SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Su ospedale di Senigallia, inaccettabile l’attacco di Saltamartini contro i sindaci”

Mangialardi: "Anzichè dare risposte su carenza dei servizi sanitari, assessore scarica responsabilità su chiunque gli venga in mente"

Maurizio Mangialardi

“Non mi sorprende la protesta di alcuni sindaci del nostro territorio, giustamente infastiditi dalla supponenza con cui l’assessore regionale alla Sanità Saltamartini, anziché dare risposte puntuali sulla carenza dei servizi sanitari, continua a scaricare su chiunque gli venga in mente responsabilità che, dopo oltre un anno e mezzo di governo regionale, sono solamente sue e della giunta regionale.

Comprendo che non è certo facile rimangiarsi le facili promesse della campagna elettorale e prendere atto che la bacchetta magica sfoggiata per lungo tempo era solo un bluff. È però inaccettabile che ora Saltamartini sfoghi le sue frustrazioni contro coloro che, come i sindaci, si battono quotidianamente in prima linea per tutelare la salute pubblica, tacciandoli meschinamente di partigianeria di partito”.

A dirlo è il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi.

“Se Saltamartini – afferma Mangialardi – avesse cercato un’interlocuzione vera con le Amministrazioni locali, utilizzando strumenti istituzionali appropriati come la Conferenza dei sindaci dell’Area vasta invece di organizzare appuntamenti a invito, forse avrebbe compreso meglio di quale natura sono le difficoltà presenti nei territori. E gli avrebbe fatto anche bene, visto che parliamo di un assessore che crede di poter risolvere il problema del Pronto soccorso di Senigallia utilizzando il personale medico dei vari reparti come tappa buchi. Da dove li vorrebbe prendere? Da reparti già sotto organico, così da indebolire anche i dipartimenti che funzionano? Un insulto alla professionalità di tanti nostri bravi medici e all’intelligenza dei nostri concittadini”.

“Personalmente – conclude Mangialardi – da sindaco di Senigallia non ho mai nascosto le difficoltà. E sono consapevole che la loro origine è dovuta ai profondi mutamenti intervenuti nella legislazione nazionale, a partire dal cosiddetto decreto Balduzzi approvato nel 2012, il quale limita la capacità di azione degli enti locali. Tutti gli enti locali, di centrosinistra e centrodestra. Ma questo a Saltamartini non è mai interessato, né quando faceva il sindaco a Cingoli, né ora da assessore regionale. Il suo scopo non è mai stato garantire servizi per i suoi cittadini, bensì fare propaganda politica e far montare la protesta populista contro il Partito Democratico, senza naturalmente mai dare risposte concrete ai bisogni. Esattamente come oggi, nonostante i poteri di assessore regionale alla Sanità e la possibilità di gestire milioni e milioni di euro del Pnrr Sanità, di cui, chi lo ha preceduto, non ha mai avuto disponibilità”.

Commenti
Solo un commento
favi umberto 2022-03-22 07:57:49
Aspetta. tra qualche anno si rivota e col cavolo che vinceranno di nuovo!!!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura