SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

L’Onda Rossa ha percorso Senigallia

Operatori balneari di tutto il litorale adriatico per far sentire la propria voce - Guarda la galleria di FOTO

3.473 Letture
commenti
Onda Rossa anti-Bolkestein in corteo a Senigallia

L’Onda Rossa ha attraversato Senigallia. Erano le 11.30 del 9 ottobre quando gli operatori balneari di diverse località, del litorale adriatico e non solo, hanno dato vita, come da programma, alla manifestazione di protesta contro la direttiva europea Bolkestein che stabilisce la messa all’asta delle concessioni demaniali dopo il 31 dicembre 2015.

Ci si aspettava un vero e proprio ‘tsunami ‘ di gente, invece l’onda rossa è stata probabilmente penalizzata dalle condizioni meteo di certo non favorevoli, ma ha fatto comunque sentire la propria voce lungo le vie di Senigallia. Il corteo partito da Piazzale della Libertà, ha attraversato il centro storico per poi arrivare al Foro Annonario.

Nella pancia del corteo erano presenti esponenti di diverse città tra cui Igea Marina, Porto Sant’Elpidio, Ravenna, Bellaria, Viareggio e tanti altri. Tra la folla, oltre che i rappresentati delle associazioni di categoria coinvolte, anche diversi ‘primi cittadini’ delle città balneari rappresentate. Ad aprire gli interventi, per Senigallia, Enzo Monachesi.

Commenti
Ci sono 6 commenti
Bagno Maria 2012-10-09 22:41:18
Una curiosità. La somma di tutti i 730 di costoro arrivava a quello di un operaio della Sacart?
alfio romiti 2012-10-09 23:43:57
Qualcuno mi può spiegare perchè l'ipotetico arrivo di qualche multinazionale del turismo balneare in Italia sia un fatto così negativo?
Quanti di questi signori rossi hanno fatto investimenti negli ultimi anni, quanti si sono interessati a migliorare il servizio, a renderlo competitivo, quanti hanno cercato nuovi clienti? e quanti si sono messi a sistema? Quanti hanno puntato ad una sana competizione sui prezzi, e quanti sui servizi?
Quanti di questi hanno invece lasciato correre il loro investimento iniziale senza alcun intervento, con le scuse della crisi, della burocrazia, del comune, del maltempo, dei teppisti... e quanti hanno continuato ad incassare "legalmente" senza versare un euro di imposte?
Secondo me qui non si può certo parlare di eccellenza "artigianale" , "familiare" o che sia del territorio. Qui c'è gente che non si è presa alcun rischio di fare impresa e che ora si merita di essere messa in discussione.
E poi (caro Spacca), a parte la figura carismatica del "bagnino", quali sono i benefit di una gestione familiare che non può fare economia di scala, che non può avere appeal verso nuovi clienti, che non ha risorse per gli investimenti, che non si mette d'accordo neanche tra vicini e che di certo non diminuirà i prezzi?

PS: non voglio generalizzare, alcune occasioni saltano all'occhio (e non parlo solo di investimenti in denaro ed in strutture), ma a forza di tutto questo lassismo rischiamo di finire male, vero albergatori? (ah no scusate, voi siete "gli innominabili").
Qui o fate sistema ed investite, o chiudete. E, per come siamo messi male, sarà anche difficile ottenere il supporto della gente comune quando vi diranno di andare a casa .
Giovanni Gregoretti
Giovanni Gregoretti 2012-10-10 00:58:50
caro Alfio Romiti, il tuo commento solleva molti argomenti che io trovo abbastanza giusti. Io da anni frequento pochissimo il mare (eppure sono nato e vissuto in riva al mare) perchè detesto gli stabilimenti balneari, le troppe regole imposte e il troppo casino; quindi conosco poco le realtà che tu descrivi. Mi permetto di porti io qualche domanda: quando arriveranno le multinazionali a prendersi le nostre spiagge, chi stabilirà le regole per la fruizione delle stesse? Avremo ancora spiagge libere? Chi stabilirà i prezzi degli ombrelloni? e in ultimo, il Comune sarà in grado di tutelare gli interessi dei cittadini di Senigallia e dei turisti, o saremo ancora più schiavi di adesso? Grazie.
roberto 2012-10-10 08:11:37
Tutti hanno diritto di esprimere pacificamente le proprie proteste di fronte a decisioni assunte lontano e che li penalizza. Con questa logica di tutti contro tutti, gli italiani sono diventati succubi di un sistema a cui nessuno da solo è in grado di reagire, ma se invece di ridicolizzre le proteste degli altri e ci fosse più solidarietà sui problemi simili (lavoro, tasse,pensioni, ecc)saremmo molto più forti, invece siamo grettamente ancorati alle nostri limitati angoli di visuale, troppo ristretti e penalizzanti.
P.S.: Non sono un bagnino, nè un amico o parente di un bagnino
Evasio 2012-10-10 09:01:06
Ecco, bravo Roberto, ben detto: le tasse. Ne vogliamo parlare?
Michele 2012-10-10 15:21:09
Io le toglierei proprio le concessioni, in Italia le spiagge libere sono molto ridotte rispetto ad altri paesi, e' ridicolo privatizzare una cosa come la spiaggia.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!