SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Amareggiati dal fatto che il nostro appello non sia stato ascoltato”

Fratelli d'Italia: "avevamo chiesto di mettere a disposizione alberghi per il personale sanitario"

1.563 Letture
commenti
Centro Commerciale Il Maestrale - Senigallia - Marche Ancona
Massimo Bello
 
Fratelli d’Italia è da dieci giorni che propone al Sindaco Mangialardi e al futuro candidato Sindaco Volpini, nonché Presidente della IV ° Commissione regionale della Sanità di  tutelare gli Operatori Sanitari, i familiari, i pazienti e tutte le persone più potenzialmente a rischio di un contagio da Covid-19.
 

Più volte abbiamo chiesto a gran voce, con Comunicati Stampa, la possibilità di mettere a disposizione degli alberghi o degli appartamenti come alloggio temporaneo per gli Operatori Sanitari, in modo da evitare il contatto e il possibile contagio con i propri familiari. Ci eravamo rivolti a Mangialardi e Volpini affinché la nostra proposta, come partito di opposizione, e come espressamente chiesto dal presidente Mattarella, non rimanesse semplicemente un urlo inascoltato, ma bensì un valido aiuto agli Operatori Sanitari e alle loro famiglie, nonché alla cittadinanza tutta.
 
Avevamo chiesto al Sindaco e Presidente ANCI Mangialardi di fare un appello agli albergatori per trovare una o più strutture disponibili a questa operazione di buon senso e di sicurezza sanitaria. 
 
Nulla di tutto ciò, purtroppo e come sempre (Il lupo perde il pelo, ma non il vizio), è stato preso minimamente in considerazione. Gli Operatori Sanitari di Senigallia non possono quindi che “ringraziare” Mangialardi e Volpini per aver ignorato una proposta di buon senso che avrebbe garantito più sicurezza a loro e alle loro famiglie. Alcuni Operatori Sanitari che lavorano nei reparti Covid-19 dell’Ospedale, hanno dichiarato di aver provveduto a proprie spese per un alloggio temporaneo, invece di far ritorno con i familiari come tutela e salvaguardia di genitori, figli e nonni. Fratelli d’Italia ritiene quindi “scandaloso” che l’Amministrazione Mangialardi e lo stesso Volpini, non abbiano ritenuto opportuno “tutelare” chi, in questo momento di particolare eccezionalità, è in prima linea e rischia la propria vita, oltre quella dei propri cari! 
 
Abbiamo però appreso con piacere, dalla stampa, che la Regione ha contattato il Sindaco di Jesi affinché delle strutture alberghiere venissero messe a disposizione delle persone a rischio, del Personale Sanitario e per coloro che sono in quarantena. Fortunatamente, almeno in Regione, in questo momento particolare ed eccezionale per tutto il Paese, qualcuno ancora è in grado di usare il cervello e il buon senso.
Riportiamo le parole del sindaco di Jesi, Bacci, così come riportate dagli organi di stampa:
“Credo sia fondamentale – spiega il sindaco Bacci – avere a disposizione degli hotel che possano ospitare gratuitamente il personale sanitario impegnato al Carlo Urbani, sia quello che viene da fuori Comune e deve sobbarcarsi giornalmente chilometri di strada prima e dopo turni massacranti, sia quello che magari preferisce restare precauzionalmente isolato dal resto dei familiari. Così come ritengo importante che altri hotelpossano ospitare anche chi, per ragioni di quarantena, deve rimanere isolato e magari vive in ridotte abitazioni che non mettono al riparo gli altri componenti della famiglia. Per questi motivi ho confermato alla REGIONE MARCHE – competente in materia e che ha a disposizione risorse per tali misure – la piena collaborazione del Comune affinché possano essere individuate nel nostro territorio strutture alberghiere adeguate in grado di rispondere a questo tipo di esigenze, che sono assolutamente impellenti come mi è stato manifestato sia dal personale medico e infermieristico, sia dai familiari dei malati”.
 
Fratelli d’Italia è amareggiata del “silenzio assordante” del Sindaco Mangialardi e del Candidato Sindaco Volpini (un bel biglietto di “presentazione” alla città per la sua candidatura…Sic!), ma siamo “stupiti” e “perplessi” anche sul come e perché la Regione Marche propone e incentiva la messa a disposizione di hotel per coloro che hanno bisogno. Felici che per Jesi si sia scelta proprio la soluzione da noi prospettata, ma per il resto della regione? Esiste forse Personale Sanitario di serie A, e Personale Sanitario di serie B? 
Fratelli d’Italia, tramite il Consigliere comunale Davide Da Ros, presenterà una interrogazione al Sindaco Mangialardi al prossimo consiglio comunale, forse quel giorno il Sindaco si degnerà di darci una “cortese” risposta.
 
La “morale della favola” appare quindi evidente, e ricalca il modus operandi di questa Amministrazione fin dal 2010, anno del loro (nefasto) avvento: “Anche in presenza di un evento eccezionale questa Amministrazione fa e disfa a suo piacimento senza tenere minimamente in considerazione nessuno, anche in presenza di un appello del Presidente Mattarella che, giustamente, invitava a mettere da parte la politica e le diatribe, per collaborare tutti insieme per sconfiggere il Covid-19”.
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Emergenza Coronavirus

Coronavirus: tutte le notizie

Ritiro dell'asporto su ordinazione

Ritiro del cibo d'asporto su prenotazione a Senigallia e dintorni

Generi alimentari, di necessità e piatti pronti: consegne a domicilio






Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura