SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

In Consiglio discussa l’integrazione degli alunni disabili di Senigallia

Mozione del consigliere Bucari (PD) per garantire civiltà e sensibilità

Manzoni Group
Mezzo per il trasporto di disabili

Nella seduta del 18 aprile, il Consiglio Comunale di Senigallia ha approvato all’unanimità una mozione congiunta sull’integrazione degli alunni disabili nelle scuole.Un atto di grande civiltà e sensibilità, frutto di un percorso condiviso affrontato nella IV Commissione Consiliare, sul tema dell’integrazione degli alunni disabili nelle scuole e di tutti gli aspetti che sottendono a questo fenomeno, con particolare riferimento alle difficoltà operative sorte soprattutto negli ultimi periodi nello stilare Piani Educativi Individualizzati condivisi tra scuola, famiglia e operatori socio–sanitari.

Paradossalmente, infatti, negli ultimi periodi nelle scuole si è assistito da un lato ad una crescita esponenziale di alunni con disabilità o disturbi di apprendimento e dall’altro, purtroppo, ad una riduzione delle figure professionali in servizio presso le U.M.E.E. e quindi ad  una progressiva e sistematica riduzione degli interventi da parte dell’ASUR.

Ciò ci ha quindi indotti a denunciare questo disagio e disservizio e a presentare al Consiglio Comunale la seguente mozione affinchè il Sindaco e la Giunta sviluppino, insieme ai Sindaci del territorio, una forte azione di richiamo verso la Giunta Regionale e la Direzione di Area Vasta, perché si garantiscano scelte eque ed adeguate per l’assegnazione di risorse umane che possano dare risposte concrete alle richieste delle famiglie e delle Istituzioni Scolastiche.

Segue il testo integrale della mozione:

Premesso che
la scuola costituisce un momento importante e fondamentale, nel percorso di crescita di ogni individuo e nell’attuazione del suo progetto di vita, occorre però riconoscere che questo momento diventa ancor più rilevante ed essenziale per l’alunno disabile, offrendo spesso opportunità uniche per l’integrazione e la socializzazione.

Considerato che

l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità costituisce un punto di forza del nostro sistema educativo.

La scuola italiana, infatti, vuole essere una comunità accogliente nella quale tutti gli alunni, a prescindere dalle loro diversità funzionali, possano realizzare esperienze di crescita individuale e sociale.

La piena inclusione degli alunni con disabilità è un obiettivo, quindi, che la scuola persegue attraverso una intensa e articolata progettualità, valorizzando le professionalità interne e le risorse offerte dal territorio.

Riconosciuto

l’impegno significativo sostenuto dall’Amministrazione Comunale per garantire un servizio adeguato di assistenza educativa a supporto dell’alunno disabile.

Considerato che

che nelle scuole del territorio si è assistito ad una crescita rilevante del numero di alunni disabili, con aumento di complessità e problematicità, e di minori che manifestano sempre più bisogni educativi particolari per la presenza di disturbi specifici di apprendimento (D.S.A.).

A fronte di questo incremento si è assistito però ad una inaccettabile riduzione delle figure professionali in servizio presso le Unità Multidisciplinari dell’Età Evolutiva (U.M.E.E.)

Affermata

la forte valenza del confronto tra Scuola ed esperti U.M.E.E. e del loro necessario supporto alla stesura dei Piani Educativi Individualizzati e dei Profili Dinamici Funzionali, secondo i criteri fissati dagli artt.12 e 13 della L. 104/92, è doveroso segnalare molte criticità incontrate negli ultimi periodi.

Genitori, Docenti e Istituzioni scolastiche si sono trovati sempre più soli ad affrontare le problematiche collegate a progetti di integrazione.

Basti pensare che,all’interno dei quattro Istituti Comprensivi di Senigallia, su 116 alunni disabili, l’U.M.E.E. ha potuto garantire,quest’anno, la presenza per la stesura dei P.E.I. solo nel 37% dei casi.

È forte, quindi,l’esigenza da parte della Scuola e della Famiglia di riappropriarsi di maggiori e frequenti contatti con gli operatori socio sanitari, che in passato hanno rappresentato un valido punto di riferimento per la Scuola, che è cresciuta anche grazie alla loro collaborazione ed alla condivisione di strategie terapeutiche ed educativo-didattiche adeguate e competenti.

Per evitare quindi di disperdere tutto il lavoro di grande qualità e professionalità compiuto,

per evitare che le famiglie siano costrette a rivolgersi presso strutture private, a pagamento,

per poter vincere la sfida dell’integrazione, a garanzia della qualità del sistema scolastico

il Consiglio Comunale dà mandato al Sindaco e alla Giunta di:

svolgere, insieme ai Sindaci del territorio, una forte azione di richiamo verso la Giunta Regionale e la Direzione di Area Vasta, perché si garantiscano scelte eque ed adeguate per l’assegnazione di risorse umane che possano dare risposte concrete alle richieste delle famiglie e delle Istituzioni Scolastiche, nel rispetto dei principi sanciti dagli Accordi di Programma Regionale e Provinciale.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura