SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Passione bici: le scelte giuste

Quale abbigliamento tecnico per il ciclismo: le estremità, il busto e le gambe

Passione bici: abbigliamento tecnico ciclismo

Prima di decidersi a uscire su strada con la propria bici, è importante equipaggiarsi in modo adeguato. Indossare un abbigliamento tecnico, infatti, è utile per fronteggiare qualsiasi clima e ogni tipo di situazione. In questo articolo si scoprirà il migliore abbigliamento tecnico per il ciclismo.

Quale abbigliamento tecnico per il ciclismo: le estremità

Soprattutto durante la stagione più fredda, ma anche quando fa molto caldo, è importante dotarsi dell’equipaggiamento più adatto per non trovarsi in difficoltà mentre si è in giro in bicicletta. Il corpo deve mantenersi, specialmente d’inverno, a una temperatura il più possibile costante durante lo sforzo fisico. Le estremità, il volto, le mani e i piedi richiedono un’attenzione particolare rispetto ad altre parti del corpo. È importante proteggere le mani, sia con i sottoguanti che con i guanti; devono essere in grado di resistere anche in condizioni estreme, per esempio se sottoposte a precipitazioni nevose anche prolungate. I migliori guanti da ciclismo hanno una membrana Eurotex in grado di non far bagnare le mani, diminuendo la sensazione di freddo che intorpidisce le dita.

Per quanto riguarda le scarpe, specialmente se si monta una Mountain Bike, sarà bene dotarsi di un paio di scarpe MTB. In ogni caso, qualunque sia la specialità tecnica del percorso, le scarpe da ciclismo devono garantire:

– rigidità: perché migliorano l’efficienza della pedalata;
– aderenza: si potrà optare per scarpe con suole tassellate, perché hanno una maggiore grip sui pedali;
– comfort: il materiale EVA, per esempio, è microporoso e lascia respirare il piede;
– impermeabilità e traspirabilità: il Goretex riesce a soddisfare entrambe le esigenze.

Oltre alle scarpe, un paio di calze adatte renderà migliore l’esperienza ciclistica. Le calze a compressione sono le più gettonate tra gli addetti ai lavori. Aumentano il comfort degli atleti che partecipano a gare in diverse discipline, non solo alle corse in bicicletta; il loro utilizzo favorisce anche una migliore prestazione. Si tratta di calze ergonomiche, per cui risultano più comode in quanto sono differenziate tra il piede destro e il sinistro. All’inizio sembrano troppo strette ma dopo poche pedalate si adattano perfettamente al piede e ci si dimentica di indossarle. Inoltre, le calze devono essere provviste di imbottiture anatomiche, con punto extra-piatto per non creare attrito sulla pelle. La tecnologia in microfibra permette infine una migliore traspirazione, mentre gli ioni d’argento riducono gli odori che si possono creare dopo una pedalata particolarmente impegnativa.

Abbigliamento tecnico per il busto e le gambe

Passando ad analizzare l’abbigliamento tecnico per mantenere costante la temperatura del corpo, il consiglio è di indossare una maglia tecnica a maniche lunghe, che va accompagnata ad altri indumenti che creino un abbigliamento a strati, per affrontare l’escursione termica. L’intimo è fondamentale, se si vuole conservare la giusta temperatura: la parte frontale, quella che affronta le sollecitazioni atmosferiche, come vento e pioggia, dovrebbe essere in windstopper. Al di sopra si può indossare anche una maglia estiva, a cui sovrapporre la maglia termica con le maniche lunghe.

Tuttavia, in bici sono le gambe che lavorano di più, dunque vanno protette adeguatamente, ma solo se è indispensabile, perché non bisogna farle sudare in modo eccessivo. Se la temperatura è molto bassa, è utile proteggerle per preservare i muscoli, che sono soggetti a stiramenti e contratture: sarà ottima la scelta dei pantaloni lunghi e dei gambali, che arrivano a ¾ di gamba oppure possono essere completi.

Il casco è ancora più importante, specialmente se è in grado di assorbire gli urti. Quando si percorrono terreni accidentati, oppure si affronta il bagnato, avere un casco di ottima qualità può fare la differenza in termini di sopravvivenza al trauma da urto. Prima di acquistare un casco è bene assicurarsi che rispetti la normativa europea in materia di caschi; sul modello acquistato deve essere indicata la sigla CE EN1078: significa che il casco è stato testato ed è risultato sicuro e resistente agli urti. Inoltre, bisogna far caso alla calotta; solitamente si trovano in commercio modelli con calotta composta da due parti, una in polistirene espanso e un’altra in policarbonato; questo tipo di casco costa meno perché le due parti sono incollate. Il consiglio è di acquistare un casco che ha le due parti della calotta fuse tra loro.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Emergenza Coronavirus

Coronavirus: tutte le notizie

Ritiro dell'asporto su ordinazione

Ritiro del cibo d'asporto su prenotazione a Senigallia e dintorni

Generi alimentari, di necessità e piatti pronti: consegne a domicilio