visite specialistiche e prestazioni diagnostiche, cioè il 30 per cento. Milioni di italiani non sono stati dal cardiologo, dal neurologo, dal ginecologo, dall’oculista e non hanno fatto risonanze, ecografie, tac.

Sul sito di Repubblica lo speciale "Danni collaterali"
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura