SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Il PD di Senigallia in campagna elettorale con Amati e Brignone

Svelate le carte per arrivare al voto di febbraio: sviluppo e modifica di Imu e patto di stabilità

3.465 Letture
commenti
Il PD Senigallia pronto per le politiche 2013

Il Partito Democratico di Senigallia ha aperto ufficialmente, sabato 12 gennaio, la campagna elettorale. Il direttivo di partito, dopo il “successo” delle primarie dello scorso dicembre, ripresenta le due grandi protagoniste scelte dall’elettorato: Silvana Amati e Beatrice Brignone.

La campagna elettorale del centrosinistra si incentrerà principalmente su tre aspetti fondamentali: la modifica dell’IMU, l’alleggerimento del patto di stabilità e la ripresa economica. Proposte condivise e sostenute anche dalla Presidente della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande.

La presenza di due candidate energiche e combattive inorgoglisce il partito e l’amministrazione comunale, tuttavia il Sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi non dimentica l’importanza di certe tematiche, ribadendo la necessità di un netto taglio ai costi della politica e di una manovra di avvicinamento agli enti locali, alle prese con un patto di stabilità non equo.

Nonostante la bagarre elettorale sia ancora agli inizi, tra le fila del PD regna l’ottimismo. Sia il direttivo sia le candidate sono ben consapevoli dell’importanza di un riferimento parlamentare per la città. Confronti diretti con la comunità saranno indispensabili per risollevare le sorti di una politica sempre più nell’occhio del ciclone.

In questo periodo di crisi assoluta un PD unito e propositivo vuole dar vita ad un nuovo modo di fare politica” ha dichiarato Silvana Amati. “Il governo tecnico in quest’ultimo anno non ha affrontato i temi dello sviluppo e della crescita, perciò è tempo di voltare pagina. Per quanto riguarda gli enti locali invece, servono misure di alleggerimento, ma per farlo l’Italia ha bisogno di un Governo stabile e forte“.

Silvana Amati e Beatrice BrignoneMolto fiduciosa è apparsa anche la giovane Beatrice Brignone, la vera protagonista locale delle primarie. “I candidati del PD provengono da contesti diversi, ma tutti vogliono il bene di questo Paese e delle Marche” ha affermato la Brignone. “Credo che oggi la vera carta vincente sia la politica del rinnovamento, ma per dare una svolta concreta bisogna confrontarci. Questo partito si basa sempre su principi democratici e il mio percorso ne è la dimostrazione“.

Entrambe le candidate, inoltre, ritengono che un rapporto stretto e diretto tra rappresentanti parlamentari e Regione Marche sia uno dei passi più importanti per valorizzare il territorio senigalliese e regionale su scala nazionale, ma la strada verso il voto è ancora lunga e nessuno vuol cantare vittoria in anticipo.

Il PD ha dunque rivelato protagonisti e strategie per questa campagna elettorale con la consapevolezza che le sorprese e le difficoltà non mancheranno.

Commenti
Ci sono 8 commenti
Gio 2013-01-13 11:14:03
Il maximo sarebbero due parlamentari di senigallia in parlamento .se la cosa è stata studiata a tavolino nelle botteghe oscure del pd senigalliese i dirigenti sono diabolici
Tarcisio Torreggiani 2013-01-13 11:55:23
Conosco la Amati e spero che ha nessuno venga in mente di votarla.
Non conosco la Brignone speriamo che sia decisamente migiore.
pippo 2013-01-13 17:10:49
La signorina in primo piano è forse Micol Mattei, erede
del dott. Paolo Mattei, dirigente comunale?
Rachele 2013-01-13 19:32:09
Se ci vuole anche spiegare perchè non votare la Sig.ra Amati, SIg. Torreggiani, già che c'è... altrimenti la sua opinione rimane tale. Un'opinione appunto.
donchecco 2013-01-13 19:40:11
Tribunale chiuso, ospedale quasi, negozi storici che chiudono, edilizia pubblica e privata bloccate.........conviene votare i parlamentari Jesi
Rachele 2013-01-13 20:52:34
Poi, forse sarò un pò ignorante però non ho capito questa piccola polemica cittadina Amati-Brignone, sul fatto che secondo Volpini la Amati avrebbe dovuto fare un passo indietro in favore della Brignone. Ma perchè? Se uno vuole votare PD, per la Camera vota Brignone e per il Senato Amati per esempio. Cioè al più è Lodolini o qualcun altro candidato alla Camera ad essere concorrente della Brignone. O no? E poi, se ho capito bene le regole delle primarie sarebbero stati candidati una donna ed un uomo alternati, secondo il numero dei voti e la Amati, se anche per pochi voti, ne ha presi più della BRignone. O no? PEr quanto riguarda la Brignone il suo entusiasmo è una bellissima cosa, gli ideali perfettamente condivisibili e diffusi in tutta la penisola, ma dalle parole della stessa non emerge niente che possa far intuire le strategie per attuarli. E la giovane età non è un merito. Per un osservatore esterno questa querelle potrebbe sembrare la manifestazione di divisioni interne al partito a livello cittadino, dare l'impressione che fra i vari militanti non ci sia dialogo e questo non fa bene ad alcun movimento. Infine, ai fini di una effettiva elezione in Parlamento la Sig.ra Amati è conosciuta in tutta la Regione, la Brignone a parte il nostro hinterland non credo.
ANITA 2013-01-13 22:09:56
Siamo alle solite, pensano solo alla poltrona - Non ho sentito nessuno parlare di legalità o di come combattere la corruzione ed il conflitto di interessi che anche nella nostra piccola città sta dilagando sempre più, MA voi che siete politici o CREDETE di esserlo fate finta di non vedere e di non sentire.
Paolo 2013-01-13 23:22:54
Quante polemiche. Chi viene eletto, viene eletto. Servono solo per votare quello che ordina il comandante Bersani. In cambio di un lauto stipendio.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura